GP di Thailandia

MotoGP 2019 in Thailandia. Fabio Quartararo in pole position

- Miglior tempo per il francese della Yamaha, davanti a Vinales e Marquez. Quarto Morbidelli, quinto Petrucci, settimo Dovizioso, nono Rossi, 15esimo Bagnaia, 16esimo Iannone

BURIRAM - Valentino Rossi l’aveva detto alla vigilia: “Nel giro secco, la Yamaha è probabilmente la moto migliore”. La classifica conferma, anche se non come Rossi sperava: davanti a tutti c’è Fabio Quartararo (in pole per la quarta volta in questa stagione), secondo Maverick Vinales, con Valentino solo nono staccato di 1”022. Una brutta qualifica, anche a causa di una caduta a metà sessione con la soffice anteriore, unico tra i piloti in Q2 a utilizzarla.

E’ invece stata fantastica quella di Quartararo, conclusa con una caduta alla curva 5, dove un attimo primo era scivolato anche Marquez, che stava spingendo fortissimo per portare via la pole al francese.

La caduta di Marc gli ha impedito di migliorarsi, quella di Fabio non ha cambiato il risultato, perché Quartararo era primo e primo è rimasto, nonostante l’ultimo assalto finale di Vinales, arrivato a 0”106 dal rivale. Fabio e Maverick hanno anche un buon passo, anzi ottimo: possono impensierire in gara Marquez, che nelle FP4 è andato velocissimo all’inizio, per poi calare con il progressivo consumo delle gomme.

Morbidelli miglior italiano

I tre piloti della prima fila sembrano destinati a giocarsela anche in gara, mentre il migliore pilota italiano è Franco Morbidelli, quarto, come lo era già stato ad Aragon. Franco cresce continuamente, lavora bene, riesce a mantenere la calma nonostante lo scomodo confronto con il compagno di squadra. Rispetto a Quartararo, il 'Morbido' soffre di più sulla distanza: non sarà facile mantenere questa posizione in gara.

Al quinto posto Danilo Petrucci, passato dalla Q1: questa volta, però, Danilo ha guidato bene e ha sfruttato al meglio la sua Ducati: è lui la prima GP19 sullo schieramento.

Dovizioso meglio di settimo

In terza fila, due piloti italiani: Andrea Dovizioso e Rossi. Il settimo tempo di Andrea non deve ingannare: per la gara, il suo potenziale è decisamente più alto. Purtroppo Dovizioso fatica troppo in qualifica, sotto questo aspetto deve migliorare, perché non si può sempre pensare di rimontare. E qui, non è così facile superare.

Anche Rossi ha un passo migliore di quanto dica il suo nono posto, ma ha stupito come anche nelle FP4 (oltre che in Q2), Valentino abbia insistito con l’uso della soffice anteriore. Potrebbe non essere a posto con il bilanciamento.

Aprilia ancora nei 12

Aleix Espargaro porta l’Aprilia nuovamente e direttamente in Q2, dove poi ha conquistato il 12esimo posto. Considerando che questa è una pista poco 'amica', non è un brutto risultato.

Sedicesimo, invece, Andrea Iannone, dietro a Pecco Bagnaia caduto in Q1. 19esimo e sconsolato Jorge Lorenzo.

Guarda gli Orari TV del GP di Thailandia
Tutti i segreti della pista di Buriram

Tutte le notizie in diretta nel nostro LIVE

 

La classifica delle qualifiche

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 326.2 1'29.719  
2 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 325.3 1'29.825 0.106 / 0.106
3 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 327.2 1'29.931 0.212 / 0.106
4 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 321.4 1'30.431 0.712 / 0.500
5 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 330.2 1'30.522 0.803 / 0.091
6 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 331.2 1'30.597 0.878 / 0.075
7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 327.2 1'30.692 0.973 / 0.095
8 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 326.2 1'30.735 1.016 / 0.043
9 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 321.4 1'30.741 1.022 / 0.006
10 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 326.2 1'30.778 1.059 / 0.037
11 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 325.3 1'31.065 1.346 / 0.287
12 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 325.3 1'31.258 1.539 / 0.193
13 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 329.2 1'30.969 0.284 / 0.013
14 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 323.3 1'31.388 0.703 / 0.419
15 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 324.3 1'31.416 0.731 / 0.028
16 29 Andrea IANNONE ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 323.3 1'31.428 0.743 / 0.012
17 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 320.4 1'31.499 0.814 / 0.071
18 53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati 328.2 1'31.554 0.869 / 0.055
19 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 327.2 1'31.605 0.920 / 0.051
20 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 328.2 1'31.773 1.088 / 0.168
21 82 Mika KALLIO FIN Red Bull KTM Factory Racing KTM 321.4 1'31.849 1.164 / 0.076
22 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 319.5 1'31.979 1.294 / 0.130

 

  • TheBerronespolo, Rosignano Monferrato (AL)

    Spero di vedere una gara di Aleix nel gruppo dei secondi come in Aragona. Poi si festeggia Marc93. Maaaaa se Ago tornasse in pista nel mondiale con le storiche in preda al panico per l'idea che sia raggiungibile? Vi prego dirigenti Ducati...lasciatemi Dovi e Petrucci in Ducati così sto tranquillo. Grazie.
  • SuperBene, Cesenatico (FC)

    Oltre ai soliti temi...Rossi bollito, Lorenzo ritirati, Quartararo in Yamaha ufficiale, ecc ecc...volevo fare i complimenti a Morbidelli che piano piano sta trovando confidenza con la moto e lo troviamo spesso tra i primi 5 o 6.
    Per me sta facendo una buona stagione anche se offuscata dall'esordio strabiliante di Quartararo.
    Franco in Moto 2 ha dimostrato di aver bisogno di un po' di tempo per fare buoni risultati, speriamo continui a migliorare a darci delle soddisfazioni a noi italiani che a parte il Dovi ultimamente siamo scarsini a vittorie e podi.
    Tornando alla gara temo sia un affare tra i due spagnoli e il francese, sperando in una bella rimonta del Dovi, Rossi lo vedo massimo quarto o quinto.
    Marquez se intravede la possibilità non credo si lasci scappare l'occasione di conquistare il mondiale vincendo, quindi lo do per favorito.
Inserisci il tuo commento