SBK 2024. Quinto round a Donington. Un’occasione per Toprak

SBK 2024. Quinto round a Donington. Un’occasione per Toprak
Carlo Baldi
Assieme a Rea il turco è il pilota in attività più vincente a Donington e vuole incrementare il vantaggio su Bulega e Bautista. Petrucci, Iannone. A.Lowes e Van der Mark sono gli outsiders.
11 luglio 2024

Dopo l’ennesima pausa, questa volta soltanto di un mese, il mondiale Superbike torna in pista e lo fa a Donington Park in Inghilterra, dove tutto ebbe inizio nel 1988, quando Davide Tardozzi su Bimota e Marco Lucchinelli su Ducati si aggiudicarono le prime due gare in assoluto del campionato mondiale per moto derivate dalla serie. Da allora sono passati 36 anni e sul tracciato inglese la SBK ha disputato in totale 64 gare, che diventeranno 67 al termine del prossimo weekend, eguagliando così per quantità di gare il Misano World Circuit, mentre in testa a questa speciale classifica ci sono Phillip Island (70) e Assen (68).

Quello di Donington Park è uno dei circuiti favoriti di Toprak Razgatlioglu, che su questo tracciato ha conquistato il suo primo podio (secondo in Gara2 nel 2018) e ben 6 vittorie, come Jonathan Rea e Carl Fogarty.

Passata la bufera relativa alla MotoGP, l’infortunio patito in allenamento non sembra possa incidere su quelle che saranno le sue prestazioni in questo weekend, al quale il talento turco arriva dopo il round trionfale di Misano, nel quale ha portato alla BMW la prima storica tripletta. In questo quinto round il suo obiettivo è quello di incrementare il suo vantaggio in classifica nei confronti della coppia Aruba.it Racing – Ducati composta da Nicolò Bulega (a meno 21 da Toprak) ed Alvaro Bautista (a meno 24 dalla vetta).

Da parte loro i due ufficiali Ducati faranno di tutto per stare davanti al turco. Bulega è pronto a stupire ancora mentre Bautista (già vincitore di due gare sulla pista del Leicestershire) punta ad ottimizzare il suo feeling con la Panigale V4, quello che negli ultimi due anni gli ha permesso di conquistare il titolo mondiale.

Anche in Inghilterra questi tre piloti dovrebbero essere i protagonisti assoluti, ma come sempre in molti proveranno ad inserirsi nella lotta per la vittoria, ad iniziare dai due italiani su Ducati private: Danilo Petrucci ed Andrea Iannone. Il pilota del Barni Spark Racing Team conosce molto bene la pista inglese e lo scorso anno è riuscito a salire sul podio di Gara2, mentre il pilota del Team GoEleven punta in alto, in attesa di conoscere il proprio futuro, legato al possibile rinnovo di Bautista con il team ufficiale della casa bolognese. Entrambi sono alla ricerca della loro prima vittoria in Superbike e si contendono la prima posizione nella speciale classifica degli Independent Riders.

Parlando di outsiders non possiamo non tenere in considerazione Alex Lowes, che corre in casa ed occupa attualmente la quarta posizione nella generale, a 55 lunghezze da Toprak. I costanti progressi, sia suoi che della sua Ninja, potrebbero consentirgli di essere la sorpresa di questo quinto round, così come è da tenere d’occhio Michael Van der Mark. L’olandese, autore di una strepitosa doppietta con la Yamaha nel 2018, cercherà di sfruttare la competitività della M1000RR per conquistare quello che sarebbe il suo primo podio del 2024.

Dando uno sguardo agli altri tre italiani, Axel Bassani, Michael Ruben Rinaldi ed Andrea Locatelli, vediamo che nessuno dei tre a Donington ha mai ottenuto un piazzamento nei primi tre. Bassani vuole proseguire il suo percorso di adattamento aa Ninja, Rinaldi punta ad ottenete il suo primo buon risultato con la V4 del Team Motocorsa, mentre Locatelli si impegnerà per confermarsi tra i protagonisti di questa stagione.

Restando in casa Yamaha, queste saranno le gare di casa anche per Jonathan Rea, capace in passato di ottenere le già citate 6 vittorie ma anche la bellezza di 18 podi. Sulla sua pista di casa Jonny riuscirà ad uscire dalla sua crisi e a trovare finalmente il feeling con la R1?

Per quanto riguarda le gomme, ricordiamo che lo scorso anno la pista è stata riasfaltata e dovrebbe quindi garantire un ottimo grip. Pirelli metterà a disposizione dei piloti Superbike la SC1 media e la SC2 più dura all’anteriore. Al posteriore, oltre alla SCQ per la Superpole e la Superpole Race, i piloti potranno scegliere tra la SCX super soft e la SC0 soft.

Gli pneumatici più utilizzati potrebbero però essere quelli da pioggia o quelli intermedi, in quanto le previsioni meteo parlano di pioggia per tutto il fine settimana.

Naviga su Moto.it senza pubblicità
1 euro al mese