GP del Regno Unito

MotoGP 2019 a Silverstone. Marc Marquez in pole position

- Pole position per lo spagnolo della Honda, davanti a Rossi e Miller: quindi Honda, Yamaha e Ducati in prima fila. Settimo Dovizioso, ottavo Morbidelli, 11esimo Petrucci, 17esimo Iannone, 18esimo Bagnaia, 21esimo Lorenzo

SILVERSTONE - Un’altra bella qualifica, un’altra pole per Marc Marquez, strepitoso nel suo 1’58”168, bravissimo anche nel scegliere Valentino Rossi come punto di riferimento davanti a lui. I due sono entrati in pista per il secondo tentativo insieme, hanno fatto tutto il giro di entrata in pista al rallentatore, con Jack Miller dietro a Marquez.

Lo spagnolo e l’australiano non avevano la necessità di tirare, avendo già ottenuto il secondo e il terzo tempo dopo il primo tentativo, quindi ha dovuto farlo il “vecchietto”, che non ha potuto far altro che fare il locomotore con due vagoni attaccati.

Quando è passato sul traguardo, Rossi ha ottenuto il primo tempo, ma il suo 1’58”596 è durato un paio di secondi, il tempo necessario a Marquez per tagliare il traguardo e conquistare l’ennesima pole position, la 60esima in MotoGP su 120 gare. In altre parole, una volta ogni due gare è partito davanti a tutti: pazzesco.

Terzo Jack Miller per una prima fila con tre moto differenti. Considerando che Alex Rins è quinto con la Suzuki, ecco che ci sono quattro Case ai primi cinque posti. Bello.

Marquez da battere

Al di là della pole, Marquez ha messo in mostra un passo da riferimento con le gomme dure e, soprattuto, è tremendamente efficace nei primissimi giri, cosa che non riesce agli altri. Potrebbe essere una chiave per domani, perché se si dovesse correre - come probabile - con le dure, lo spagnolo della Honda potrebbe avere un ulteriore vantaggio.

Ma la Yamaha, come ha sottolineato anche lo stesso Marquez, è messa bene anche sulla distanza, con Rossi, ma anche con Fabio Quartararo, quarto dopo aver sognato la pole. Nell’ultimo tentativo, Fabio è stato penalizzato da un problema tecnico, che lo ha costretto a salire sulla seconda moto: anche per questo, probabilmente, non è riuscito a migliorare l’1’58”612 realizzato con il primo tentativo.

Per lui un quarto posto che non compromette le sue possibilità in gara, mentre il sesto tempo di Maverick Vinales, a 0”594, potrebbe essere un problema, considerando la cronica fatica dello spagnolo nei primi giri. Ma se parte bene, può essere protagonista, perché il passo ce l’ha.

Ducati non lontana

Miller, prima Ducati, non ha un gran passo, mentre ce l’ha migliore Andrea Dovizioso, settimo con lo stesso tempo identico di Vinales: peccato, così Andrea dovrà scattare dalla terza fila, invece che dalla seconda. Il forlivese, costretto a passare dalla Q1 dopo FP3 problematiche, ha in qualche modo limitato i danni, considerando anche che ha dovuto effettuare le qualifiche con la seconda moto, per un problema tecnico alla prima alla fine delle FP4.

Il Dovi non è messo benissimo, ma può giocarsi il podio assieme a tanti piloti, tra i quali anche Alex Rins, pure lui passato dalla Q1, alla fine quinto e con un ottimo passo.

Continuano le difficoltà di Danilo Petrucci, solo 11esimo, mentre l’Aprilia ha Aleix Espargaro in 12esima posizione e Andrea Iannone in 17esima: purtroppo Andrea passa le qualifiche più a cercare un traino buono, piuttosto che pensare a tirare. Così si raccoglie poco.

Male Pecco Bagnaia, 18esimo, lontanissimo Jorge Lorenzo, 21esimo: per Jorge ha senso disputare la gara?

Segui il GP del Regno Unito sul nostro LIVE

Gli orari della corsa di domani in TV su Sky e TV8

La storia del GP di Silverstone negli ultimi 5 anni

 

La classifica delle qualifiche

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 330.2 1'58.168  
2 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 320.4 1'58.596 0.428 / 0.428
3 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 329.2 1'58.602 0.434 / 0.006
4 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 316.7 1'58.612 0.444 / 0.010
5 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 325.3 1'58.670 0.502 / 0.058
6 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 320.4 1'58.762 0.594 / 0.092
7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 329.2 1'58.762 0.594
8 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 322.3 1'59.096 0.928 / 0.334
9 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 329.2 1'59.243 1.075 / 0.147
10 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 322.3 1'59.427 1.259 / 0.184
11 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 327.2 1'59.487 1.319 / 0.060
12 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 327.2 1'59.620 1.452 / 0.133
13 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 321.4 1'59.549 0.605 / 0.359
14 5 Johann ZARCO FRA Red Bull KTM Factory Racing KTM 322.3 1'59.648 0.704 / 0.099
15 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 319.5 1'59.758 0.814 / 0.110
16 53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati 326.2 1'59.916 0.972 / 0.158
17 29 Andrea IANNONE ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 324.3 2'00.240 1.296 / 0.324
18 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 324.3 2'00.362 1.418 / 0.122
19 50 Sylvain GUINTOLI FRA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 319.5 2'00.660 1.716 / 0.298
20 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 322.3 2'00.700 1.756 / 0.040
21 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 324.3 2'01.562 2.618 / 0.862
22 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 317.6 2'04.845 5.901 / 3.283
  • carlob75, Cetona (SI)

    Sbaglio o qualcuno insisteva che MM era stato veloce grazie al traino di Lamentino!! Lo abbiamo visto in gara chi è stato il più veloce dei 2.....ma tranquilli anche se arriva dietro il 46 è sempre il più forte al mondo (in teoria,ma purtroppo è la pratica che conta)...l'importante è essere convinti.Ma tranquilli il 10° arriva....anno che non vince il mondiale.
  • max66665, Gallarate (VA)

    Ma secondo voi Marquez ha sfruttato veramente la scia di Rossi o ha usato Rossi come riferimento??? Sono 2 cose completamente diverse!!!
Inserisci il tuo commento