Prova scooter

Yamaha Xenter 125

Lo Yamaha che mancava - Part II
- Dopo lo Xenter 150 ecco il gemello da 125 cc: ora la gamma è davvero completa. Xenter 125 arriva sul mercato forte di una grande agilità, stabilità e di un prezzo particolarmente invitante: 2.890 Euro compresi bauletto e parabrezza
Yamaha Xenter 125


Scooter bagnato, scooter collaudato


Il meteo non è dalla nostra, a Barcellona: freddo, pioggia e traffico congestionato ci accompagnano per tutta la giornata in sella al nuovo ruota alta di Iwata.
Quale condizione migliore per testare a modo il nuovo nato Yamaha?
Visto l’utilizzo quotidiano urbano per cui si propone, quindi in qualsiasi condizione meteo, la giornata non proprio tipicamente spagnola ci ha sicuramente aiutato nella valutazione.
Nel suo nome, Xenter, è racchiuso tutto quello che Yamaha vuole trasmettere: la X, ormai simbolo di riconoscimento degli scooter dei tre diapason, la parola centro, luogo in cui si sente più a suo agio ed entry level, che va a sottolineare il pubblico a cui maggiormente si rivolge.

Com’è?


La linea di Xenter 125 è fresca e filante, come richiesto dal mercato per il target in cui va ad inserirsi; il doppio faro anteriore gli dà un’impronta decisamente "Made in Iwata" e le accortezze estetiche quali una bella coda slanciata - che ospita un portapacchi integrato e i maniglioni per il passeggero, e si completa con un faro a LED - e il parabrezza con paramani (decisamente efficace sotto al diluvio spagnolo!) ne evidenziano la ricercatezza.

Il fatto di aver debuttato con un certo ritardo rispetto alla (forte) concorrenza su un mercato importante come quello dei ruota alta di piccola cilindrata, ha logicamente "costretto" Yamaha a proporre un prodotto forte e ben studiato, al quale effettivamente è difficile trovare difetti, anche a livello di finiture e particolari
Il fatto di aver debuttato con un certo ritardo rispetto alla (forte) concorrenza su un mercato importante come quello dei ruota alta di piccola cilindrata, ha logicamente "costretto" Yamaha a proporre un prodotto forte e ben studiato, al quale effettivamente è difficile trovare difetti, anche a livello di finiture e particolari

Il bauletto in tinta da 39 litri, appositamente disegnato da Yamaha per Xenter, è di serie e va a sopperire la mancanza di spazio nel sottosella dove difficilmente potrete alloggiare qualcosa più di qualche effetto personale, pecca non rara sugli scooter a ruota alta, ma parametro importante per chi cerca un mezzo da sostituire all’auto in città.
Borsa interna e cuscino poggiaschiena per il bauletto sono optional, così come il telo copri gambe dedicato.
Un vano con apertura "push" sul cruscotto permette di riporre gli oggetti di uso frequente come chiavi, Telepass o un piccolo cellulare (no, l’iPhone non ci sta).
La pedana piatta è più ampia della media, merito del telaio a doppia trave, novità importante su questo tipo di scooter, che va a favorire anche la stabilità del mezzo e la riduzione delle vibrazioni.
I cerchi da 16" a cinque razze calzano pneumatici dal battistrada appositamente disegnato, che hanno sofferto un po' solo nelle frenate sulle scivolose strisce bianche bagnate.
Il pannello della strumentazione è a cristalli liquidi (non siamo riusciti a testarlo controsole, ma nella nostra prova della versione da 150 cc il collega Maurizio Tanca riporta: "Come per tutte le strumentazioni lcd, però, controsole può diventare difficile leggerne le informazioni, a maggior ragione usando occhiali o visiera scura"), e ospita tutte le informazioni di routine, tra cui la velocità ben visibile al centro, oltre all’orologio, la temperatura esterna e, nella parte alta, cinque spie per avere sempre tutto sotto controllo.

 


Come va?


Una volta in sella emerge subito il lavoro svolto dai tecnici dei tre diapason per rendere Xenter facile e confortevole per i piloti di ogni stazza e capacità di guida: la sella è bassa (a 785 mm da terra), con la parte anteriore molto stretta che permette un appoggio sicuro a terra anche ai meno alti. Le ginocchia non toccano lo scudo e la posizione, anche se un po’ obbligata (come su buona parte dei ruote alte del resto), è comunque comoda. Un po’ più sacrificata l’abitabilità per chi supera il metro e settanta.
Il piccolo Yamaha è leggero (142 kg in ordine di marcia) e si lascia spostare con nonchalance anche a motore spento.

Il comparto sospensioni passa l’esame a pieni voti, ricalcando perfettamente la strada anche sulle sconnessioni, e si rivela probabilmente il maggior punto di forza di Xenter

Stupisce anche la semplicità con cui si lascia accomodare sul cavalletto centrale: dell’assente stampella laterale non si sente quindi più di tanto la mancanza e questo è stato reso possibile semplicemente avvicinando il cavalletto al baricentro dello scooter, per la felicità di molte fanciulle che (ammettiamolo!), si trovano spesso in difficoltà con questa angusta manovra.

Si va, un colpo di acceleratore e Xenter parte dolce ma deciso e con un’ottima risposta del gas anche in ripresa: il propulsore da 125 cc raffreddato a liquido che lo equipaggia è stato pensato e progettato appositamente per lui, con la chiara intenzione di non mettere mai in crisi il guidatore, garantendogli sicurezza anche nei sorpassi più impegnativi. Sono state inoltre ridotte le vibrazioni, grazie ad accorgimenti quali l'impiego di pistoni forgiati in alluminio, riporto ceramico sui cilindri e contralbero di bilanciamento.
Il motore offre una potenza di 9,2 kW a 7.500 giri (poco più di 12 cv) e una coppia di 11,9 Nm a 7.200 giri.
Visto il meteo avverso non abbiamo certo toccato velocità da superbike, ma nonostante tutto abbiamo potuto apprezzare le doti di stabilità offerte dal mono posteriore “di ispirazione TMax”, che personalmente ho molto apprezzato anche per la linea pulita che lascia tra la coda e la ruota posteriore. L’ammortizzatore è posizionato all'interno del telaio, vicino al baricentro in modo da centralizzare le masse e aumentare la maneggevolezza. Due i livelli d’intervento: in primis la molla ammortizza l'impatto iniziale, poi gli sbalzi più forti. L'azione di assorbimento risulta quindi molto efficace, cosa solitamente rara sugli scooter di piccole dimensioni, ma non solo... Disposta longitudinalmente nel telaio, la molla converte il movimento della ruota da verticale a orizzontale, evitando torsioni e con un'escursione di 92 mm. Il comparto sospensioni, quindi anche la forcella, passa dunque l’esame a pieni voti, ricalcando perfettamente la strada anche sulle sconnessioni, e si rivela probabilmente il maggior punto di forza di Xenter.

La frenata è buona e modulabile. Nonostante il tamburo posteriore da 150 mm faccia storcere un po’ il naso, può contare sull’aiuto del disco da 267 mm (contro i 240 mm del concorrente più diretto, leggi SH, che però è dotato di pinza anteriore a 3 pistoncini e disco anche al posteriore). Nelle fermate d’emergenza è necessario forzare un po’ sulle leve per fermarsi in spazi contenuti, ma comunque in sicurezza grazie al sistema di frenata combinata UBS, già collaudata sul Neo’s: agendo sulla leva destra si attiva esclusivamente il disco anteriore, agendo sulla leva di sinistra lo scooter ripartisce la potenza frenante tra il disco anteriore ed il tamburo, in modo da evitare bloccaggi indesiderati.

Una volta in sella emerge subito il lavoro svolto dai tecnici dei tre diapason per rendere Xenter facile e confortevole per i piloti di ogni stazza e capacità di guida
Una volta in sella emerge subito il lavoro svolto dai tecnici dei tre diapason per rendere Xenter facile e confortevole per i piloti di ogni stazza e capacità di guida


Il fatto di aver debuttato con un certo ritardo rispetto alla (forte) concorrenza su un mercato importante come quello dei ruota alta di piccola cilindrata, ha logicamente "costretto" Yamaha a proporre un prodotto forte e ben studiato, al quale effettivamente è difficile trovare difetti, anche a livello di finiture e particolari.
A voler cercare il pelo nell’uovo: gli specchietti retrovisori non offrono una visibilità ottimale e le colorazioni attualmente proposte sono solo tre, e non spiccano certo per personalità: particolari di sicuro facilmente migliorabili.
Per quanto riguarda i consumi, Yamaha non rilascia dichiarazioni "in numeri" ma si limita a promettere un parsimonioso consumo di carburante, garantendo che questo aspetto è stato tenuto tra le priorità in fase di progettazione e sviluppo del suo piccolo centoventicinque.

Xenter è nelle concessionarie dai primi di febbraio a 2.890 euro, dotato di parabrezza con paramani integrati e bauletto in tinta di serie, nelle colorazioni Sky Blue, Avalanche White, Midnight Black. E’ ovviamente guidabile a partire dai 16 anni, o con la patente B.
 


Pregi


Motore | Maneggevolezza | Facilità di guida | Cavalletto centrale


Difetti


Scarsa visibilità specchietti retrovisori | Colorazioni | Sottosella


Cristina Bacchetti

  • giorgio.siragusa, Palermo (PA)

    bello

    ho deciso di comprarlo a marzo 2014 e devo dire che mi trovo benissimo. il tamburo di dietro non si sente le ruote durante i 6000 km che ho percorso non si sono mai bloccate, anzi una volta camminavo insieme ad un mio amico con l'sh 125 del 2010 all'improvviso una macchina ha deciso di frenare di botto, io sono riuscito a frenare ma il mio amico no, risultato? sh con scudo distrutto. per quanto riguarda l'accelerazione e la velocità massima sono ottimi, brucio gli sh al semaforo, e ho raggiunto i 110 km/h con il paravento alto. l'unica pecca della moto è il sottosella piccolo rispetto alla concorrenza, ma per questo c'è il bauletto di serie a mio avviso bello e ben inserito.
  • rosario.salzano2568, Napoli (NA)

    penso!!!!!

    La vera novità sarebbe stato un bel 300cc ad un prezzo abbordabile...per quanto riguarda la qualità yamaha, come al solito non si discute....chissà forse un bel 300 arriverà in seguito?
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Yamaha Xenter 125 (2011 - 14)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Yamaha
  • Modello Xenter 125
  • Allestimento Xenter 125 (2011 - 14)
  • Categoria Scooter Ruote alte
  • Inizio produzione 2011
  • Fine produzione 2014
  • Prezzo da 2.890 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional Versione Moto GP Euro 2.790
  • Lunghezza 1.990 mm
  • Larghezza 690 mm
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 785 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco 142 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 125 cc
  • Tipo motore n.d.
  • Tempi 4
  • Cilindri 1
  • Configurazione cilindri -
  • Disposizione cilindri -
  • Inclinazione cilindri -
  • Inclinazione cilindri a V -
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 13 cv - 9 kw - 7.500 rpm
  • Coppia 12 nm - 7.200 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio automatico con variatore
  • Numero marce -
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 8 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale n.d.
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore n.d.
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore n.d.
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore disco
  • Misura freno anteriore 267 mm
  • Tipo freno posteriore tamburo
  • Misura freno posteriore 150 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 16 pollici
  • Pneumatico anteriore n.d.
  • Misura cerchio posteriore 16 pollici
  • Pneumatico posteriore n.d.
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Yamaha

Nuovo: Yamaha Xenter 125

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Yamaha Xenter 125 (2011 - 14)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta