Contratti

MotoGP: Ciabatti (Ducati): “Non c’erano le condizioni per continuare”

- Paolo Ciabatti commenta la rottura con Andrea Dovizioso. "Lorenzo? E’ una cosa che si dice nel paddock"
MotoGP: Ciabatti (Ducati): “Non c’erano le condizioni per continuare”

Paolo Ciabatti ai microfoni di Sky ha commentato l’addio di Dovizio a Borgo panigale. “Sicuramente è un peccato, siamo stati con Andrea 8 anni, abbiamo vinto insieme, fino adesso, 13 GP. Siamo stati tre volte secondi nel mondiale e solo Marquez ha vinto di più. Come ha detto Battistella (manager di Dovizioso NDR) non c’erano le condizioni per continuare e noi ne prendiamo atto. Adesso la volontà nostra e di Andrea è ottenere il massimo: il campionato è ancora aperto, Andrea ha ritrovato le sensazioni positive. Per il resto non ho niente da aggiungere, ci siamo incontrati con Simone (Battistella) e non c’erano le condizioni di continuare. Voglio guardare il lato positivo della storia con Andrea: siamo ancora in gioco per il titolo”.

Ma è stata fatta un’offerta a Dovizioso?
“E’ stato Andrea a comunicarci, tramite Battistella, che preferiva non fare una trattativa con Ducati”.

Ducati ha messo in condizioni Dovizioso di prendere questa decisione?
“Questa è una considerazione che non commento”.

Te lo aspettavi?
“Sì, me lo aspettavo”.

Lorenzo è uno dei nomi che si fanno per sostituire Dovizioso.
“E’ una cosa che si dice nel paddock”.

Bagnaia è un punto fermo?
“Questa è l’intenzione”.


Stefano Battistella, il manager di Andrea Dovizioso, ha spiegato: "Per noi è fondamentale giocarsi le gare, il campionato: questa è la priorità del pilota e della squadra. Vanno prese delle decisioni, a volte prenderle in anticipo è un vantaggio: era il momento di farlo, perché la situazione stava diventando insostenibile. Dobbiamo pensare al campionato”.

  • Vintagetech, Torino (TO)

    Forse Ciabatti vorrebbe un pilota più esuberante. Occhio che non capiti qualcuno come Anthony Gobert...
  • NoMarty, Sorbolo (PR)

    Non giudico il merito, ma il modo è veramente stato penoso...
Inserisci il tuo commento