Furti di batterie sempre più frequenti

Furti di batterie sempre più frequenti
Marco Berti Quattrini
Rubano le batterie degli scooter elettrici per poi rivenderle sul mercato nero. Il loro bersaglio sono spesso mezzi in sharing
15 aprile 2022

Cresce il numero dei veicoli elettrici e di pari passo si registrano sempre più furti. Come ormai ben sappiamo gran parte del valore dei veicoli la zero emissini è rappresentato dalla pacco batterie. E i ladri si concentrano proprio sulle batterie. I più colpiti sono i veicoli in sharing come le bici e in particolare gli scooter. Le batterie vengono smontate in pochi minuti e poi rivendute. Le celle vengono smembrate ed entrano nel circuito dell'usato ricondizionato o direttamente nel mercato nero. 

Non è però così semplice e tantomeno immediato. I pacchi batterie (sia delle bici  che degli scooter) hanno infatti codifiche e interfacce software piuttosto complesse che richiedono un'organizzazione criminale tecnologicamente molto ben attrezzata. Questa probabilmente è una delle ragioni per cui nei casi di cronaca che si iniziano a riguardare diverse città spesso si legge di vere e proprie organizzazioni. 

E' il caso della di 12 ladri finiti in manette che a Milano infatti si concentravano quasi esclusivamente sul furto delle batterie di scooter elettriciLe persone coinvolte nelle indagini e nelle perquisizioni sono in tutto 19. A loro vengono attribuiti circa 700 furti compiuti tra il 2020 e il 2021. A capo della banda c'erano due milanesi di 34 e 32 anni, con precedenti per furti e stupefacenti. Tra gli arrestati anche due donne.

Le indagini sono iniziate nel 2020 quando City Scoot, uno degli scooter sharing di Milano, ha denunciato un rilevante numero di furti di batterie. In totale si calcolano almeno 600 colpi. Se si considera che ogni batteria ha un valore di circa 1.000 euro si campisce come il servizio di sharing stesse per essere messo in ginocchio. 

Ai ladri invece le batterie venivano pagate 20-30 euro e rivendute dai ricettatori a circa 100. Le celle contenute nel pacco batteria venivano poi rivendute come ricondizionate e utilizzate come componenti per eBike, monopattini, etc... Denunciati sette ricettatori a Cerignola (Foggia), Livorno, Benevento, Rovigo e Milano.

Quello dei furti di batterie è un fenomeno che colpisce in tutt'Italia e in particolare nelle grandi città dove la presenza di veicoli in sharing è più massiccia. Anche a Roma i furti sono in grande crescita con alcune zone più bersagliate, EUR e Montesacro sono in cima alla lista. 

Ultime da Elettrico

Da Automoto.it

Caricamento commenti...