Prova offroad

KTM Freeride 350

Stile di vita offroad!

KTM reinventa il concetto di moto. E questa volta non sono le forme e le caratteristiche tecniche a fare notizia, ma come nasce e viene espresso il nuovo modo di interpretare la moto off-road. Un vero e proprio stile di vita. Costa 7.250 euro

ktm freeride 350 sfoglia la gallery


Partiamo dalle origini: lo stato embrionale di questo progetto prevedeva la realizzazione di una moto specifica per il settore trial. Massime prestazioni quindi, minimo ingombro e l’esigenza di centrare fin da subito il prodotto su un mercato ristretto a una cerchia di capaci intenditori. Parallelamente KTM ha portato avanti il concetto di moto elettrica, la Freeride E (elettrica), che pochi eletti hanno avuto modo di vedere, ma che già preannunciava un nuovo ambito di esplorazione della casa di Mattighofen. Questione di tempo ed ecco che le due iniziative trovano un punto d’incontro nell’idea di proporre una moto che non c’è, a cui nessuno, in tempi recenti, aveva ancora mai pensato. Ma non basta il prodotto; serve ridefinire il concetto di divertimento a bordo di un mezzo tanto facile quanto performante. Cosa che KTM declina, inserendolo in un approccio goliardico quanto avventuroso: il Freeride. 

ktm freeride 350  15 2
La Freeride non necessita di grandi velocità, spazi e tracciati, perché basta davvero poco per divertirsi a bordo di questo nuovo concetto di moto


E sebbene oggi, sempre di più, diventi difficile sentirsi liberi di andare in ogni dove alla ricerca dell’avventura, la nuova Freeride non necessita di grandi velocità, spazi e tracciati, perché basta davvero poco per divertirsi a bordo di questo nuovo concetto di moto. E’ fondamentale quindi conoscere la filosofia, prima ancora di aver inforcato il manubrio, perché solo così è possibile apprezzarne le vere doti.

Telaietto in plastica ad alta resistenza


Molti sono gli elementi che la rendono speciale e unica nel suo genere: a partire dal telaio, completamente nuovo in acciaio al cromo-molibdeno che si interseca con alcuni elementi fucinati in alluminio e che insieme ne costituisce la struttura ossea. Il nuovo concetto geometrico assicura un'elevata sicurezza e stabilità e allo stesso tempo un peso particolarmente contenuto. Non solo, ma l’obiettivo di ottenere una moto estremamente agile ha richiesto anche una maggiore inclinazione del cannotto di sterzo e un interasse più corto (forcellone più piccolo). Al telaio centrale si abbina un telaietto posteriore in plastica ad alta resistenza che viene avvitato con un robusto collegamento triangolare che crea una zona di inserimento protetta, per i componenti elettronici del sistema di gestione del motore, nella canonica posizione della scatola filtro.

Ergonomia ad hoc


Anche le sovrastrutture sono studiate e disegnate con un approccio completamente nuovo rispetto alle moto classiche. La sella, alta da terra solo 895 mm, è un tutt’uno con la scocca e, grazie all’innovativo sistema di fulcro dei componenti nella zona del cannotto di sterzo, è possibile raggiungere il serbatoio e il filtro nella zona sottostante con grande semplicità e con il minimo sforzo, senza alcun bisogno di chiavi. Tutta la zona di contatto con il pilota è snella e allungata e consente una libertà di movimento illimitata e un ottimo comfort sia per la guida da seduto che per quella da in piedi. Per i più pignoli è possibile variare la posizione delle pedane al fine di ricercare la posizione più efficace. Nella zona del parafango posteriore sono anche state inserite delle maniglie ergonomiche che consentono di afferrare la moto in modo efficace per manovre strette o quando la ruota posteriore rimane incastrata. 

 

Il nuovo concetto geometrico assicura un'elevata sicurezza e stabilità e allo stesso tempo un peso particolarmente contenuto

Il risultato, in termini di ingombri per il pilota è assimilabile a poco più di una bici e ciò rende gli spostamenti in moto semplici, molto ampi e intuitivi, senza però perdere il comfort minimo della posizione da seduto.
Tutti i tricks e i giochi con questa moto sono da fare necessariamente in piedi, non dimentichiamo le origini trialistiche, ma nulla toglie a chi la vuole usare per un’ora nel piazzale dietro casa e poi usarla anche per andare a prendere il gelato in centro città.
Anzi, è proprio questo il suo punto di forza, quello di farvi sentire liberi e tranquilli in ogni situazione.
A completare la nuova veste estetica e grafica ci sono il nuovo parafango anteriore e il portafaro, anch’essi completamente rivisti. Tornando al sottosella, il serbatoio, realizzato in plastica trasparente è ben protetto tra i due profili superiori del telaio e vanta una capacità di 5 litri e mezzo, più che sufficienti per affrontare oltre 70 chilometri, dati i consumi contenuti del propulsore alimentato ad iniezione che permette di percorrere oltre 20 chilometri con un litro di verde. Nella parte superiore del serbatoio invece è sistemata, in area ben protetta e facilmente accessibile, la cartuccia del filtro dell'aria, la cui posizione alta aiuta considerevolmente a tenerlo pulito e ad evitare infiltrazioni in caso di attraversamenti di guadi.

Il video della nostra prova in Marocco




Il motore. Com’è fatto e come va


Passando ad analizzare il motore, sulla Freeride troviamo il medesimo 350 che equipaggia la EXC-F, ma completamente rivisitato e adattato alla nuova concezione del veicolo. Lo scopo di questo propulsore non è quello di erogare la massima prestazione, ma molto più semplicemente quello di essere affidabile, duraturo e soprattutto docile. Ne deriva un erogazione precisa al millimetro, lineare e progressiva, che in abbinamento ad una spaziatura del cambio abbastanza ridotta, non incita a ricercare la velocità, piuttosto la trazione su ostacoli che mai si sarebbe pensato di affrontare. 
Le medesime rapportature però, sebbene particolarmente ravvicinate e ridotte per un uso principalmente trialistico e enduristico, non inibiscono l’uso sugli sterrati più veloci, così come sull’asfalto, arrivando in sesta marcia a velocità di crociera intorno ai 90-100 km/h, più che decorose per questo genere di utilizzo.
Il limite c’è, ma va ricercato nella dotazione inziale di pneumatici che sono specifici da trial e non offrono né il sostegno laterale adeguato sugli sterrati (dopo una certa inclinazione scartano improvvisamente perché non hanno tasselli sul laterale, soprattutto l’anteriore), né tantomeno la durata necessaria sull’asfalto, essendo di mescola molto morbida si consumano velocemente.
Viene eliminato l'avviamento a pedale; il basamento viene realizzato per pressofusione anziché fusione in terra e la respirazione avviene tramite quattro valvole in acciaio anziché in titanio, al fine di garantirne la massima durata ed affidabilità. Contestualmente viene ridotto il numero massimo di giri motore che si attesta sui 10.000 giri al minuto. Gli ulteriori accorgimenti sono il ridimensionamento dell’impianto di scarico e dell’ airbox, che portano questo propulsore ad erogare una potenza massima intorno ai 23 cavalli, puntando sulla coppia anziché sulla performance in gara, per avere un motore efficace, ricco di trazione e poco faticoso, soprattutto nel fuoristrada impegnativo.
Nel progettare l'impianto di scarico, gli obiettivi sono stati, oltre che di contenere le emissioni di scarico e di rumore anche di sviluppare una spinta omogenea e dalla coppia potente. I gas di scarico sono convogliati in un collettore centrale sotto il motore per arrivare poi ai due silenziatori posteriori in alluminio, posizionati a destra e sinistra del codino e che grazie ad un catalizzatore ciascuno, riducono efficacemente sia le emissioni di scarico, che quelle acustiche ad un livello ecocompatibile.

ktm freeride 350  12 2
Molti sono gli elementi che la rendono speciale e unica nel suo genere: a partire dal telaio, completamente nuovo in acciaio al cromo-molibdeno che si interseca con alcuni elementi fucinati in alluminio e che insieme ne costituisce la struttura ossea


A questo si aggiunge anche la gestione elettronica dell’erogazione, grazie all’iniezione con corpo farfallato da 42 mm di Keihin, che assicura una risposta sempre efficace e molto pronta al comando del gas. Il 350 reagisce anche al minino richiamo del pilota in maniera sempre dolce, ma anche immediata sin dai regimi più bassi, supportato dalla corta rapportatura del cambio a sei marce. 
La coppia dai medi fino ai regimi più alti è quella che serve per arrampicarsi ovunque senza fatica, ma risulta sicuramente più efficace lavorare con la giusta marcia, piuttosto che insistere con la stessa dato che il motore si ferma abbastanza precocemente nella distribuzione della coppia ottimale. Ciò che conta particolarmente per questa moto non è solo la modalità di erogazione, ma come questa viene abbinata ai movimenti del corpo. Considerata la leggerezza e facilità di guida infatti, l’abbinamento di certi movimenti porta dei grossi cambiamenti in termini di performance del propulsore. Per parlare in termini pratici, gestire correttamente la posizione in sella porta degli enormi vantaggi in termini di erogazione e spinta del motore. Non serve lanciarsi su per le salite come si farebbe con una vera enduro, ma con un buon bilanciamento sulle pedane si possono affrontare gli ostacoli più ripidi con velocità bassissime e soprattutto con estrema facilità .
I sensori a bordo sono in grado di gestire in autonomia anche la compensazione di altitudine e temperatura, nonché l'arricchimento elettronico della miscela per le partenze a freddo. Montando anche l'interruttore map-select disponibile come Powerparts, è possibile attivare anche due ulteriori mappature del motore, una leggermente più soft, altrettanto ideale per il giro in mulattiera, e una un poco più hard, per chi vuole fare qualche sgommata in più.

Sulla Freeride troviamo inoltre il nuovo concetto di frizione già adottato sugli ultimi modelli enduro, ovvero una campana in acciaio resistente all'usura, 8 lamelle su piastre in acciaio e guarnizioni di attrito estremamente resistenti alle alte temperature che vengono precaricate da una molla a tazza. Il tutto azionato da comando idraulico assolutamente inedito, prodotto e sviluppato da Formula appositamente per la Freeride 350 che garantisce una modulabilità eccezionale e una forza di azionamento minima. La medesima ditta fornisce anche gli impianti frenanti che si distinguono per l’ottima capacità frenante e per la modulabilità del comando.

Le sospensioni


Per quanto concerne il pacchetto sospensioni possiamo confermare lo standard elevato della casa Austriaca. All’anteriore troviamo una nuova forcella a steli rovesciati WP da 43 mm con escursione di 250 mm che assicura, un'ottima stabilità e un eccellente comportamento in tutti i tipi di situazioni. Al posteriore è installato un ammortizzatore PDS di nuova concezione imperniato direttamente sul forcellone con escursione di 260 mm che garantisce il massimo comfort e un'adeguata sicurezza anche sui terreni più impegnativi. Sia forcella che monoammortizzatore vengono tarati particolarmente morbidi, ma sono regolabili in estensione e compressione per ogni gusto ed esigenza.

Pneumatici da trial


Un ultimo elemento, ma altrettanto importante di questo progetto è la scelta fatta da KTM sulla tipologia di pneumatici. A differenza di quanto si possa inizialmente immaginare, ragionando sulle geometrie base della Freeride, essa non viene dotata di pneumatici da enduro, bensì di pneumatici da trial. Quest’ultimi infatti, oltre che a garantire trazione in ogni situazione, lasciano sicuramente una traccia meno "indelebile" sul terreno rispetto a quelli off-road tradizionali. I Dunlop, abbinati ad una coppia di ruote leggere con mozzi lavorati CNC e i cerchi in alluminio Giant top di gamma (da 18 e 21 pollici), sono pressoché insuperabili in termini di peso pur garantendo la massima stabilità e sicurezza.

 

La nuova Freeride definisce un nuovo concetto di moto

La nuova Freeride dunque definisce un nuovo concetto di moto, che non può il alcuna maniera andare a confrontarsi o sostituirsi né alle classiche da competizione enduro come le EXC, né tantomeno alle specifiche di altre discipline come trial e motoalpinismo, ma si attesta come crossover tra queste due discipline con l’obiettivo di far divertire tutti coloro che fino a ogni non se la sono sentita di fare il grande passo di acquistare una moto racing perché troppo specifica, ma che hanno nell’animo un desiderio innato di tassello e fuoristrada.

La Freeride è presso tutti i concessionari KTM a 7.250 euro IVA inclusa.


Pregi


Leggerezza e versatilità | Consumi e ingombri contenuti

Difetti


Posizione manubrio un po’ bassa per la guida in piedi | Non omologata per il passeggero

 

Sono stati inseriti 58

Commenti

. Commenta
  • 1. un motivo in più

    dopo questa recensione ho un motivo in più e ancora più voglia di averla! Utilizzo a 360°. Per una passeggiata al mare con la morossa,o un giro in montagna per mulattiere con gli amici,o per un semplice giro in centro... che dire!? Un ritocco al prezzo , che forse resta un tantino elevato, ed il gioco è fatto!

    piccola pecca il serbatoio da 5L, potevano metterne altri due...
    Fabio.Gulotta -
  • 2. quando abbasseranno il prezzo

    forse la prenderò inj considerazione.
    Per ora mi tengo strette le mie moto.
    In effetti uso il tricker come scooter, la Scorpa come mulatrial e il 525 come desertica.
    Mi risparmierei 3 assicurazioni contro 1.
    Ma 7250 € per un coso pesante senza cavalli, senza autonomia di km e senza pedane passeggero, non li spendo proprio.
    Sopratutto fino a che con gli stessi soldi potrò comprare una FAVOLOSA 690..
    topgun -
  • 3. 350 freeride

    Scusate , come si puo pagare un moto 7250 euro senza neanche poter portare dietro il passeggero?
    Spero per ktm che venda tante di queste moto , a me sembra un' assurdtità metterla in commercio a questo prezzo ,a mio modesto parere si poteva vendere a 5500 euro.
    Avrebbe avuto molti consensi.
    salvo.nicosia -
  • 4. Il segmento delle moto Free Ride

    volevo solo puntualizzare che questo segmento è stato per la prima volta affrontato dalla Scorpa con la T-Ride e non dalla KTM.
    lambro -
  • 5. splendida!

    una meraviglia, dev'essere davvero divertente e consuma pure poco però.... non so da voi ma in Trentino non puoi andarci da nessuna parte (pena forti spari mentre tenti di scappare alla forestale..), e soprattutto costa uno sproposito: va bene lo stile e mazzi di pazzi (tanto marketing..) ma è innegabile che per sfondare doveva costare non 1 ma 2 mila euri in meno..magari un po' meno dotata certo, ma più sensata. mio timido parere . yup
    -Macs- -
  • 6. Carina ma...................

    Per essere carina è carina, ma............il prezzo è veramente spropositato, non si ha la possibilità di portare il passeggero, il serbatoio da 5 litri che consente di fare "oltre 70 km." è ridicolo, ecc.............in compenso è un mezzo leggero, facile da usare ed ha "l'innovativo" sistema con il filtro sul serbatoio.....però già adottato dalla Mazzilli 2^ serie da regolarità del 1972.
    Vorrei poi sapere perchè sono dovuti andare a provarla in Marocco e non l'hanno provata magari tra le nostre montagne in Italia.........paura di multe e fucilate??????
    chiu1956 -
  • 7. capacità serbatoio

    già che c'erano lo potevano fare da un litro.
    Sbando_1 -
  • 8. Non è la prima, ma...

    Ora che il segmento motoalp si stà infarcendo,
    spero che i prezzi inizino a scendere!!!
    Anche se: ...guarda un po', il prezzo proposto è allineato con quello della T-Ride.
    A parte x lo sforzo di marketing, non vale 7000 euro un mix di enduro poco performante e trial ingombrante!
    Notare 7000euro è il prezzo delle trial top di gamma!!!!
    Segnalo come ulteriore moto del segmento anche la Ossa Explorer...


    IpoUtente -
  • 9. Apparentemente divertente

    Ritengo possa riusultare divertente ma esclusivamente come sfizio per motociclisti con almeno già una moto. Escludo che con questa cifra in presentazione si possa prendere in considerazione un' acquisto simile come primo mezzo, soprattutto valutando, come comparazione, tanti altri mezzi usati solo di nome ma non di fatto. Moto.it insegna in questo.
    Buon lavoro
    torquato243 -
  • 10. la free ride la faceva già la scorpa!!!!

    Si chiama t- ride e ha almeno 4 anni
    senza nulla togliere alla ktm che è bellissima!
    Djelllo -
  • 11. spigatemi...

    L'idea sembra interessante ma vorrei chiedere, a chi si intende di fuoristrada, quanto dista come prestazioni e filosofia di guida questa moto dalla Beta Alp.
    A me sembrano molto simili. E mi viene in mente quello che mi diceva un amico fuoristradista "...se vuoi fare fuoristrada tosto (cioè a manetta) ci vuole una moto specialistica, sennò compra la Alp, ma quello non è fuoristrada, è escursionismo..."
    valkyrider -
  • 12. costa troppo manca l'omologazione per due

    detto tutto.
    lukra -
  • 13. Non paragonatela con Beta

    La Alp è un cancello fatto e finito.
    Pesa 140 kg, ha sotto il suzuki DR 350 progettato 30 anni fa, ha le finiture di una moto molto economica stile nuovo Tènèrè.
    Questa almeno ha la qualità KTM.
    Tanto poi dove vai dove vai sei fuori regola sia per i luoghi (lo 'stile di vita off road' del titolo sembra una presa per i fondelli) che per la moto (vedi la foto KTM della stessa priva di specchi targa e indicatori)
    topgun -
  • 14. Io penso che...

    piuttosto che vederla in mano ad amatori, la vedremo in cima alla classifiche di gare di estremo, con il motore opportunamente riportato alla sua cavalleria originale del 350 che non è poca.. ...scommettiamo che all'Hell's Gate il prossimo anno vince uno col Free-Ride?

    Cmq mi sembra in generale una buona idea, anche se è un ulteriore segmento, e vedo un mercato difficile: penso a me che ho il 450 exc, le cose che faccio con quello non potrei farle col free-ride, le cose che potrei fare col free-ride, non le faccio col 450...

    La vera perla: la mini-pinza radiale! ma quanto è bella? Io vado anche per strada e mi chiedevo quando ci sarebbe arrivato il mondo del cross/enduro.. ...prevedo che questa sia la prima di una lunga serie!

    saluti
    matteo

    matcas01 -
  • 15. Ottima idea...

    ,,era la moto che mancava. Ne hanno fatto una vera fun bike, rivolgendosi evidentemente a piloti capricciosi e danarosi che alle tre o quattro moto in già in garage vogliono aggiungere pure questa per qualche "trick" in più. Ecco spiegata l'omologazione senza passeggero, l'autonomia ridicola ed anche il prezzo semplicemente esagerato.
    Peccato, un'occasione persa da KTM di far dei bei numeri di vendita. Meglio vendere 2 moto a 7250 euri o 10 a 5500, magari togliendo qualche inutile fronzolo? Mah...! Vedremo fra qualche mese, quando calerà il prezzo del 20%.
    pegasox -
  • 16. La versione ideale di questa moto esiste.

    Questa KTM sarebbe perfetta e sensata se avesse un motore 2T: Nessuna complicazione, meno ingombro, almeno 10 kg di peso in meno e, ovviamente, molti meno costi di manutenzione.
    E guarda caso, c'è già, solo che la fa la Scorpa/Sherco, che ha messo un motore 2T sulla sua T-Ride (che ha "inventato" la categoria di moto in cui si colloca la freeride) che è in commercio da anni.
    bibo3361 -
  • 17. PREZZO,AUTONOMIA,OMOLOGAZIONE POSTI

    come avete già detto ci sono tre cose fondamentali da riguardare.Il prezzo a mio parere dovrebbe essere attorno ai 6000€,avere un serbatoio con almeno 7-8lt e la doppia omologazione.Il cliente tipo di queste moto non vuol spendere tanto,vuole una moto che abbia un autonomia minima di 100-120km e che possa portare in giro la morosa-moglie!!!!
    nik200929 -
  • 18. Commenti

    Ottimo progetto ma deve avere più autonomia, omologazione passeggero e possibilmente l'avviamento a pedale
    dario65 -
  • 19. costo assolutamente esagerato

    7250 euro per un 350 mono(ok la ciclistica) è decisamente fuori mercato
    carlito86 -
  • 20. Bellissima, ma....

    Quando l'ho vista quest'inverno in un angolino dello stand KTM all'Eicma me ne sono subito innamorato, e ho pensato che KTM aveva fatto una off-road per persone che non sono dei vichinghi da 2.00m con 80 Kg di muscoli.
    L'estetica è bellissima e dal vivo passa l'idea di un ottima qualità; 99Kg di moto poi la rendono una bicicletta a motore
    Il video sul sito ufficiale della versione elettrica è incredibile e ti fa venir voglia di averla subito...
    ...ma...
    come scritto sopra...costa 600€ meno di una EXC 250 che ha sicuramente più cavalli e una range di utilizzo tutto sommato più ampio.

    7.400€ putroppo mai... MI ricompro il KLX 250 ci vado a lavoro comodo (ha una sella, il freeride no), ci vado in mulattiera, ci vado al mare con zavorra attaccando uno zaino alla coda.

    In ultimo: basta con quei perdi-targa...
    Cooper76985 -
  • 21. voto 7 : per arrivare a 9 vorrei..................

    Due posti,solo kick starter,,un portatarga legale,qualche litro in più e qualche euro in meno !!!!!!!!!!!!!
    Comunque 7250 € è la stessa cifra di una tanca di plastica che chiamano Majesty 400: a parte le differenti esigenze incontestabili,ragioniamo un attimo sulle due tecnologie e qualità profuse!
    bocciu -
  • 22. Bah.. inutile e costosa, ma visto che tutti ne par

    ...parliamone, visto che tra l'altro è già la quarta notizia pubblicata in pochi giorni su questa moto...
    Non si capisce a cosa serva. Rispetto a un'enduro seria è limitata in tutti i sensi e dannatamente costosa. Rispetto a una trial è enorme e costosa. Rispetto a una vera moto da escursionismo/motoalpinismo come la Beta 4.0 ha un serbatoio ridicolo, non ha la doppia omologazione per gomme più stradali, non ha neanche l'omologazione per il passeggero (non le pedane, come qualcuno ha scritto, proprio l'omologazione!) e costa 2000 euro in più.
    Per poi avere un motore che, rispetto al Suzuki della Beta rende almeno 5 o 6 cavalli, è molto più sofisticato e non semplice di uso e manutenzione come il mulo giapponese montato sulla moto toscana.
    Boh?!?
    Capisco naturalmente che in Ktm vogliano pompare la novità, ma francamente questa freeride per me può rimanere dove sta.... a quel prezzo folle poi...
    Motoghiro -
  • 23. Hanno reinventato che ?

    Dunque nel 1978 essisteva la AMF HArley Davidson SX 250 seguita poi dalla Cagiva , che aveva le stesse prerogative della KTM, gommata da trial con gomme un po basse ci facevo di tutto , certo un po più pesante delle trial attuali , ma c'erano anche altre braccia , comunque una moto che non si fermava davanti a nulla , se non sul fango molle a causa delle gomme non specifiche , KTM non ha inventato , ma re-inventato in chiave più moderna la Free -Ride
    diablito62 -
  • 24.

    Se on vi fossero tutte queste limitazioni sul fuori strata penso che andrebbe a ruba
    LyoKey -
  • 25. Nuova filosofia di moto???

    Posso spiegare il prezzo alto di questa moto: il 20% degli incassi sono devoluti alle riviste per fargli scrivere che KTM ha inventato l'acqua calda.

    Se la offrivano ad un prezzo corretto e non la spacciavano per una rivoluzione, ma solo per quel che è, magari veniva fuori che è la migliore del suo segmento e più persone la compravano.
    Voler far credere ai lettori che per "andare a divertirsi sulla terra e poi al bar" questa è l'unica scelta, e che prima non c'era nulla di adatto mi sembra un po' "grossa".
    Lamp...
    Filippo.C -
  • 26. Ne esistono già di moto così!

    Quale invenzione ha fatto KTM?Ha solo deciso di ampliare la gamma nella direzione motoalpinismo,quello che una volta si faceva coi vecchi Fantic 2 tempi da trial,ora si usano le Beta Alp che costano decisamente meno.....Sicuro che il prodotto è ottimo ma non lo trovo per niente innovativo,su questo segmento molte altre aziende hanno offerto moto similari,l'unica pecca è che non erano un colosso come KTM.
    Guardate la HM Locusta per farvi un'idea,costa 3000euro in meno....
    cave01 -
  • 27. Due domande.

    Ho visto su alcuni video in rete, la versione stradalizzata. Ovvero montava frecce e portatarga. Possibile che monti anche le pedane passeggero? oe che abbia l' omologazione per due?

    Per quanto riguarda i consumi? avete dati certi su quali siano?

    grazie.
    Fabio.Gulotta -
  • 28. Cara?

    Non mi sembra così cara, queste moto devono resistere a sollecitazioni pazzesche, a cominciare dalle sospensioni, e il costo finale inevitabilmente ne risente. Se poi qualcuno la compra per, al massimo, salire e scendere dai marciapiedi... ci credo che gli sembra cara.
    contact5278 -
  • 29. Se non fosse un KTM ? se ne parlerebbe ?

    Sono perplesso , una moto con 5 litri di benzina e 2 scarichi Bho
    Dove andiamo con 5 litri ? 7 erano troppi poi aumentava il peso e dire che pesava un quintale sembrava una bestemmia , e poi i due silenziatori , evidentemente la KTM ha gia incatalogo lo scarico con un silenziatore solo per alleggerire la moto e le tasche come ha in catalogo la centralina per la doppia mappatura .
    E poi quello che fa il pilota nella fotogallery , sono in pochi a poterselo permettere , perche questa e' una moto che comprera il fighettone ultra40enne e non il giovane esperto e corsaiolo.
    Finiamo con il prezzo un pelo alto.
    Comunque e' carina non bella
    motobagno01 -
  • 30. Forza del marketing

    Per favore, non ci caschiamo più con le solite favole pompate da marketing anni '70. Ora il vero appassionato è informato e guarda al sodo. Certe ciance tipo “che la Ktm ha inventato un nuovo segmento” sanno davvero di presa in giro. Un pò più di umiltà e di considerazione per chi, come Beta e Scorpa, ha rischiato di intraprendere una nuova avventura spinta da vero entusiasmo.
    alberto613538 -
  • 31. Dico la mia:

    Sono un amatore e giro con vecchie regolarita' d'epoca e con un Ktm
    300 2012 six.days. Il mio parere? una bellissima idea di marketing
    sviluppata male. I motivi?
    poca autonomia
    un 4 tempi inutilmente complicato e volutamente spompato.
    la mancanza del kick starter gia' da sola è sufficiente per non acquistarla.
    un prezzo fuori mercato (alla stessa cifra prendi un model year 2011
    fondo magazzino 2 t)
    morale: ci si diverte spendendo meno...la passione costa poco.
    claudio steccanella - bologna
    stecca02 -
  • 32. freeride?

    serbatoio mignon e altezza sella straosferca,per non parlare dell'imbottitura della stessa che è quasi monoposto, ma quale scampagnata con la moglie!
    heinz03 -
  • 33. Così va meglio...

    Queste moto (assieme alla T-Ride della Scorpa, ovviamente) sono la giusta interpretazione di un mezzo per fare fuoristrada. Gli appassionati però solo per "apparire" preferiscono e continueranno a preferire le autentiche assurdità che sono le moto da enduro di oggi, potenza spropositata e sella altissima. Basta guardare i filmati delle zone difficili delle cavalcate, piloti totalmente impacciati perennemente indecisi se cadere a destra o a sinistra dopo aver perso l'equilibrio per aver mancato l'appoggio di un piede.
    Mi riferisco ovviamente a quegli appassionati, la maggioranza, che non sono pilotoni e non sono più giovanissimi. I piloti top continueranno ad ottenere le massime prestazioni con le moto tradizionali anche nelle gare di estremo.
    giovanni20 -
  • 34.

    Carina è carina...ancdrà acnhe bene in fuoristrada.....ma in strada???

    Poi...con 7250 euro compri la ultima Duke 690....e questa vale lo stesso prezzo??? siam oseri....con 800 euro in più mi compro la 690 enduro..

    Poi....in tempi di crisi un 350 è ottimo....ma nn potevano fare un 350 enduro R,derivato dalla 690, con il motore 4 tempi della enduro/cross da gara di 350??? Magari con un 6000/6500 e chiavi in mano??? avevi prestazioni buone, possibilità di andare in 2(magari epr gite anche lunghe) e un serbatoio degno di questo nome......bah...magari poi sarà la moto più venduta dell' anno....
    Willy73 -
  • 35. Orfano del DRz400E ...

    Speriamo che da questa esca un altro modello meno trial, più enduro o meglio più dual, ovvero con un aspetto più enduro e omologato per il passeggero, cosa utile per chi la usa anche su strada e/o se devi dare un passaggio ad un amico rimasto in panne...

    Certo c'è il 690 ma quello è grosso, pesante, complicato.
    uncleroby -
  • 36. si però

    un ktm è sempre un ktm ma questo freeride lo trovo un pò insipido....piuttosto mi comprerei la multiuso Borile che costa 2000 euri in meno , pesa 20 kg di meno, ha meno cavalli ma molto fruibili e consuma tanto meno.Ci fai tutto il freeride che vuoi E poi la Borile ha carattere, è artigianale made in Italy e con un fascino che è indiscutibile.

    Fabiotto -
  • 37. Bellina e troppo cara.

    E' tutto nel titolo-
    Dannatio1057 -
  • 38. Un altro buco nell'acqua

    Viene alla mente la rc8...volevano rivoluzionare il mondo delle stradali con nuove soluzioni tecniche ad un prezzo improponibile...e hanno mandato in fumo centinaia di miglia di euro tra progetti, test e marketing sfrenato...ora dicono di aver tracciato un nuovo segmento off-road inserendo sul mercato una moto che non è un enduro ne tantomeno una trial...non ha la potenza e " le gambe" della prima...ne tanto meno la scaltrezza e peculiarità della seconda tipologia.

    Il successo nel mondo delle competizioni ( aquisito sequestrando i migliori piloti del mondo a suon di dollari ) porta in città la moda del marchio ed è senza dubbio il momento dell'arancio...ma i modelli stradali a prezzi surreali (se paragonati alla concorrenza jap) e alcune finte invenzioni come appunto quest'ultima...fanno pensare che in Austria...l'affidamento fatto su felpe e cappellini tanto di moda...sia piu forte che quello fatto sulle qualità delle moto...che non giustifica certo il prezzo...
    hpmoto snc_4126760 -
  • 39. Lamenti ovunque

    Vedo solo gente che si lamenta, che secondo me non ha capito che moto è questa. Non è fatta per la città, e nemmeno per andarci "a passeggio", ma più che altro è un enduro racing meno costosa e meno impegnativa. Se vedeste i numeri che si riescono a fare, smettereste di paragonarla a quel cancello chiamato beta alp
    Francesco.Padovani -
  • 40. prezzo fuori dal mondo

    in un periodo di crisi come questo non hanno veramente capito che se vogliono vendere devono dare agli appassionati moto semplici affidabili e poco costose. Tutte caratteristiche che la moto in questione non ha.
    Non è economica, non è affidabile perchè non ha neanche la pedivella e se muore la batteria voglio vederti a rimetterla in moto e infine non è neanche semplice visto che è ormai assodato che nel mondo off road c'è un forte ritorno al 2t a scapito dei 4t che si sono dimostrati alla lunga difficicili specie nella manutenzione.
    Infine si parla di spirito free ride ma le foto del servizio non ci zeccano proprio niente. Uno che fa motoalpinismo si mette un bel casco aperto, gli stivali da trial ed ha una guida assennata e rispettosa dell'ambiente...tutto ciò che non traspare dalle foto del servizio.
    Venzagg -
  • 41. giacomo

    ma scusate voi che dite dei passeggeri... avete mai visto un trial o un enduro ( che non sia un trattorone tipo 990) che porta passeggeri?? io no...
    per quanto riguarda il prezzo la moto è nuova e più o meno tutte le moto di questo genere costano su quella cifra...
    giacoserto -
  • 42. non vedo l'ora........

    si,non vedo l'ora di averla sotto il .... !!!! sono uscito dalla clinica per un intervento alla mano il 10 /11/11 e venerdi' 12 ero a Milano per sedermi sopra e capire .Ho fatto il contratto il 16 di novembre e a giorni finalmente potro' usarla per quello che è ; uno stupendo animale da divertimento !!! non ha le pedane per il passeggero,è costosa ,è pesante(???)......MAH,MI SEMBRA TANTO LA STORIA DELLA VOLPE E DELL'UVA!
    CIAO A TUTTI E APPENA CE L'HO VI RACCONTO ! serèn58
    charly09 -
  • 43. il futuro della KTM modelli 2013

    farete l'abitudine a questa invasione di KappaTIEMME versione light....con la forza del loro marketing, invaderanno pagine internet e riviste, tramite la presentazione del 15maggio 2012: Freeride Elettrica, Freeride così come la vedete e Freeride da Città. Restyling dei modelli Cross SX con plastiche nuove e grafiche nuove. Modelli EXC niente. Sondaggio del mercato enduro/link sui 2t e 4t tramite il marchio Husaberg che non è altro che un ktm dipinto di blu(con +dotazioni), in vendita su tutte le concessioanrie Kappa.
    Nicola.Rossi9293 -
  • 44. sono d accordo con Francesco.Padovani.!!

    e una moto da enduro estremo!! che si puo tranquillamente fare la passeggiata in off, motoapinismo, enduro hard.
    ma e una moto di nicchia quindi una molto piu facile di un enduro specialistica. leggera e pratica ma il fatto della silgola omologazione la trovo una cosa giusta. si risparmia sul assicurazione!!
    i miei complimenti a ktm!!!!
    lucafazer -
  • 45. Furba

    L'idea mi piace, sicuramente facile da usare, per il costo? TUTTE le moto di questo segmento sono CARE, qualcuno di voi ( giustamente ) paragona il prezzo del Duke con questa....... mi dite a parte le prestazioni pure, che differenza c'è tra questa e un EXC-350?
    Parlo di sostanza...... un telaio, un motore, ruote e plastica a completare il tutto....... Ripeto credo che siano tutte care oggi le moto da fuoristrada, non solo questa novità.
    Alberto.Morotti -
  • 46. 46X LUCAFAZER

    Ma l'avete mai vista o guidata una moto da enduro estrema?? io posseggo da un anno un husqvarna te 450 del 2010... è semplicemente insfruttabile da amatori. Questa ktm sarà si sfruttabile ma non assolutamente una moto da enduro estremo!!
    sfonzi -
  • 47. grande marchio

    vi racconta qualcosa un trialista di ventennale esperienza attualmente possessore della sua 18° moto"una duke 690 2010".dopo aver posseduto quasi tutti i marchi sono approdato su ktm e posso solo dire che questa moto ha super prestazioni e bassissimi consumi uniti ad un prezzo logicamente alto ma proporzionato alle dotazioni accessoristiche,tutto questo e paragonabile a tutta la sua gamma compreso la tanto discussa.se non volete spendere potete utilizzare tecnologie obsolete che offrono altri marchi.....si puo' essere soddisfatti lo stesso e farsi un giretto tranquillo,ma se volete il top.....si e' detto un po' di tutto e c'e' un fondo di verita' in ogni analisi degl'altri esperti appassionati cmq a proposito di soluzioni a 2 t a quarant'anni la puzza non mi piace piu'.....a questa moto che probabilmente sara' la mia prossima metterei solo un paramotore piu' trialistico.....e speriamo che nell'uso stradale gli scarichi non scaldino troppo le palle....
    janco0101 -
  • 48. Interessante

    Mi piacerebbe provarla... secondo me non si riesce a dare un'opinione esatta se non si sale in sella... sicuramente il la poca autonomia non è il massimo in off road....
    Demis -
  • 49. x sfonzi

    Non sono daccordo con sfonzi. La te 450 è sfruttabilissima dall'amatore per docilità e progressività di erogazione. Se poi uno vuole fare il tempo è chiaro che deve sapere guidare .... ma questo vale anche per la freeride ... a mio avviso molto bella
    samir01 -
  • 50. freeride 350 ktm TESTRAID

    finalmente provata ieri a ragusa...prima di salire e metterla in moto e meglio resettare il cervello ...e una MOTOCHENONCE. non e una TRIAL e non e una ENDURO...certo che i RAGAZZI di HOBBY MOTOR potevano scegliere un percorso piu SOFT...da premettere che ho UNA KTM 530 ...e una TRIAL BETA EVO 290 2t ho 60 anni e MASTICO MULATTIERE da 45...detto questo ...dopo pochi metri di asfalto...subito un bel GRADONE DI CEMENTO alto una 70 di cm con una ripidissima salita con gradini piu bassi (MICA TANTO FACILE) con curva a destra eseguiti ...CON TANTA ESPERIENZA e TANTISSIMO CULO...poi si va su in uno stretto sentiero con curve SECCHE e GRADINI di tutte le misure ed un canalone che non finiva mai...ma QUESTA MOTO E FATTA x QUESTO MI ha aiutato tantissimo il MOTORE che sembra MORTO ma che non muore mai ...TELAIO E SOSPENSIONI da :::VERA KTM...con una stabilita IMPRESSIONANTE...nemmeno le SORELLE PIU RACING hanno questa STABILITA...aiutano tantissimo le GOMME che IO conosco molto bene...quello che non mi e PIACIUTO e il PREZZO e ...L ALTEZZA...se fosse piu bassa di 5 CM in MANI ESPERTE ed ESPERIENTI...SAREBBE ...UN ARMA LETALE IN MULATTIERA...ieri la pressione delle gomme era ALTINA 09 sarebbe stato meglio 05...l hanno provata dopo di ME altri miei AMICI con UNA CERTA ESPERIENZA sulle spalle...il giudizio e stato x TUTTI E 4 ...MOLTO POSITIVO (DA PREMETTERE che tutti e 4 ABBIAMO LE TRIAL ed ANCHE LE ENDURO e facciamo parte del gruppo dei ...TRIALISTISICULINCAZZATI) ed abbiamo INTENZIONE DI PRENDERLA ma secondo NOI il prezzo reale di questa moto non dovrebbe superare i 6000 EURO. UNA COSA E SICURA...LO SPASSO E ASSICURATO IN TUTTA SICUREZZA. UN APPASSIONATO "VECCHIETTO" ciao a tutti.
    matteoinmoto -
  • 51. ogni promessa è debito.......

    come vi avevo promesso,appena entrato in possesso giovedì 18 c.m. vi avrei dato le sensazioni.E' STUPENDA,PERFORMANTE,LEGGERA E CON LA GIUSTA CAVALLERIA !!! E non pensiate che io sia un azionista KTM,perche' l'ho pagata fino all'ultimo centesimo!ma quanto va bene, e fai veramente cose che con una enduro stile raging non ti sogni nemmeno....!unico difetto,perchè fare 100 km di mulattiere con solo 5 litri di benzina non è poco,è la rapportatura del cambio veramente troppo corta ,ma ho rimediato provando un pignone da 12 e da 13 a seconda delle esigenze.E per tutti quelli che non ci credono a questo nuovo "reinventarsi" il fuoristrada,sul libretto di circolazione hanno omologato 4 tipi diversi di pneumatici,compresi il 90/90/21 ant. e il 120/80/18 con i quali mi sono presentato alla ACTIV MOTOR di Biella per ritirare la moto "già pronta" !!! K FOREVER .ciao serèn58
    charly09 -
  • 52. Toccata con mano

    Ieri sono finalmente riuscito a vederla e toccarla! bella,bella,bella! Volevo portamela a casa. Peccato per il prezzo... 7800 euro (perchè mi fornivano paramani, paramotore in alluminio, paratelaio,protezione dischi freni...) forse qualcosina si riusciva ancora a togliere dal prezzo,ma resta comunque altino per me! Peccato perchè per il resto la comprerei subito!

    charly09 : come consumi che te ne pare? a quanto si aggirano? grazie
    Fabio.Gulotta -
  • 53. Cara KTM, 3 cose da sistemare...

    Cara KTM, incuriosito da questa Freeride 350, sono andato a vederla, gran bella moto, peccato solo per 3 particolari, che altrimenti l'avrebbero resa, per me, unica ed acquistabile.
    (1) serbatoio troppo piccolo, ce ne vorrebbe uno che contenesse almeno 13 litri,
    (2) impossibile trasportare un passeggero, non c'è la lunghezza della sella, nè le pedane,
    (3) manca una piastra per un'eventuale alloggio bagagli/bauletto.
    Se avesse avuto queste caratteristiche in più l'avrei comprata, peccato...
    rick67 -
  • 54. motoalp???

    Concordo con gli amici appassionati classe anni 60:
    la K nn ha inventato nulla.
    Con una moto del genere "Alp" voglio trasportare la
    moglie e cercare la caletta "giusta" oppure
    andare al tal rifugio, nn di certo in marocco.. hihihi
    A mio parere vada x Beta ma ancor meglio x la Ossa Explorer!!!
    Ciao Max

    maxalb01 -
  • 55. Quante voci inutili....

    Perchè uno dovrebbe andare in mulattiera con una moto da 100 kg,in due( almeno 120 kg...),con un serbatoio da 15 litri,bagagli etc etc...???Ci vado regolarmente,in mulattiera,su per le Alpi piemontesi,con la mia GS Adventure da 250 kg,in due,col bagaglio per il pernottamento in rifugio nelle borse in alluminio...Basta mettere delle Karoo e avere 42 anni di moto,sabbia e fango sotto le suole...Ma se vuoi divertirti con una bicicletta,che non sia un'arma da gara con tanti cavalli difficili da gestire,con un piccolo serbatoio( e nello zaino ci metti una tanichetta da 2 litri...di scorta...) e tassellati leggeri,senza tanto rumore da spaventare i viandanti domenicali....allora la Freeride o la Scorpa sono quelle giuste...Non sono delle trial,scomode da seduti,e non sono delle enduro cattive,alte come giraffe e ingestibili dove non puoi spalancare liberamente il gas...Il prezzo?E' una questione di scelta: per me sarebbe la quinta moto in garage,quindi non mi faccio problemi...rata più,rata meno...si vive una volta sola!Lampeggio a tutti!
    joemason -
  • 56.

    Ciao a tutti. Agosto 2012, uscita enduristica .Mi trovo all' agriturismo Viamaggio, sito in Toscana, nel cuore della splendida campagna Senese, dove da cinque anni consecutivi ormai, vado a trascorrere parte delle mie vacanze. Viene chiamato l'agriturismo degli enduristi e lo consiglio vivamente e di cuore a tutti gli appassionati del settore. Angelo, il proprietario di quella meraviglia, oltre ad essere padrone e cuoco è anche un motociclista professionista e ti porta in uscita enduro attraverso km di sterrato, boschi, taglia fuoco, mulattiere e fiumi in secca in assoluta tranquillità, ma con tanta grinta e grip nelle vene. Lui possiede la moto di cui si stà parlando. Io possiedo una Yamha WR 250 del 2007. Una splendida moto. a un certo punto, sulla cima di un sentiero, lui si ferma e decide di farmi provare il suo KTM FREE RIDE 350, facendo cambio di moto fino a rientro. BE'...!!! Io non ci credevo e non ci credo ancora adesso. ho avuto la sensazione di scendere da un camion e di salire su una bicicletta nonostante la mia WR sia abbastanza leggera. Andavo come una lucertola sul muro. Rispondeva a tutti i miei movimenti e la portavo in qualsiasi direzione con una facilità mai provata in vita mia. Io spero un giorno di di poterla acquistare e la straaaccccooooonnnssiglio a tutti. Leo.
    Leo.Carucci -
  • 57. rsv4 o 1098??

    Starei "sognando" di pianificare l'acquisto di una (ennesima..) sportiva per sfamare la passione dopo un periodo sabbatico (forzato..).! E come per tanti lo scooter per la città, è quasi obbligatorio..Se qualcuno pensa ad installare almeno qualche chiodino su questa Kappa (almeno per il "ragno"..), potrei convincermi a riutilizzare lo zainetto e accamallarmi appresso il casco...E prima di rimetterla nel box rientrando dal lavoro, mi farei 2 gradini di scalini per risparmiare un chilometro di giro.. Già guardavo la trecker della yamaha, ma la ktm sta lavorando decisamente con intelligenza, stile e non si dimentica mai che la moto è specialmente divertimento e libertà!
    Penna01 -
  • 58. comunque non male

    lo so che costa un sacco, non ha l' omologazione per il 2° passeggero e il serbatoio da 5 litri, ma se l' hanno voluta così un motivo ci sarà, secondo me per il classico giro dietro casa. Io comunque la vedo bene per le montagne perchè noi enduristi siamo conosciuti come imprudenti, inquinanti, rumorosi e irrispettosi "utenti" della montagna... magari con una moto tranquilla, silenziosa ed ecologica riusciremo a cambiare l' idea che grava sulle nostre spalle (forse)
    Bocia240 -

Per poter inserire un commento devi essere un utente registrato.
Se sei registrato, effettua il login
Oppure clicca qui per registrarti