Calendario MotoGP

MotoGP 2021: più gare, meno test

- Eliminati alcuni appuntamenti invernali per la stagione 2021
MotoGP 2021: più gare, meno test

Più Gran Premi, meno test. Detta così suona un po’ come una rivendicazione sindacale dei tempi andati - e forse non ci siamo troppo distanti - mentre si tratta semplicemente della realtà per la stagione MotoGP 2021. Nel 2020 entrerà infatti il Gran Premio di Finlandia al Kymiring, per il 2021 ci sarà l’Indonesia che preme con il circuito di Lombok e per il 2022 è già previsto il ritorno del Brasile al Rio Motorpark.

Anche se il calendario prevede la diminuzione delle gare in Spagna a tre, con la rotazione sui quattro circuiti di alto livello in terra iberica, il totale delle gare dell’anno cresce comunque a ventidue, aumentando sensibilmente l’impegno di team e piloti nel corso dell’anno.

Proprio per questo costruttori, squadre, Federazione e Dorna si sono accordati per una riduzione dei giorni di test già a partire dalla stagione 2021, che per convenzione prende il via subito dopo l’ultimo GP del calendario 2020.

Detta così sembra poca roba, ma fa sicuramente impressione leggere dell’eliminazione dei test di Valencia, dove storicamente i piloti che cambiano casacca hanno occasione di provare per la prima volta la moto con cui correranno l’anno prossimo. Già meno rilevante, dal punto di vista emotivo almeno, la cancellazione dei test in Qatar che tradizionalmente precedono di quindici giorni il primo GP dell’anno: con l’aumento delle gare in calendario c’è da aspettarsi un allungamento della stagione.

Vi presentiamo quindi, qui a seguire, il calendario dei test 2020.

 

STAGIONE 2020 (a partire del 18 novembre 2019):

19-20 novembre, Valencia: 2 giorni di test ufficiali

25-26 novembre, Jerez: 2 giorni di test privati

2-4 febbraio, Sepang: 3 giorni di ‘Shakedown’

7-9 febbraio, Sepang: 3 giorni di test ufficiali

22-24 febbraio, Losail: 3 giorni di test ufficiali

4 maggio, Jerez: Un giorno di test ufficiali post-GP

8 giugno, Montmeló: Un giorno di test ufficiali post-GP

15-16 giugno, KymiRing: 2 giorni di test con Michelin - Solo test team

14-16 settembre, Misano: 2 giorni di test privati

 

STAGIONE 2021 (a partire dal 16 novembre 2020):

19-20 novembre: 2 giorni di test ufficiali (Jerez?)

1-3 febbraio (prov.): 3 giorni di ‘Shakedown’

6-8 febbraio (prov.): 3 giorni di test ufficiali

 

Visto che non si conosce ancora il calendario 2021:

- Potrebbero esserci tre giorni di test pre-stagionali a Lombok, se l’Indonesia entrerà a far parte del calendario nel 2021

- Altre due giornate di test si svolgeranno il giorno dopo due diversi Gran Premi. I circuiti devono ancora essere confermati

- Un altro test di due giorni si svolgerà su un’altra pista, probabilmente Misano.

  • Strijbos, Alessandria (AL)

    Anche io non la ritengo una cosa positiva...per gli stessi motivi che avete giustamente detto.
    Inoltre, se durante i pochi test disponibili, si ha un pilota infortunato (come è successo più volte) la faccenda peggiora ulteriormente.
    Si rischia di mortificare le case e il campionato.
    Se il motivo è quello di avere più gare in calendario... be', ormai lo sappiamo: business Is business.
    Sigh.
  • Jaeepee, Roma (RM)

    A me non sembra così insensato.
    Molti dei test che si svolgono durante l'anno, sono spesso poco utili o comunque spostano poco quelle che sono le prestazioni della moto.
    La ragione sta nel fatto che, dal momento che i motori omologati per la stagione non si possono modificare o aggiornare, si finisce quasi sempre a provare particolari di poco conto; assetti di ciclistica, qualche appendice aerodinamica, magari uno scarico, un forcellone o una "pelle" di carbonio su un telaio, ma comunque tutti particolari che non richiedono due giorni di test.
    Le dichiarazioni dei piloti parlano a volte di "un buon feeling" o assetti che "danno fiducia per le prossime gare" ma, a leggerle oggi, a stagione quasi finita, ci si accorge invece che non è cambiato molto, e chi aveva problemi se li è portati dietro anche dopo i test. Insomma, team che hanno svoltato la stagione con due giorni di prove, io non me ne ricordo.
    C'è poi il rischio infortuni da non sottovalutare, come capitato a Mir quest'anno.
    Il fatto poi che questa riduzione dei test possa essere favorevole o addirittura voluta da Honda, come qualcuno ha insinuato, non mi sembra abbia un fondamento. La HRC non ha la bacchetta magica, ha "solo" Marquez.
Inserisci il tuo commento