MotoGP

MotoGP. Joan Mir: “Casey Stoner può dire quel che vuole, questo mondiale vale come tutti gli altri”

- Il giovane pilota spagnolo di Suzuki non ci gira troppo intorno e aggiunge: “Facile parlare quando si è lontani e in pensione”
MotoGP. Joan Mir: “Casey Stoner può dire quel che vuole, questo mondiale vale come tutti gli altri”

“Non so perché Casey Stoner dica che questo mondiale non avrà il valore degli altri, ma io sono convinto del contrario”. Joan Mir mette da parte ogni timore reverenziale e in una intervista precedente al GP di Francia replica al campione australiano.

Stoner aveva affermato che l’assenza di Marc Marquez avrebbe di fatto falsato l’esito del mondiale in corso, sostenendo che chi metterà le mani sull’iride non sarà un campione del mondo come tutti gli altri. Parole, queste, che al giovane Mir, in lizza proprio per la vittoria del mondiale, hanno dato piuttosto fastidio. Almeno a giudicare dalla risposta stizzita. “Casey Stoner è scomparso da questo mondo - ha detto Mir -. Dispiace perché ricompare solo quando deve fare affermazioni del genere. Non so perché dica questo, ma così non è. Parlare da lontano e quando si è ormai pensionati è fin troppo semplice. Affermarsi approfittando dell’assenza del favorito è già accaduto allo stesso Marc Marquez - prosegue Joan Mir -. E’ successo anche a molti altri piloti che non erano i favoriti per quell'anno, qualcuno si è infortunato e alla fine  a vincere il mondiale è stato qualcuno di inaspettato. La stessa cosa è successa a Marquez quando vinse il suo primo titolo: Pedrosa e Lorenzo infortunati. Ma questo significa che questo mondiale ha meno valore per Marc? Niente affatto! Sicuramente è anche quello che ha più valore perché è stato il primo. La verità è che Marquez ha rischiato molto nella prima gara e si è infortunato. Ma queste sono le gare”.

Leggi tutti i commenti 108

Commenti

  • coccobill01, Varese (VA)

    Perfettamente d'accordo con Mir, se uno sbaglia e si infortuna paga dazio e basta !!! Andate a vedere quanti mondiali motocross ha perso Herlings per suoi errori e conseguenti infortuni, tanti e anche quello di quest'anno !!!!
    Anzi trovo quello di quest'anno un campionato bellissimo, finalmente equilibrato, spettacolare e con tanti diversi vincitori, fosse sempre così...!
  • antoniocorrado4777, Torino (TO)

    Ragazzi...ma di che si parla? Per me chi vince un mondiale è un campione punto e basta. Queste considerazioni vanno bene nel mondo del calcio...Ogni stagione ha le sue "caratteristiche", questa ne ha diverse dalle solite, ma chi arriva in fondo al campionato con più punti è quello che per un motivo o per l'altro ha raccolto di più. Quei ragazzi che la domenica ci fanno saltare in piedi sul divano non sono persone normali, fanno qualcosa di magico ogni volta che si spegne il semaforo fino alla bandiera a scacchi! Diamo onore a chi lo merita e lasciamo tutto il resto al bar dello sport dove la gente si scanna per futili motivi...
    E' solo il mio pensiero, sia chiaro.
Leggi tutti i commenti 108

Commenti

Inserisci il tuo commento