GP di Andalusia

MotoGP 2020. Quartararo: “Marquez mi conosce e io conosco lui”

- Fabio commenta il secondo successo consecutivo: “Dopo aver sbagliato tutte le prove di partenza, l’ho azzeccata in gara, ma è stata durissima: mani e piedi erano infuocati”. Sul campionato: “Bisogna sapere che non si può sempre vincere”
MotoGP 2020. Quartararo: “Marquez mi conosce e io conosco lui”

Otto giorni, ed è cambiato tutto. Fino a sabato 18 luglio si diceva: “Quartararo può conquistare il titolo? Prima deve salire sul gradino più alto del podio, poi se ne riparla”. Otto giorni più tardi, Fabio Quartararo è in testa al campionato con 50 punti, due successi (e due pole) su due. Quasi da non crederci.

“E’ incredibile - conferma -! E’ stata una gara difficilissima. Dopo il warm up ho provato due partenze e le ho sbagliate entrambe, come mi è successo in tutti i turni di prove. Sono tornato al box e ho detto ai tecnici: “Credo che non funzioni il sistema di partenza, sono stato più lento di una Moto3. Mi hanno risposto: “Tranquillo, settimana scorsa le avevi fatte tutte giuste e avevi sbagliato in gara, stavolta sarà l’opposto…” E così è stato”.

Fabio, tu sei uno che cerca di mettere a posto la moto il più possibile, o guidi quello che ti danno?
“Naturalmente voglio una moto il più competitiva possibile, ma è anche vero che alla fine va guidata sopra i problemi. E in gara è sempre differente: non so come ho fatto a salvarmi da due cadute sicure. Oggi le condizioni erano proibitive: mani e piedi erano infuocati”.

Marquez tornerà a Brno, sarà una bella sfida.
“Non devo dimostrare niente a nessuno. Ho vinto due gare, quando lui tornerà proverò a fare lo stesso lavoro, cercando di vincere se ci sarà la possibilità. Lui sa come io guido e io so come guida lui”.

Hai 50 punti, è normale pensare al campionato.
“Dobbiamo stare calmi e ragionare. Adesso arrivano tre gare dove facciamo più fatica, dovremo confrontarci in Austria contro la Ducati che ha un motore che sembra un aereo e prima ci sarà Brno. Poi Misano, più adatta a noi: dobbiamo rimanere concentrati, sapendo che non si può sempre vincere”.

E giusto dire che assomigli a Lorenzo nella guida?
“Non voglio compararmi e imitare nessuno, però è vero che quando vedo le immagini delle gare, il mio stile è simile a quello di Lorenzo”.

Uno che la Yamaha la pilotava alla grandissima…

  • Guido Marrucci, San Miniato (PI)

    Quest'anno il suo più grande nemico sono i tre diapason che ha sul serbatoio......

    Siamo sicuri che una moto clienti sia autorizzata a vincere il titolo?

    Vero è che Petronas come sponsor è abbastanza grosso si spalle da far ballare le posate sul tavolo quando si siede ma a mia memoria se ne sono viste tante negli anni di moto clienti che avevano il potenziale ma.....
  • gas36, Adria (RO)

    Bravo Fabio, finalmente si è sbloccato e questa è una gran bella notizia, spero possa dare del filo da torcere a tutti e portare spettacolo alla motogp anche quando parte da dietro.. a me viene in mente il Vinales del 2017 che nelle prime 3 gare sembrava fare un altro mestiere rispetto agli altri, poi sappiamo com'è andata a finire.. In bocca al lupo Fabio!
Inserisci il tuo commento