rally

Dakar 2014. La nuova KTM 450 Factory Rally. Dopo Honda, botta & risposta

- Lo avevamo anticipato solo ieri, e giudiziosamente KTM ci ha seguiti con il comunicato ufficiale di presentazione della nuova KTM 450 Factory Rally. Aspettando Yamaha, ecco le imagini della nuova “arma” austriaca
Dakar 2014. La nuova KTM 450 Factory Rally. Dopo Honda, botta & risposta

 

Neanche quarantott’ore dopo la presentazione ufficiale della nuova Honda CRF450 Rally, KTM ha risposto alla “provocazione” ufficializzando le notizie che avevamo anticipato in quella circostanza. Botta e risposta alla ufficializzazione Honda, “raw” ovvero grezzamente senza immagini ufficiali e schede tecniche. Solo un “presente” all’appello lanciato da Honda.

Ecco comunque la nuova KTM, la 450 Factory Rally che è anch’essa una moto completamente nuova. È un po’ come quando KTM presentò la prima 450 da Rally. Era una versione “dimagrita” e più filante della “mitica” 690 Factory, più bella, tecnicamente più aggressiva non ostante la ridotta cilindrata, e molto curata nel design.

Oggi KTM propone un nuovo step filogenetico delle sue Factory Rally, con una versione della moto imbattuta alla Dakar dal 2001, la 450 dal 2011, che si adatta in toto ai nuovi regolamenti, soprattutto per quanto riguarda la cilindrata massima ammessa, e alla struttura agonistica della nuova Dakar sudamericana.
Dopo tre anni di “onorato servizio”, dunque la prima KTM 450 Rally va in pensione, e lascia il posto alla macchina completamente nuova che è pronta per il battesimo del Marocco, dove il Red Bull KTM Factory Team si appresta a disputare il Rally organizzato da NPO. La Moto è uscita informalmente allo scoperto, in un lancio operativo che ha coinvolto il Manager del Team, Alex Doringer, e i piloti che la guideranno in questa prima occasione e alla Dakar 2014. Come sapete, si tratta del portoghese Ruben Faria, dell’americano Kurt Caselli, e del “capitano unico”, lo spagnolo Marc Coma, che con la nuova moto darà l’assalto finale al Mondiale 2013 ancora aperto.

Nessuna notizia o informazione che riguardino i dati tecnici della moto, naturalmente. Come d’abitudine, invece di un sacco di bugie o di reticenze, largo prima ai risultati sulla pista, la scoperta delle misure tecniche verrà dopo.


Intanto fidatevi. La moto è stata riprogettata da zero ed è quasi completamente nuova, anche se di fronte all’enormità dell’esperienza vincente di KTM sarebbe sempre più corretto parlare di evoluzione. È stata rivista la ciclistica, con un nuovo telaio a traliccio, più corto e stretto, e questa volta disegnato attorno al propulsore (la prima 450 era nata dal telaio della 690 in cui era stato inserito il motore “piccolo”). Nuove sono le geometrie, tali da rendere la “macchina” più agile nel guidato ma ugualmente stabile rispetto alla progenitrice sul veloce. Nuove anche le sovrastrutture, con serbatoi anteriori ridisegnati per una capienza uguale alla precedente, ma più affilati e bassi, nuovo gruppo posteriore monolitico portante che include il serbatoio posteriore del carburante, nuova carenatura e nuovo telaietto anteriore di fissaggio della strumentazione, ora in fibra di carbonio. Nuovo tutto, insomma, e nuovo anche il motore, che si dice abbia riveduto molte parti rispetto al passato, EFI e distribuzione compresa.

A sensazione, parola di Pilota, la nuova KTM 450 Factory Rally è più maneggevole, quasi come una cross-country americana, più leggera e più veloce. 

  • masfor, Albiate (MB)

    Riflessione

    Stavo pensando a quale rivoluzione tecnica ci sia stata in qs specialità; dalle "navi" del deserto ai "cigarette", con metà cc - ma anche metà peso, doppia maneggevolezza e prestazioni sempre da paura. Questo è progredire, a dimostrazione che 250Kg di moto con 120CV hanno poco senso.
  • Marci 1952, Milano (MI)

    IO MI CHIEDO

    Perché questa gara insistono a chiamarla DAKAR
    Forse sono scarsi in geografia e non sanno che Dakar è in Africa??????
Inserisci il tuo commento