Yamaha MT-09: Dark & Fun

  • Voto di Moto.it 8 / 10
Francesco Paolillo
La MT-09 si rinnova completamente, migliora nelle prestazioni dinamiche senza perdere il carattere da fun-bike. Prezzi a partire da 9.499 €
26 marzo 2021

Completamente nuova, cambia in tutto questa MT-09 2021, ma continuando a sposare il concetto di fun bike e soprattutto di Dark Side of Japan!. Questo ha fatto la fortuna e il successo di questa moto che in meno di 10 anni è stata venduta sul mercato europeo in 63.000 esemplari, oltre 10.000 delle quali in Italia.
Numeri interessanti che danno ragione a Yamaha quando si parla della famiglia MT, che vi ricordiamo parte dalla piccola 125 per arrivare alla 1000, una famiglia davvero allargata e tutte costruite con lo stesso spirito.
 

Arriviamo quindi alla nostra MT-09 2021, che è stata riprogettata e realizzata ex novo, solo i dischi e le pinze freno anteriori sono condivise con il modello precedente
L'estetica enfatizza ancor di più il concetto di moto essenziale, le sovrastrutture sono limitate al minimo indispensabile e molte parti meccaniche sono completamente in vista. Anche il gruppo ottico anteriore diventa ancor più minimalista e tutto appare razionalità allo stato puro.

 

Motore

Il tre cilindri CP3 diventa Euro 5 e cresce di cilindrata grazie a 42 cc in più, arrivando a 889 cc con un incremento di potenza limitato a +3%, 119 cv  (87.5 kW), ma un + 6% per quanto riguarda la coppia, che raggiunge i 9.3 kgm (9.3 Nm), a 7.000 giri, quindi ad un regime inferiore di 1.400 giri rispetto a prima. Inoltre i consumi dichiarati calano di circa il 10%. Nel cuore del CP3 sono cambiati i pistoni, l'albero motore è stato "appesantito" nella massa inerziale del 15%, mentre tutta l'aspirazione è stata riprogettata, anche in virtù del fatto che è stato adottato il Ride by Wire. Differnti anche i trattamenti superficiali delle singole parti in movimento del propulsore, e soprattutto del cambio, con i rapporti della prima e seconda marcia che ora sono più lunghi.

Telaio e ciclistica

Anche il telaio è inedito, e grazie ad un accurato lavoro di progettazione è più leggero di 2,3 kg, pur migliorando la rigidità laterale del 50%. Il cannotto di sterzo è stato abbassato di 30 mm, mentre il motore è ora alloggiato in posizione più verticale (+5°). Il telaietto posteriore è ora in alluminio e non più in acciaio, ed è più leggero di 1,5 kg, così come il forcellone, anch'esso dello stesso materiale, che diventa simmetrico e cala di peso di 250 gr.
La forcella KYB da 41 mm ha steli più corti di 39 mm pur mantenendo la stessa corsa utile, 130 mm, e prevede la regolazione idraulica separata per compressione ed estensione (rispettivamente nelo stelo sinistro e in quello destro), e del precarico molla.

Il mono è invece dotato di due regolazioni, precarico molla ed estensione, e può contare su un nuovo leveraggio dalle dimensioni più compatte.
L'impianto frenante, come scritto sopra, è in parte condiviso con il modello precedente. In parte perchè, se le pinze Nissin a quattro pistoncini e i dischi da 298 mm sono identici, la pompa, sempre Nissin, è ora radiale. Al posteriore troviamo invece un disco da 245 mm con pinza a due pistoncini. L'ABS è stato sviluppato con Bosch ed è un attualissimo 9.1 MP con funzionalità Cornering.

Elettronica

L'adozione della piattaforma IMU ha permesso di affinare e arricchire i controlli dinamici della MT-09, la funzione Cornering per l'ABS, il controllo di trazione più preciso e il controllo anche dello slittamento laterale in curva, fanno fare un passo avanti alla dinamica e soprattutto alla sicurezza. Non manca il Lift Control System, che evita le perdite di contatto dell'avantreno durante le accelerazioni più violente, mentre sono disponibili 3 Riding Mode, 2 con parametri predefiniti del TC, Lift e del SCS (slittamento laterale), più uno personalizzabile. Sono invece 4 i D-Modes, le modalità di risposta del motore, più o meno pronte e una della quali, dedicata ai fondi a bassa aderenza, che limita la potenza
Tutti questi parametri si possono visualizzare sulla nuova strumentazione TFT da 3.5" e le regolazioni si effettuano attraverso dei pulsanti sui blocchetti elettrici. 
 

Peso in ordine di marcia 183 kg
Potenza 119 cv
Coppia massima 93 Nm
Altezza sella 825 mm

Accessori

Ampia la possibilità di personalizzazione della MT-09, con accessori singoli ma anche con pacchetti predefiniti.
Il Weekend Pack, in vendita a 675 € che comprende un cupolino in plexiglass, la sella confort, due borse laterali semirigide e la presa USB. C'è poi l'Urban Pack, in vendita a 564 €, che prevede sempre il plexiglass, un bauletto da 39 litri, la presa USB e una protezione serbatoio, e infine lo Sport Pack che oltre al piccolo cupolino fumè, monta le protezioni per le leve freno - frizione, il portatarga e le protezioni laterali per il serbatoio, al costo di 438€. 
Non mancano le manopole riscaldate o tutta la componentistica in leghe pregiate e con lavorazione dal pieno.
Per chi non vuole passare inosservato o inascoltato, è previsto invece, lo scarico completo Akrapovic (1.764 €)..

Come va

La posizione di guida è caratteristica sulla MT-09, busto eretto manubrio largo e sempre alto, pedane relativamente arretrate, quindi poco caricata sull'avantreno. Anche lavorando sulla posizione delle pedane e su quella dei riser del manubrio, cambia poco e questa è una scelta dei tecnici Yamaha. Si enfatizza così il concetto di fun bike. Anche guidando ci si accorge che lo stile più redditizzio non è quello tipico da naked sportiva, non ci si trova a proprio agio a buttarsi fuori dalla moto, il manubrio largo e la posizione delle pedane rendono questa pratica poco naturale, più facile spostare solo il busto e il casco verso centro curva e sfruttare la grandissima agilità della tre cilindri Yamaha

La MT09 non ha perso il suo carattere da fun bike, ha solo smussato alcuni spigoli del suo carattere, ma senza intaccarne la personalità.
Smussature che la rendono migliore della precedente, non ci vogliono molti chilometri di strade di montagna per capire che il nuovo telaio / forcellone è decisamente più prestante del precedente, la moto tende a sedersi meno e in uscita di curva, a gas aperto si ha una percezione di maggior precisione e tenuta della linea. Tutto questo non si può implicare al solo monoammortizzatore, o meglio alla sua taratura, è tutta la "struttura" che lavora diversamente. Anche l'avantreno si sente di più, senza raggiungere il feeling e la precisione di quello delle naked più sportive, trasmette e dialoga maggiormente con il pilota, e solo iniziando a guidare in maniera decisamente sportiva tende ad alleggerirsi e a perdere precisione nei cambi di direzione.

Responsabile in parte di questa tendenza ad alleggerirsi dell'avantreno è la spettacolare erogazione del tre cilindri CP3, che riesce a spingere ad ogni regime con una forza e una prontezza davvero stupefacenti. L'abbassamento di 1400 giri del regime di coppia massima è ben percepibile e permette prestazioni nel misto stretto e medio, davvero eccellenti. Le diverse risposte del gas, selezionabili attraverso i diversi D-Mode, sono ben percepibili e permettono di adattare la risposta del motore alle proprie esigenze e caratteristiche di guida.

Noi ci siamo trovati meglio switchando tra la 2 e la 3, anche se va detto che la 1, corrispondente alla vecchia A, ha perso quella cattiveria e reattività che la caratterizzavano. Sia in D-Mode1, sia selezionando il 2, in alcuni passaggi a bassa e media velocità si possono percepire gli effetti di un on-off non completamente scomparso, ma che con il D-Mode 3 si annulla completamente. Spaziato correttamente e impeccabile nel funzionamento, il cambio è rapido e preciso, con il quickshift perfettamente adeguato alle caratteristiche della moto e del suo splendido motore.  
Sa distinguersi la MT-09, anche in questa nuova versione 2021, esce dal coro grazie ad un look originale ma soprattutto per le sue caratteristiche dinamiche, che visto il successo in termini di vendite, danno ragione a Yamaha. E poi questo tre cilindri ...

Pro e Contro

Pro

  • Rapporto qualità - prezzo | Motore | Divertimento alla guida

Contro

  • Per la guida sportiva c'è la "SP"

Maggiori info

Moto: Yamaha MT-09

Meteo: Sole 15°

Luogo: Castiglione di Sicilia e lì intorno!

Terreno: extraurbano

Foto: Alessio Barbanti - Matteo Cavadini
Video: Alessio Contadini - Paolo Pizzetti

Sono stati utilizzati

Ultime da Prove

Da Automoto.it

Hot now

Caricamento commenti...
Yamaha MT-09 (2021)
Yamaha

Yamaha
Via Tinelli 67/69
20050 Gerno di Lesmo (MI) - Italia
848 580 569
https://www.yamaha-motor.eu/it/it/

  • Prezzo 9.499 €
  • Cilindrata 889 cc
  • Potenza 119 cv
  • Peso 189 kg
  • Sella 815 mm
  • Serbatoio 14 lt
Yamaha

Yamaha
Via Tinelli 67/69
20050 Gerno di Lesmo (MI) - Italia
848 580 569
https://www.yamaha-motor.eu/it/it/

Scheda tecnica Yamaha MT-09 (2021)

Cilindrata
889 cc
Cilindri
3 in linea
Categoria
Naked
Potenza
119 cv 88 kw 10.000 rpm
Peso
189 kg
Sella
815 mm
Pneumatico anteriore
120/70ZR17"
Pneumatico posteriore
180/70ZR17"
Inizio Fine produzione
2020 2021
tutti i dati

Maggiori info

Ultimi articoli su Yamaha MT-09 (2021) e correlati