MotoGP. Team Petronas, Rossi tace e Lorenzo si fa avanti

MotoGP. Team Petronas, Rossi tace e Lorenzo si fa avanti
  • di Emanuele Pieroni
Il mercato dei piloti, è noto, assume spesso i contorni della telenovela. Figuriamoci adesso che al centro dell’intero affare c’è il protagonista dei protagonisti: Valentino Rossi
  • di Emanuele Pieroni
19 maggio 2020

Il matrimonio è combinato da mamma Yamaha e i promessi sposi devono ancora innamorarsi. Anzi, pare che addirittura debbano ancora parlarsi. Con una delle parti che scalpita e l’altra che aspetta e tace. Non una bella situazione, con l’approdo di Valentino Rossi nel Petronas Sepang Racing Team che sembra complicarsi ogni giorno. Anche perché tra i due promessi sposi è già spuntato un possibile amante: Jorge Lorenzo. “Valentino non si fa sentire, Jorge Lorenzo potrebbe avere voglia di correre con noi” – è la sintesi estrema di alcune dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi da Razlan Razali, patron di Petronas SRT, in differenti interviste.

Il mercato dei piloti, è noto, assume spesso i contorni della telenovela. Figuriamoci adesso che al centro dell’intero affare c’è il protagonista dei protagonisti: quel Valentino Rossi che nel motociclismo ha fatto la storia e che si trova nella difficile condizione di decidere cosa fare da grande. Di appendere il casco al chiodo per il momento non se ne parla, con il nove volte campione del mondo che ha rimandato al prossimo anno la decisione. Scegliendo, quindi, di provarci anche nel 2021 e mostrandosi disponibile verso l’offerta fatta da Yamaha, che da una parte lo ha scaricato dal team ufficiale e dall’altra gli ha garantito una corsia preferenziale per l’approdo al team satellite. Insomma, la casa di Iwata aveva in qualche modo pianificato due futuri, quello del Petronas RST, e quello di Valentino Rossi. Ritrovandosi, però, a fare da intermediaria in un rapporto che in realtà non è mai nato, se non negli approcci. 

Una situazione, questa, in cui Valentino Rossi e i suoi sembrano stare alla finestra, consapevoli del peso mediatico della leggenda di Tavullia e dell’importanza che Rossi ha per l’intero circus. Lo stesso Carmelo Ezpeleta ha dichiarato che per Valentino ci sarà posto finchè vorrà.

Ma il punto è proprio questo: il posto c’è, ma se Valentino non si premura di occuparlo, il team Petronas non intende rimanere senza un pilota. E’ in questa chiave che si possono leggere le dichiarazioni, in apparenza stizzite, di Razali: “Rossi è il migliore di sempre, siamo ben lieti di accoglierlo. Ha un’età per cui o viene con noi, oppure difficilmente troverà un’altra squadra”. Parole piuttosto velenose, sicuramente verso Rossi, ma probabilmente indirizzate a Yamaha, rea di non accelerare i tempi dell’accordo e, probabilmente, anche di non aver chiarito se e quale sarà il suo ruolo in termini di impegno economico. Razali ha infatti ribadito che da sempre la politica di Petronas è quella della valorizzazione dei giovani e che, quindi, l’ipotesi Rossi, per quanto allettante e sicuramente vantaggiosa in fatto di ritorno d’immagine e sponsorizzazioni, stravolge i piani aziendali. Soprattutto se l’accordo sarà su un solo anno. Ecco, dunque, che Razali chiude con una stoccata: “Non rivoluzioneremo la squadra, non abbiamo ancora parlato Con Valentino, ma se vorrà potrà portare un paio dei suoi uomini di fiducia”. E’ noto, però, che Rossi ne vuole almeno tre: Munoz, Flamigni e Briggs. 

Per restare sulla metafora del matrimonio combinato: i due sembrano già al gioco di nervi su chi porterà i pantaloni. Un clima d’incertezza che Valentino Rossi affronta con la solita faccia sorridente e che Razlan Razali invece sembra soffrire di più. Tanto da svelare un retroscena che rischia di innescare ripensamenti e gelosie. “Alla fine della scorsa stagione – ha raccontato – ho avuto modo di parlare con Jorge Lorenzo che mi ha manifestato di volerci provare ancora. Se nel 2020 non ci saranno wildcard sarà difficile ipotizzare un suo ritorno, ma mai dire mai”. 

Ultime da MotoGP

Da Automoto.it

Caricamento commenti...

Hot now