Isola di Man

Tourist Trophy, carena vintage sulla Agni E1

- Dopo 53 anni, al Tourist Trophy ricompare una carenatura “a campana”. L’inusuale soluzione aerodinamica verrà utilizzata dalla Agni F1 nella gara delle TT Zero elettriche
Tourist Trophy, carena vintage sulla Agni E1


Oggi pomeriggio, alle 16,30, partirà il TT Zero, ovvero la gara riservata alle moto elettriche, vinta lo scorso anno – con la denominazione TTXGP – dal team indiano Agni Motors nella categoria “Best Buy” (miglior acquisto), e dall’ Electric Motor Sport nella Open. Quest’anno il team Agni si presenta al TT sfoggiando addirittura una carenatura “a campana”, soluzione aerodinamica che aiuta ovviamente ad ottenere le massime prestazioni possibili, a maggior ragione con una potenza disponibile modesta.

Le carenature di questo tipo furono introdotte dalla Moto Guzzi nel 1954, e subito imitate un po’ da tutti; ma vennero tuttavia vietate già nel 1957 per motivi di sicurezza, perché le moto, così configurate, diventavano più difficili da guidare ad alta velocità, naturalmente più in curva che in rettilineo.

Di seguito, ecco il video delle prove di alcune delle moto della TTZero riprese al Ramsey Hairpin nei giorni scorsi, tra le quali l’avveniristica MotoCzysz e la stessa Agni E1, dorata di posteriore di derivazione Suzuki GSX-R.

Guarda il Video

 

Fonte: Hell for Leather
 

  • mesonic, Caldiero (VR)

    ELECTTRIC BIKE

    Tourist trophy elettrico la passione non ha limiti, l'importante e correre con qualunque cosa basta che abbia due ruote un manubrio e un pizzico di follia.
  • manico73, berchidda (SS)

    Come i pionieri di un secolo fa!!

    Da buon appassionato e cultore del TT di questo secolo, quindi abituato e innamorato del rombo dei motori a scoppio, non posso che pensare ai primi riders che più o meno un secolo fa iniziavano le prime sfide e competizioni ufficiali in sella a motociclette che certo hanno poco a che fare con i missili di oggi, eppure guardando questi piloti su moto elettriche, non mi vergogno a dire che mi sento emozionato, come magari si sentivano gli spettatori di un secolo fa!! Certo allora forse facevano ancor più scalpore, anche perchè queste certo nn spaventano con i loro decibel, eppure li vedo come dei pionieri che corrono verso la sperimentazione del futuro. Si perchè oggi certo nn raggiungono le velocità delle moto con motori a scoppio pluricilindrici, ma un secolo fa, era lo stesso, e poi via via i record sono diventati sempre più alti, più imbattibili e fantascientifici. Così mi chiedo, chissà come saranno queste moto tra un secolo, se si continuerà lo sviluppo coi motori elettrici! Sicuramente arriveranno a velocità ben maggiori degli attuali motori a scoppio!! Così magari i nostri nipoti o pronipoti quando rivedranno questi video penseranno ecco le prime moto elettriche....In fondo in fondo però mi sento fortunato due volte....sia perchè posso assistere alle prime corse con questi mezzi sperimentali, che cmq hanno sempre il loro fascino di scoperta, di scommessa, insomma di incerto....e sia perchè posso assistere al fascino dei motori a scoppio, con le loro potenze e il loro sound...che forse un giorno sarà solo un ricordo, magari udibile o visibile solamente su qualche traccia audio o video di chissà quale tipo!!!
Inserisci il tuo commento