GP dell'Emilia Romagna

MotoGP 2021. GP di Misano2. Quartararo campione del mondo, tutto è iniziato in un parcheggio

- Per celebrare il titolo di Fabio, il collega francese Michel Turco ha concesso a moto.it di pubblicare il primo capitolo del libro “Fabio Quartararo, l’ascensione d’un prodige”, Editions Solar. Turco racconta la storia della famiglia Quartararo e come è nata la passione per la moto
MotoGP 2021. GP di Misano2. Quartararo campione del mondo, tutto è iniziato in un parcheggio

Anche se è nato a Nizza, Fabio Quartararo ha dovuto dirigersi verso sud per trovare i suoi antenati. Suo padre, Etienne, e sua madre Martine, Martine Adamo, hanno entrambi origini siciliane. Ed entrambi hanno visto la loro storia famiglia passare per la Tunisia al tempo in cui questa nazione nordafricana viveva sotto il protettorato francese. “La cosa divertente” - nota Martine - "è che mio padre, un ragioniere, viveva a Tunisi nello stesso edificio della madre di Etienne”. Le strade dei genitori di Fabio non si sono incrociate fino a quando le loro rispettive famiglie si sono trasferite in Francia dopo l'indipendenza della Tunisia nel 1956. Martine è arrivata a Nizza nel 1964, quando aveva due anni: "I miei genitori hanno fatto prima una deviazione via Strasburgo, dove viveva uno dei miei zii. Mia madre, però, non sopportava il clima, così scesero a Nizza dove la vita era più simile a quella che avevano vissuto in Tunisia”.

È così che Martine Adamo è cresciuta nella città della Costa Azzurra con le sue due sorelle. Etienne Quartararo è nato a Nizza nel 1960. "I miei genitori hanno lasciato Tunisi nel 1957. Avevano solo un figlio, mio fratello, nato tre anni prima”. Martine ed Etienne, che hanno frequentato lo stesso liceo Frédéric Mistral, si sono incontrati per la prima volta in Avenue Yvonne Vittone, non lontano da dove vivono ancora oggi. Ed entrambi non hanno frequentato a lungo la scuola. “Non volevo studiare” - dice Martine - “A quindici anni volevo andare a lavorare per guadagnarmi da vivere”. È così che è diventata parrucchiera, una professione che esercita ancora oggi in un salone di Avenue Sainte-Marguerite.

Nato da un padre fresatore e montatore di macchine e da una madre sarta, Etienne Quartararo si è trovato a fare l'apprendista da Sauveur, un concessionario Suzuki. È stato lì che ha imparato i rudimenti della meccanica delle moto e ha forgiato la sua passione per la competizione. "Ho iniziato a partecipare a gare in salita e ho vinto il titolo della Provenza nel 1980". Poi venne il tempo delle corse sui circuiti con una 125 Morbidelli comprata a Monaco da Malatino Motos. Campione francese dell'ottavo di litro nel 1983, Etienne è poi passato alla categoria 250 dove è arrivato subito secondo. "Nel 1985 ho comprato una delle Honda di Dominique Sarron per cercare di partecipare al campionato europeo. Ma non avevo soldi, era complicato. All'epoca lavoravo come fabbro, avevo difficoltà a fare tutto. Poi ho avuto problemi con le mie vertebre cervicali. Avevo un nervo schiacciato e non volevo essere operato. Così ho finito per abbandonare il motociclismo per dedicarmi alla caccia, un'altra passione”.

È a questo punto che Etienne e Martine si incontrano di nuovo: il motociclismo li aveva tenuti lontani per un po'. Si sono stabiliti poco dopo la nascita di Anthony, il fratello maggiore di Fabio, nato nel 1988. A trent'anni, la coppia ha trovato la sua velocità di crociera. Per Etienne, le moto appartengono al passato. "Quando Anthony aveva sette anni, ho comprato una Yamaha PW per fargliela provare. Forse non avrei dovuto portarlo in una terra desolata e piena di dossi: è finito tra i rovi e ha buttato via la moto, dicendomi che avrebbe preferito giocare a calcio. Ovviamente non ho insistito. Non ho mai spinto i miei figli ad andare in moto” ricorda Etienne..

Prima della nascita di Fabio, Martine ed Etienne hanno perso un altro figlio alla nascita. "Dopo aver avuto Anthony, volevo a tutti i costi una bambina” - dice la madre -. “Mi ricordo che quando ero incinta, ho pianto quando mi hanno detto che sarebbe stato un maschio. Quando l'ho perso, ho pianto davvero per qualcosa...". L'arrivo di Fabio era molto desiderato. "Ho avuto difficoltà a rimanere di nuovo incinta, e quando è successo avevo così paura che andasse male che non osavo chiedere il sesso del bambino che portavo in grembo per superstizione”.

Fabio è nato il 20 aprile 1999. Per l'occasione, Etienne gettò via il suo ultimo pacchetto di sigarette e promise ai suoi figli che non avrebbe mai più fumato. E decide di mettersi in proprio, aprendo un negozio di fabbro nel centro di Nizza, al 13 di rue Pastorelli. “Fabio era un bambino molto dolce” - dice Martine - “A quel tempo, abbiamo affittato la parte inferiore di una casa. La proprietaria veniva regolarmente a trovarci per chiederci se avevamo davvero un bambino in casa: Fabio mangiava e dormiva. Non l'abbiamo mai sentito”.

Tranquillissimo, il piccolo Quartararo è diventato un po' più esuberante quando ha iniziato a camminare. “Faceva i capricci quando non poteva fare quello che voleva o quando perdeva quando giocavamo a qualcosa con lui” - dice Martine - “Sbatteva la testa sul pavimento finché la sua fronte era blu. Il ragazzo era un cattivo perdente ed è rimasto tale. Non è migliorato crescendo", ride Etienne. I giochi di carte finivano spesso sul tavolo. Quando si ritrova nell'auto dei suoi genitori, Fabio ha altrettanti problemi ad accettare che un altro veicolo li stia superando. "Ai semafori rossi, dovevo chiedere alla macchina accanto a me di non partire troppo veloce” - ricorda Martine - “Altrimenti, era una crisi. Mi diceva di andare per primo, di non lasciarmi sorpassare”.

La stessa cosa è successa quando è andato a fare un giro su una Yamaha T-Max con suo padre. "L'ho portato al ristorante con i miei amici - racconta Etienne - “Ho detto agli altri di rimanere indietro per evitare che mio figlio si arrabbiasse. Quando siamo arrivati in montagna l'ho messo davanti a me e gli ho lasciato il manubrio. Abbiamo preso la D202 che sale dietro Nizza. Guai a me quando una moto ci ha sorpassato. Girava l'acceleratore fino in fondo e io avevo tutti i problemi del mondo per prendergli il manubrio. Qualsiasi cosa facesse, doveva sempre essere il primo”.

La prima moto

Fabio ha iniziato a sviluppare questo spirito competitivo con la Yamaha PW50 che suo padre gli ha comprato quando non aveva ancora cinque anni. “Ho iniziato con uno scooter” ricorda Fabio. “Fu mio zio che disse a mio padre: 'Dovresti fargli provare una PW”.

È così che è iniziato tutto. La piccola moto comprata otto anni prima per Anthony era stata venduta da tempo, così Etienne è tornato dal suo amico ed ex pilota Jacky Onda, un concessionario Yamaha, per comprare una nuova moto 50cc. "A casa, era Natale dal 1 gennaio al 31 dicembre. Quello che avevamo, lo abbiamo dato ai nostri figli”.

Nonostante i suoi modesti mezzi, l'ex pilota di velocità è desideroso di tentare di nuovo la fortuna con l'ultimo arrivato. Non si riesce mai a superare il virus delle corse e delle moto. "Era molto ansioso di provare il suo nuovo giocattolo”. Non appena il ragazzo ha iniziato a guidare nel parcheggio del Cap 3000, il centro commerciale di Nizza ovest, Etienne ha capito che questa volta la storia era destinata a durare. "Ha cominciato a fare dei cerchi sempre più grandi e poi ha finito per prendere la strada per lasciare il parcheggio. Mia moglie e mia madre urlavano e io correvo dietro per cercare di raggiungerlo”.

Così inizia la storia. "Mi aspettava la sera quando tornavo a casa dal lavoro per portarlo a fare un giro. Caricavamo il PW nel furgone e andavamo al MIN, vicino all'aeroporto. Faceva dei cerchi ed era felice". È lì, nell'enorme parcheggio del Marché d'Intérêt National, il secondo mercato più grande di Francia dopo Rungis, che Fabio ha imparato a girare, frenare e accelerare. Poi si parte per il piccolo circuito di Océane ad Antibes.

"Mio padre mi ha spiegato tutto” ammette colui che era ancora lontano dall'immaginare di diventare un giorno un pilota di MotoGP. "Ma non mi ha mai forzato, mi piaceva e basta. Su una moto, uno scooter o una bici, ho sempre voluto andare veloce”.

  • francescolacava50011

    Magari mi tradisce la memoria ma avete mai scritto in un vostro post che sarebbero mancate Ktm Ducati e BMW?
  • rosso04, verona (VR)

    Buttato via la giornata (e soldi) per vedere la fiera del "made in china".
    Che mona che son stato.
Inserisci il tuo commento