MotoGP 2022. GP di San Marino a Misano. Marc Marquez: “Dal test dipenderà il mio futuro”

MotoGP 2022. GP di San Marino a Misano. Marc Marquez: “Dal test dipenderà il mio futuro”
Giovanni Zamagni
Il pilota della Honda ha superato la visita medica: martedì potrà tornare in sella alla RC213V. Marquez è apparso molto determinato, carico, fisicamente messo molto meglio di prima. Ecco le tantissime dichiarazioni in una affollatissima conferenza stampa
3 settembre 2022

La fine del dolore

"Il dolore è una cosa, il fastidio è un'altra. In un braccio con quattro operazioni, c'è fastidio; non si possono fare miracoli. Un braccio che è stato aperto quattro volte più le operazioni alla spalla... C'è fastidio, ma non c'è dolore che mi limiti. Questa è la cosa più importante. Ma è anche vero che non ho ancora il braccio che vorrei. Ci sono ancora ore di lavoro da fare. Ma vedo che c'è un'evoluzione e per questo sono felice e positivo. C'è un'evoluzione e i medici mi rassicurano che non si tratterà di una settimana, o due, ma di altri due o tre mesi di evoluzione costante per lavorare bene durante l’inverno e iniziare bene nel 2023”

Passo dopo passo

“Potrei dire che sto già guidando come prima, ma non sarebbe vero. Sto ancora guidando con difficoltà. Anche con la CBR-NDR - una moto da strada - faccio ancora fatica. Ho tutta la mobilità, ma devo ancora rieducare il braccio. Come fare i movimenti giusti. Il primo giorno che ho provato la moto, era difficile sentire l'acceleratore, il freno... Il braccio non era del tutto a posto, ma era normale che fosse così. Stava andando sempre meglio, ma c'è ancora del lavoro da fare, ecco perché ho confermato la mia presenza martedì per il test. Vedremo come mi alzerò mercoledì e vedremo se potrò continuare a guidare o meno. Da lì in poi si vedrà. Siamo in una situazione in cui dobbiamo improvvisare e cercare di capire cosa succederà nelle prossime settimane. Ma logicamente se sono venuto al test è perché voglio gareggiare il prima possibile.

I miei medici mi dissero che se il recupero fosse stato normale in tre mesi l'osso sarebbe stato saldato. Hanno pianificato una riabilitazione basata su elastici e carrucole per avere la tonificazione muscolare necessaria per quando l'osso sarebbe stato saldato. Da quel momento in poi ho dovuto intensificare l'attività in palestra e sono io a stabilire i limiti. Se riesco ad andare in moto, se riesco a fare venti, trenta flessioni o altro. I medici mi dicono: in questo momento stai forzando. Non dovrebbe accadere nulla nell'osso, né nel braccio, ma quando si forzano i muscoli, se si sta bene, può accadere. La tendinite può capitare e, in tal caso, bisogna rallentare un po'. Per questo motivo lascio tutto un po' aperto, perché non so come reagirà il mio corpo la prossima settimana”.

Obiettivo del test di martedì

“Lo scopo del test è quello di mettere alla prova me stesso. Questo è l'obiettivo numero uno. Se mi metterò alla prova e riuscirò a ottenere dei tempi sul giro decenti, allora la priorità sarà quella di lavorare per la Honda. Nelle ultime due settimane ho spinto un po' di più per essere qui, perché so che è molto importante per la Honda e per il futuro”.

Rieducare il braccio

“C'è una chiara differenza. Prima volevo assumere una posizione con il braccio e quella posizione non c'era. C'era una limitazione dovuta alla rotazione bloccata a 34° del braccio. Allenandomi in questi due giorni al Motorland ho visto che se voglio arrivare a quella posizione naturale, posso farlo. Il problema è mantenerla, mantenere quella posizione. Al momento la mantengo per poco tempo, la mantengo per pochi giri. Il braccio è un po' assuefatto alla posizione che sono stato costretto ad assumere o al modo in cui ho dovuto lavorare in quest'ultimo anno e mezzo. Per questo i medici insistono sul fatto che devo rieducare e riadattare il mio braccio. E soprattutto, mentalmente, lavorare molto sulla posizione perché alla fine, quando avrò la forza, secondo loro funzionerà”.

Il tour asiatico

Posso permettermelo? Dipende da come ci si approccia. Se si pensa a forzare e si cercano i risultati, no. Se l'approccio è quello di accumulare chilometri e fare i GP evitando l'atmosfera di gara, forse sì. Ma per il momento, oggi, il 3 settembre, devo rispondere di no... Tra due settimane, non lo so. Ecco perché ciò che mi interessa di più ora è accumulare chilometri in moto. È lì che devo lavorare perché attivo i muscoli specifici che servono per andare in moto. Ho accumulato più rigidità in due giorni di moto che in una settimana di lavoro in palestra”.

Riconquistare la competitività

“La mia preoccupazione principale è il fisico, la mia persona e tornare a essere un pilota competitivo. Ritengo di non aver mai smesso di essere competitivo, perché l'anno scorso ho vinto delle gare, ma non sono riuscito a fare la differenza che facevo prima. So che il mio fisico mi limitava in questo senso ed è per questo che devo continuare a lavorare per ottenere il fisico di cui ho bisogno. Se sei un pilota competitivo puoi lavorare meglio nel progetto Honda, che è quello in cui voglio per tornare ai vertici”.

La moto, un fattore sempre più importante

"Per vincere una gara si può fare un miracolo, ma per lottare per il campionato, che è l'obiettivo della Honda, ci vuole costanza. E la costanza è data dal fatto che il pilota, la squadra e la moto lavorano al meglio e alla perfezione. Ho la sensazione che la moto sia sempre più importante e che si dipenda sempre più dalla moto. Prima era la moto, ora è l'aerodinamica, ci sono sempre più fattori. Si dipende sempre di più dalla moto se si vuole disputare un campionato completo e costante”.

Il nuovo formato della MotoGP

“Ho sempre detto che i test sono una rottura di scatole e le corse sono divertenti. Più gare ci sono, meglio è per me. Questo è ciò che mi piace. Ho subito un'altra operazione al braccio per gareggiare, non per andare ad allenarmi”.

Ritorno al GP di Aragon

“Quando tornerò, tornerò per correre tutte le gare rimanenti. Non ho intenzione di fare un GP e poi stare a casa. Ma non so quando sarà. È vero che nelle ultime due settimane mi sono impegnato per essere presente al test perché è importante per me e per la Honda, ma più per me che per la Honda. È meglio testare la moto in un test senza pressione che in un weekend di gara. Dopo il test capirò se sarà possibile correre ad Aragón o meno. Mi conoscete, se è possibile ci proverò, ma se non è possibile, aspetterò”.

Joan Mir, nuovo compagno di squadra

“Per me Mir era uno dei migliori piloti disponibili. Soprattutto perché è in grado di adattarsi. Ha la capacità di adattarsi alle diverse condizioni e ai diversi tipi di moto. Lo si può vedere fare motocross, dirt track, karting, in condizioni miste... È sempre lì, è sempre veloce; ed è campione del mondo di MotoGP. Penso che avremo una squadra molto forte. Penso che io e Mir possiamo essere lì, ma dobbiamo lavorare insieme, e quando dico insieme intendo la Honda, per raggiungere l'obiettivo che è il campionato e vincere le gare”.

La fine con Emilio Alzamora

Abbiamo rotto con Emilio, sì. Gli sono molto grato per quello che ha fatto durante la mia carriera. Abbiamo imparato molto insieme, abbiamo fatto molte cose insieme, ci siamo aiutati a vicenda e siamo cresciuti insieme. Questa è la cosa più importante. È stata una relazione molto lunga, 18 anni, a volte non è stato facile, ma è normale. Emilio sarà sempre nel mio cuore per quello che ha fatto quando ero più giovane, quando sono arrivato al Campionato del Mondo, quando sono arrivato alla MotoGP... Si è sempre dedicato a tempo pieno a me facendo del suo meglio. La carriera di un atleta è lunga e non si ha la stessa mentalità a 18 anni come a 30. A volte nelle relazioni è importante scegliere il momento giusto per fermarsi, per concludere in modo positivo. Ci sediamo intorno a un tavolo e condividiamo tutto. È vero che gli ultimi due o tre anni sono stati già difficili, ma abbiamo convenuto che era il momento migliore per separare le nostre strade. Il mondo è in continua evoluzione. Non sono più lo stesso, il paddock è cambiato, le moto sono cambiate, le persone sono cambiate. A volte bisogna adattarsi, perché se non ci si adatta non si può continuare. Era giunto il momento di rinnovare e iniziare un nuovo capitolo della mia carriera”.

Da Automoto.it

Caricamento commenti...