GP del giappone

Stoner: "Sono al 50%, ma volevo tornare"

- "Non ne potevo più di stare in casa" commenta il pilota australiano. "Giochi di squadra? Il motociclismo è uno sport individuale" | G. Zamagni, Motegi
Stoner: Sono al 50%, ma volevo tornare


MOTEGI – Mentre Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa ripetono più o meno le stesse frasi di Aragon – Lorenzo: «L’obiettivo è sempre lo stesso: provare a conquistare la pole e la vittoria. Ma se non ci dovessi riuscire va bene anche il podio»; Pedrosa: «Inutile pensare al campionato o alle tre gare consecutive: adesso siamo in Giappone e bisogna fare bene qui e divertirsi», Casey Stoner assapora di nuovo il gusto del motomondiale, delle gare dopo l’operazione alla caviglia destra.

«I medici mi hanno detto che ho fatto benissimo a farmi operare, era l’unica soluzione. L’intervento è servito per pulire la caviglia e sistemare i legamenti, anche se non sono stati “ricuciti”: per farlo ci vorrà un’altra operazione. Non cammino più con le stampelle, ma, sinceramente, speravo di aver recuperato il 70-80% della mobilità, invece sono solo al 50%, ma i medici dicono che è normale che sia così. Piuttosto, dovrò stare molto

Speravo di aver recuperato il 70-80% della mobilità, invece sono solo al 50%

attento, perché un altro incidente sulla stessa caviglia potrebbe avere conseguenze pericolose».

Ma la voglia di tornare era superiore al rischio.
«Non ne potevo più di stare a casa quasi immobile sul divano o sulla poltrona, costretto a fare fisioterapia mentre gli altri correvano. Avrei voluto finire in maniera differente la mia carriera, anche perché ho perso GP a noi teoricamente favorevoli. Vediamo domani come reagirò sulla moto: a preoccuparmi sono soprattutto i cambi di direzione, in una pista molto stressante per il fisico».

Come era prevedibile, Stoner non vuole sentire parlare di giochi di squadra, di aiuti a Pedrosa.
«Nessuno della Honda me lo ha chiesto e spero proprio che non me lo chiedano: il motociclismo è uno sport individuale, il titolo te lo devi meritare».

 

  • Daimon, Sernaglia della Battaglia (TV)

    Rolling Stoner...

    Condividissimo ke senza traction-control a questo qua ci vorrebbero le rotelle delle biciclettine x rimanere in piedi....
  • quattroinlinea, Treviso (TV)

    ivan.r

    è evidente che Casey ha avuto quest'anno qualche problema di concentrazione, a quei livelli basta un nulla. L'essersi autopensionato lo ha sicuramente deconcentrato, non credo invece che la Honda avesse interesse a penalizzarlo fintantochè era in testa al campionato. Vincere il titolo con un pilota uscente non è molto diverso dal vincerlo con un pilota che rimane, e sicuramente è meglio che non vincerlo. Discorso completamente diverso invece adesso che rientra per le ultime 4 gare con Pedrosa in lizza.......ciao
Inserisci il tuo commento