GP del Regno Unito

MotoGP 2019. Lorenzo: "Sarà la gara più dura della mia vita"

- Jorge ultimo in entrambe le sessioni di libere: “Sono in difficoltà ovunque: in frenata, a centro curva, nei cambi di direzione. E un’altra caduta avrebbe effetti disastrosi. Ma era giusto tornare: adesso ho molto dolore, vediamo come andrà la notte”
MotoGP 2019. Lorenzo: Sarà la gara più dura della mia vita

SILVERSTONE - Ultimo nelle FP1, ultimo nelle FP2: Jorge Lorenzo sapeva che avrebbe faticato un bel po’, ma forse, non così tanto.
“In realtà è più o meno come me lo aspettavo. E’ stata una giornata molto dura, non mi sono mai sentito a mio agio sulla moto e una caduta avrebbe conseguenze inimmaginabili. Finite le prove avevo tanto dolore: purtroppo ho perso massa muscolare, le mie condizioni fisiche non sono idonee per guidare una MotoGP. A Misano, fra due settimane, sarà possibile spingere più forte, soprattutto in frenata”.

Dove sei più in difficoltà?
“Ovunque: in frenata, a metà curva, nei cambi di direzione. Solo in accelerazione sono abbastanza a mio agio”.

Questa è la pista adatta per tornare in moto?
“Silverstone è un circuito molto adatto a me, sotto questo aspetto è uno dei migliori. Ma è vero anche che è molto faticoso fisicamente”.

Correrai sicuramente domenica?
“Non lo so. Dopo le FP2 avevo molto più dolore che nei giorni scorsi, bisogna vedere come andrà la notte. Bisogna provare a gestire la situazione, stando ben attenti a non cadere: rompersi qualcos’altro sarebbe un disastro”.

Era proprio necessario tornare in questo GP?
“Secondo alcuni dottori avrei già potuto tornare in moto a Brno e in Austria, ma non avrebbe avuto senso. Nelle ultime due settimane, però, mi sono sentito meglio, mi è sembrato giusto tornare a guidare. Poi, però, la MotoGP è un’altra cosa: già è difficile se sei al 100%, figurarsi nelle mie condizioni. Sarà la gara più dura della mia carriera”.

Come è stato il ritorno al box?
“Positivo. Ho parlato con Puig (team manager, NDA) e Kuwata (Direttore generale, NDA), abbiamo chiarito le cose, si va avanti”.


Scopri i temi del GP e consulta le statistiche dei vincitori degli ultimi tre anni. Per guardare in diretta o in differita la gara leggi gli orari TV di TV8 e Sky.

  • Marci 1952, Milano (MI)

    Riguardo i piloti MotoGP, questa mattina su un noto quotidiano sportivo ho letto.

    Lorenzo 21°, davanti solo alla chicane mobile Abraham.
  • Ettore.Ceresa, Montanaro (TO)

    Ha rischiato di rimanere paralizzato, è profondamente provato psicologicamente sia dal rischio che ha corso che da due anni in Ducati senza grandi risultati e da questa stagione in Honda che se vogliamo è stata ancora peggio delle precedenti, sia all’interno dei paddock che fuori ha perso credibilità e seguito, ci sono tutte le condizioni per un ritiro. Solo lui può sapere se la voglia di rivincita e di dimostrare al mondo che lui è ancora un “Campione” come si è scritto sul casco, è più forte della paura e della delusione
Inserisci il tuo commento