Tanto leggera che non sembra elettrica! Test della Rotwild R.X 275 [VIDEO]

  • di Alex Boyce
Le mtb elettriche stanno diventando sempre più leggere e la neonata categoria "down-country" si sta allargando. Rotwild è una delle prime a tuffarcisi con una e-bike pazzesca
  • di Alex Boyce
4 maggio 2023

Rotwild è un marchio di biciclette tedesco di alta gamma e basso volume che si concentra molto sulla qualità ingegneristica. I loro prodotti sono certamente tra i migliori che abbiamo provato e hanno soluzioni raffinate per piccoli dettagli che li distinguono dalla maggior parte della concorrenza. Recentemente abbiamo provato la Lumen di Scott che fa parte di questa nuova categoria emergente di mountain bike leggere e che combinano cross country e trail. Bene, il caso ha voluto che negli stessi giorni stessimo provando anche la nuova R.X275 proprio di Rotwild, anch'essa una emtb "down country" ovvero in grado di offrire tanta attenzione alla qualità della pedalata e all'efficienza e combinarla con una buona qualità della discesa e, ovviamente, un peso contenuto. Durante l'evento Bike Connection a Marina di Massa abbiamo provato la R.X275 su percorsi piuttosto difficili e su scalate ragionevoli, ovvero le condizioni perfette per capire questa nuova bici. La bilancia dice che con 15,2 kg questa bici è l'e-mtb più leggera sul mercato e questo è stata possibile grazie all'uso del motore leggero TQ con 50 Nm di coppia. Viene fornita con una batteria da 250 Wh e la versione che abbiamo provato ha un pacchetto di componenti molto raffinato basato su Fox e Shimano XTR.

Specifiche:

  • Telaio : Carbon Rotwild 120mm no pivot.
  • Forcella : Fox 34 Kashima
  • Shock: Fox x 120mm Kashima
  • Ruote : DT Swiss HXC 1501 Carbon
  • Motore : TQ HPR50 , 50Nm 250w
  • Batteria : 250 TQ
  • Manubrio : Carbon integrato
  • Peso: 15,2 Kg
  • Prezzo: €12,500

Il telaio è realizzato in carbonio e ha 130 mm di escursione sull'anteriore e 120 mm sulla posteriore. È progettato per utilizzare un flessibile seat stay posteriore e non ha snodi nella zona dell'asse posteriore. Il telaio è super leggero e molto slanciato nel design con una batteria nascosta in un tubo obliquo che sembra una normale bicicletta.

La sospensione è una Fox 34 con un Float X montato sulla parte posteriore. La sospensione è la migliore disponibile dalla Fox ed è della varietà Kashima. Questo è completato dal reggisella Fox Kashima.

Il pacchetto ruote è composto da una DT Swiss HXC 1501 in carbonio con dimensioni di 29” sia all'anteriore che al posteriore con robuste gomme da cross country montate dalla Schwalbe.

Il gruppo di trasmissione è Shimano XTR ed è frenato dai freni XTR. Leggeri e ad alte prestazioni nel controllo della velocità.

La manopola è un design monopezzo che consente il passaggio interno dei cavi se desiderato.

Motore e batteria TQ

Questa è la seconda versione del motore TQ che abbiamo provato e funziona in quasi completo silenzio. Ha 50 Nm di coppia ed è molto regolare nella sua erogazione di potenza e facile da usare. La bici ha una batteria da 250 Wh nel telaio e sono possibili batterie esterne a forma di borraccia da 160 Wh esattamente come abbiamo visto anche sulla Lumen di Scott. Il sistema è controllato da un telecomando che non avevamo mai visto prima e le informazioni vengono visualizzate sul display montato sul tubo superiore. Tutto il sistema è regolabile con l'app di TQ. Il telecomando, quando premuto per qualche secondo, consente al motore di fornire una spinta di potenza per alcuni secondi. La batteria è posizionata nel tubo obliquo, quasi non si nota e garantisce un'autonomia tutto sommato paragonabile alle versioni con batterie di grandi dimensioni dato il risparmio di peso della bici. Questo è dovuto anche all'uso parsimonioso di energia del motore e alla sintonia della pedalata orientata al fitness, molto naturale. La sensazione del motore è morbida e richiede un'importante input da parte del ciclista: insomma bisogna pedalare! Non è una moto che ti porta in cima alla montagna, ma è una e-mtb per ciclisti abituali che vogliono un aiuto in più. Abbiamo trovato la modalità di spinta temporanea ideale per superare sezioni ripide e brevi durante la guida su un singolo sentiero. Questa è una chiara visione del futuro delle bici, in cui un motore può essere utilizzato in questo modo in una bici così leggera e... ci piace!

Sul sentiero

In salita la R.X275 è silenziosa e simile alla guida di una normale mountain-bike in termini di sensazione di peso. La potenza assistita è delicata e non progettata per portarti in cima alla collina con il motore. Abbiamo sentito che questo è il tipo ideale di bici per il Cross-Country con la possibilità di alcune discese dove il sentiero non ha caratteristiche estreme. La posizione di guida è più eretta e hai meno movimento di altezza della sella. Si pedala in modo molto efficiente e le velocità medie sono leggermente superiori rispetto alla guida senza assistenza. La potenza quando entra in gioco integra il ciclista e dà una spinta delicata e progressiva che quasi non si sente. Abbiamo usato la modalità di spinta piuttosto spesso su segmenti di sentiero ripidi ed è stata una delle sensazioni di guida più interessanti che abbiamo avuto negli ultimi anni perché finalmente elimina qualsiasi idea che le bici elettriche siano pesanti. In discesa la bici è stabile ma richiede un controllo preciso sulle discese tecniche; non è una bici per la guida estrema. Ci siamo trovati a non fare grandi salti e atterraggi. Le curve sono veloci e stabili, ma il centro di gravità è decisamente più alto.

Conclusioni

Quella delle "down country" è una nuova categoria di bici elettriche che piacerà agli ultimi scettici che negano che le bici elettriche possano essere divertenti e Rotwild ha creato una bici eccellente. È leggera ed elimina ogni timore di stress legato al peso della bici che limita il piacere della guida. Questa è la prima di molte bici che ci aspettiamo in questa categoria da altri marchi e la qualità del prodotto è eccezionale. Le piccole parti sono ingegnerizzate a un livello così elevato da Rotwild e mettono in evidenza le possibilità che l'ingegneria può raggiungere. La bici a 12.500 euro non è di certo economica, ma è in linea con il prezzo delle migliori bici da Cross-Country. Il fatto che pesi praticamente come una full suspension non elettrica è sorprendente e spiega il prezzo elevato.

Hot now

Caricamento commenti...