mostra aiuto
Accedi o registrati
L'editoriale di Nico

Nico Cereghini: “Siamo in tanti sulla strada”

- Forse anche troppi, nel fine settimana e sui percorsi turistici. Moto, auto, bici, tutti molto vicini. Per poter convivere in sicurezza c’è soltanto un modo: rispettare gli altri anche a costo di rinunciare a una parte del piacere di guidare
Nico Cereghini: “Siamo in tanti sulla strada”

Ciao a tutti! Sabato ero sulle strade delle valli, parlo delle nostre Prealpi lombarde, con un bel sole caldo e il cielo terso. Tante moto in circolazione e naturalmente anche tante auto. Ma soprattutto tante bici: bici da corsa, in gruppi spesso molto numerosi, motivati e ben equipaggiati. Il numero dei ciclisti sulle strade è in forte aumento, perché pedalare ha il suo fascino e poi tiene in forma.


Alla classica sosta in cima al passo, davanti a un panino e una Coca Cola, si chiacchiera volentieri. Ci si riconosce, perché molti ciclisti sono anche motociclisti e viceversa. “Scusa, ma perché in fondo valle –chiedo io- anche dove la strada è stretta e tortuosa, voi viaggiate spesso affiancati, anche tre per volta, occupando tutta la corsia?” “Perché troppi automobilisti ci sfiorano quando sorpassano –risponde Gigi che viene da Lecco- e l’incidente arriva spesso. In questo modo li teniamo dietro fino al primo rettilineo abbastanza lungo da fare un sorpasso in sicurezza”.


Questione di punti di vista. La legge dice che i ciclisti sulle strade extraurbane devono viaggiare in fila indiana, al massimo affiancati due a due ma soltanto in città e se la strada è abbastanza larga da concederlo. Ma naturalmente un ciclista ha tutto il diritto di superare sulla statale o sulla provinciale un altro ciclista più lento di lui, e di conseguenza un gruppo di amatori veloci avrà certo la facoltà di sorpassare un altro gruppo meno rapido; sempre aspettando le condizioni giuste per farlo, ma anche pretendendo il rispetto degli altri utenti, che in questo caso, prima di passare, sono tenuti ad aspettare la conclusione del primo sorpasso. Siamo in tanti sulle strade, siamo troppi. La legge dice anche che sorpassando un ciclista bisogna tenere “una distanza adeguata laterale”. Che è certamente una norma fumosa, secondo una proposta di legge sarà sostituita da una prescrizione più precisa e bisognerà passare ad almeno un metro e mezzo di distanza dalla bicicletta come succede già in molti Paesi europei. Ma che si definiscano esattamente le misure, oppure ci si affidi al buonsenso individuale, il punto è che qui da noi pochi conoscono le regole, e soprattutto quasi nessuno le rispetta e se ne occupa. Diciamo la verità, chi è alla guida dell’auto prevarica spesso e volentieri il ciclista: se il pedalatore affianca un altro ciclista è di sicuro un provocatore, lo si sfiora senza tanti riguardi e qualche volta si strombazza pure per tenerlo sveglio. Chi usa la bici guarda l’automobilista con ostilità, e lo vive sempre come potenziale pericolo. E se invece siamo in moto ci stanno sulle scatole tutti: ciclisti, automobilisti e pure camperisti. Molti di noi vanno anche in bici, tutti guidano anche l’auto, ma non appena cambiamo il mezzo cambiamo automaticamente anche la prospettiva, scordando completamente le esigenze che un momento prima erano le nostre.


Se questa è la logica non c’è un futuro possibile. Tutti hanno il diritto di stare sulla strada, e se non si capisce che tutti, senza esclusioni, devono osservare le regole e rispettare gli altri utenti esattamente come se fossero i nostri figli, fratelli o genitori, sarà soltanto una battaglia aperta e le vittime sulla strada continueranno ad aumentare. La soluzione è una sola. Rispettare davvero il prossimo. Rinunciando, forzatamente, a una parte del piacere di guidare. E ve lo dice uno che ama da sempre la guida della moto sulla strada, e se ci sono due belle curve aperte, e senza traffico, non disdegna di fare qualche piega decisa.

Siamo in tanti sulla strada
Leggi tutti i commenti 201

Commenti

  • Jojoe, Bologna (BO)

    Tutto questo thread sta fermentando per la distanza di sicurezza di 1.5m da tenere dal ciclista, non ce spiegazione. Le regole però e le leggi ci sono già anche per i ciclisti indisciplinati. Se viene fuori che non si applicano discutiamo di nulla facciamo notte e non risolviamo nulla. Il succi del discorso é quell'unovirgolacinque...
    Bene, ci sono strade che hanno corsia di 3m e striscia cintinua. Significa che per il CDS se sei in macchina con il ciclista davanti non superi...ed é cosi che devi fare. Se ce il limite a 50 vai piano. Aspetti o cambi strada ... Oppure vai in bici pure tu e ti fa bene fidati... Per il resto ci sono le leggi e i vigili e non i giustizieri della notte.
  • Fattoriale, Belluno (BL)

    Le leggi possono/devono essere portate alla piena realizzazione perche' si possa giudicarle.
    Sui cilcisti, negli anni, si e' continuata ad applicare il buon senso del quieto vivere.
    Nelle categorie motorizzate il CAPPIO pianopiano si e' stretto, alcune volte per motivi gisutissimi ma altre (soprattutto) per lamentele "da vicinato".
    Il ciclista e' un soggetto debole sulla strada ma spesso non fa nulla per evitare le conseguenze di un infortunio salvo la solita denuncia assassina a fatto avvenuto.
    Chiaramente non parlo di tutti, ma mi riferisco a chi affronta strade e spercorsi senza nesuna preparazione o idea di voluta convivienza civile.
    Bene.
    Visto che ormai dalle mie parte i motosiclsiti vengono etichettati come "male assoluto" io cedero' alla logica dello socntro e diro' che i "biciclettai" sono peggio, perche' meno controllati.
    Elenco la cose classiche :
    - mancanza di visibilita' in galleria (ditemi che uno che si fa' 200-300km non pianifica il percorso ...) : niente catadiottri, niente luci
    - stop ignorati (tanto giro a destra)
    - girare affiancati (lo stavo superando)

    Se io con moto, auto, camion devo stare attento a loro, loro, in ambiente eterogeneo, devono fari notare il piu' possibile o lameno non pesare troppo sulla circolazione degli altri.

    Ma passiamo al "bijoux" del sorpasso del ciclista.
    Faccio notare che il sorpasso, sarebbe tecnicame l'occupazione temporanea della corsia a sx rispetto quella di marcia attuale. Se cosi' fosse eseguito, il problema della distanza laterale accusato dai ciclisti sarebbe molto ristretto.
    Datosi che il cista e' un veicolo a larghezza ridotta e lento, si opta per un TOLLERATO superamento a sinistra, che non e' un vero sorpasso quindi.
    La distanso richiesta da varie proposte di legge pare sia 1,5mt di distanza laterale. Bene, allroa tanto vale fare un sorpasso regolare (corsia a fianco).
    Pero' poi ... non venga nessuno a lamentarsi che si crano cose perche' la distanza di legge non viene rispettata.
    CHIARIAMO : io non sono contro la questione dell distanza laterale, ma trovo inapplicabile una norma in molte situaizoni quando basterebbe sanzionare come "superamento pericoloso di soggetto debole" applicando la attuale normativa (variata).

    AFFONDIAMO.
    SE i ciclsiti alzano cosi' tanto la testa sara' perche' il traffico e' diventato quello che e' e quindi periocoloso.
    QUINDI
    Propongo di :
    - applicare la normativa (minima) di DPI per i ciclisti in strada (visibilita').
    - Targare le bici o i conducenti al fine di determinare il soggetto che eventualemnte commette una infrazione.
    - Prevedere una assicurazione per chi circola abitualmente su strade aperte al pubblico in bici

    ... con il finale ...
    dato che le bici elettriche hanno limite 29 km/h perche' non applciare tale limite ai ciclsiti soprattutto in ambiente urbano ?

    (e divertitevi ...)
Leggi tutti i commenti 201

Commenti

Inserisci il tuo commento