video prova

Suzuki V-Strom 1050XT vs Triumph Tiger 900 GT Pro: sfida 2020 tra maxi col 19"

- Abbiamo messo a confronto le due novità 2020 del panorama maxienduro contraddistinte dal cerchio anteriore da 19 pollici. Da un lato la V-Strom 1050XT giunta a piena maturità, più dotata e potente. Dall'altro la Tiger 900 GT Pro, tutta nuova dal motore all'estetica e con una dotazione incredibile. Scopriamo insieme pregi e difetti

Abbiamo messo a confronto le due novità 2020 del panorama maxienduro contraddistinte dal cerchio anteriore da 19 pollici. Da un lato la V-Strom 1050XT giunta a piena maturità, più dotata e potente. Dall'altro la Tiger 900 GT Pro, tutta nuova dal motore all'estetica e con una dotazione incredibile. Sono due moto fantastiche, in città come in viaggio, e poco hanno da invidiare alle maxi oltre 1200.
Le abbiamo provate con ogni condizione di meteo, dal sole alla pioggia, che ha purtroppo accompagnato la giornata di riprese del video che vedete sopra. Come sempre diamo i numeri (nelle pagelle sotto), ma non indichiamo una vincitrice, perché lasciamo a voi la libertà di dare il peso che vorrete alle varie voci. 

Suzuki V-Strom 2020

Suzuki ha portato a EICMA 2019 due nuovi modelli adventure: V-Strom 1050 e 1050XT, simili nella concezione rispetto al modello precedente, ma rivisti profondamente sia nel design che nella tecnologia. Partiamo dal nome: come per gli scorsi modelli, le versioni della V-Strom saranno due, quella standard e la XT. A cambiare è la cilindrata, ma solo nel nome: sale a 1050, ma nella pratica, il bicilindrico a V di 90° ha la medesima cubatura del MY 2019, ovvero 1.037 cc, mentre a cambiare sono i dati della potenza erogata, che sale a 107,4 cavalli a 8.500 (6,8 CV in più rispetto al modello precedente e 500 giri al minuto più in alto). Scende invece la coppia, a parità giri, di 1 Nm, arrivando così a 100 Nm. Altra novità che riguarda il motore è il rispetto delle regolamentazioni in materia di inquinamento, rispettando adesso le normative Euro 5 grazie ad un nuovo sistema di scarico. Altra novità in tema di motore è la possibilità di acquistare una versione depotenziata a 35 kW per i possessori di patente A2, rendendo così la moto disponibile anche ai neofiti. Dal punto di vista dell’estetica, le modifiche sono state tante ed evidenti, a partire dalla vista che frontale dove l’impianto di illuminazione guadagna un nuovo faro a LED, rettangolare, che fa il paio con il nuovo becco e le nuove carenature, ora dalle linee più affilate e spigolose. Se guardate le vecchie DR 750 e 800 degli anni 80, noterete un rimando davvero significativo a queste da parte della nuova XT nel taglio del becco, dei convogliatori e persino del codino. 
Per tutte le altre info sulla nuova V-Strom vi rimandiamo alla nostra prova completa.

Guarda gli annunci su Moto.it 

 

Triumph Tiger 900 GT

La moto inglese è tutta nuova. Estetica con frontale rivisto, fari a led, nuovo serbatoio (20 litri). Motore euro 5 di 888 cc con 95 cv e 87 Nm, a scoppi irregolari con sequenza 1,3,2 (con intervalli: 180°, 270°,270°). E' anche più leggero (-3 kg) e posizionato più in basso di 42 mm in virtù di uno sviluppo verticale inferiore rispetto all'unità di 800 cc. Ora dispone di 2 radiatori (prima era uno solo). 
Il telaio cambia e presenta la parte posteriore in alluminio imbullonata. Migliora la dotazione elettronica con TFT da 7", nuova piattaforma inerziale che fa lavorare in modo più preciso il cornering ABS e il controllo di trazione, cruise control e grande connettività (che spazia dal navigatore, allo smartphone e per finire persino alla gopro). Sulle versioni più ricche, chiamate PRO, ci sono persino la sella e le manopole riscaldabili. Seduta e cupolino sono regolabili. Il peso (dichiarato a secco) spazia dai 192 kg ai 201 delle versioni più accessoriate.
Per maggiori info sulla Tiger 900 GT Pro vi rimandiamo come sempre alla prova completa di Moto.it
Qui trovate gli annunci di vendita della nuova Tiger.
 

Diamo i voti


Ora diamo i numeri alle due moto. Come sempre da 1 a 10. Nel video sopra ve le mostriamo in azione e vi raccontiamo come sono fatte e come vanno.

ERGONOMIA

Suzuki V-Strom 1050 XT: 9
La Suzuki si guida bene, non stanca nemmeno dopo ore in sella. La sella è leggermente più alta rispetto alla Triumph e si nota il manubrio dalla foggia stradale, con le estremità rivolte verso il pilota.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 9
Ergonomia ottima, sella bassa (81 cm contro 85 della V-Strom) e stretta e manubrio dalla foggia più moderna ed enduristica. Anche in questo caso abbiamo una moto che stanca pochissimo anche nei lunghi viaggi.
 

CONFORT DEL PILOTA

Suzuki V-Strom 1050 XT: 9
Moto comodissima, che scalda poco e ripara bene dall'aria. Un po' macchinosa la regolazione del parabrezza. 

Triumph Tiger 900 GT Pro: 9
Anche in questo caso è una gran moto da viaggio. Ci sono un po' di vibrazioni e il motore scalda di più in città in estate. Ma nel complesso si sta davvero bene. Ottima la protezione e perfetta l'imbottitura della sella.


CONFORT DEL PASSEGGERO

Suzuki V-Strom 1050 XT: 8
Ha le pedane appena meno comode, ma il maniglione è più ampio e confortevole.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 8
Anche la Tiger è studiata per i viaggi in coppia. Ha una sospensione più controllata a pieno carico, pedane più comode, ma un maniglione che lascia meno spazio alle mani del passeggero.

STRUMENTI E BLOCCHETTI

Suzuki V-Strom 1050 XT: 8
Ha un bel quadro LCD, meno ricco dei moderni TFT della concorrenza. Si legge bene, ma i numeri sono piuttosto piccoli. Belli e semplici i nuovi blocchetti elettrici. 

Triumph Tiger 900 GT Pro: 9
C'è una enorme strumentazione TFT da 7 pollici, chiara e completa. Sono ottimi, ricchi da vedere e semplici da usare anche i blocchetti, tra cui spicca il joystik che consente di navigare nel menù.


FINITURE

Suzuki V-Strom 1050 XT: 8,5
C'è tanta cura, ad esempio nei cerchi a raggi tubeless. Ottime le verniciature e le saldature del bel telaio in alluminio. Bruttino invece il cavalletto laterale in ferro. Nel complesso la moto giapponese soddisfa in pieno.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 9
Sulla GT non ci sono dettagli stonati. Leve e comandi in alluminio (persino il cavalletto è in questo leggero materiale), viti e cablaggi curatissimi, verniciature solide. Triumph conferma un ottimo standard qualitativo.


RAPPORTO DOTAZIONE PREZZO

Suzuki V-Strom 1050 XT: 8
Costa 14.590 e offre tanto. Ci sono i cerchi tubeless, il motore a V di 90°, il telaio in alluminio, sospensioni Kayaba di altissimo livello, cornering ABS e cruise control. Mancano il quick-shift e la strumentazione TFT, ma c'è comunque tanta sostanza a un prezzo interessante.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 9
Troviamo anche qui sospensioni di qualità (la posteriore a regolazione elettronica), freni Brembo Stylema, selle e manopole riscaldabili, TFT, cornering ABS, quick-shift e molto altro. Una dotazione davvero al top.

 

Come vanno

IN CITTA'

Suzuki V-Strom 1050 XT: 9
E' una mille, ma sempre facile. Non scalda ed è molto maneggevole.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 8,5
Ha la sella più bassa che aiuta al semaforo, ma è po' meno maneggevole e scalda un po' di più. 
 

IN AUTOSTRADA

Suzuki V-Strom 1050 XT: 8,5
Ha una grande riserva di potenza, non vibra ed è rapportata molto bene. Buona la protezione dall'aria alle alte velocità, sebbene leggeremente inferiore alla Tiger.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 8,5
Paga un po' di prestazioni rispetto alla V-Strom, ma ha un'ottima protezione dall'aria e un motore comunque molto potente e pronto in fase di ripresa. Le vibrazioni compaiono sul manubrio oltre i 130 indicati.


NEL MISTO

Suzuki V-Strom 1050 XT: 9
La V-Strom tra le curve fa valere l'ottimo telaio in alluminio. L'avantreno dà un feeling da moto sportiva, il motore spinge sempre tanto e fino a 9.000 giri. Manca il cambio elettro assistito, ma la frenata è eccellente.

Triumph Tiger 900 GT Pro: 8
E' una moto neutra, molto precisa nel comportamento. E' meno svelta della Suzuki, ma vanta un motore fluido e sportivo. La frenata è ottima e il cambio è eccellente. 


CONSUMI

Suzuki V-Strom 1050 XT: 8
I consumi vanno dai 18 ai 20 con un litro. Nel corso del test abbiamo totalizzato 18,2 km/l

Triumph Tiger 900 GT Pro: 7,5
Anche con lei è facile superare i 20 con un litro. Nel corso del test abbiamo percorso circa 17,4 km/l

Maggiori info

Abbigliamento utilizzato:
Andrea Perfetti (185 cm x 85 kg)
Casco Caberg TourMax
Completo Tur
Stivali TCX

Maurizio Gissi (182 cm x 78 kg)
Casco Caberg Xtrace
Completo Rev'It!
Stivali TCX

Riprese di Camilla Pellegatta e Fabrizio Partel
Montaggio di Giovanna Tralli
Foto di Cristiano Morello.

Luogo: Lago di Como
Meteo: pioggia, 16°
 

Leggi tutti i commenti 213

Commenti

  • kodiak59, Bergamo (BG)

    X Motou486:
    ...e parli tu di "palle e conigli"!
    ...che per farti passare i commenti dalla redazione, che peraltro disprezzi... cambi identità quattro volte in due mesi!
    ma fammi il piacere! ...e cresci.
  • kodiak59, Bergamo (BG)

    XAndrea Matteo: concordo che non dotare la versione base del "ABS Cornering" se prima ce l’aveva, sia una scelta discutibile, ma devo ammettere che non lo sapevo.
    Tuttavia prima di partire per la prova, mi hanno illustrato le tante regolazioni elettroniche disponibili sulla XT ma non mi hanno accennato sulla dotazione della "base". Però per capire la vera essenza della moto che mi accingevo ad usare, mi sono fatto “resettare” tutti i controlli e l’ho provata “liscia” (ABS a parte ovviamente). Questo per dirti che anche “liscia” (col solo ABS inserito) resta una gran moto facile, sicura e controllabilissima.
    Io Andrea Matteo sono “cresciuto”, motociclisticamente parlando, con mezzi a zero controlli elettronici (alcuni anche davvero potenti e abbastanza ostici …tipo Suzuki GSX 1100 R del 95 o più di recente Moto Morini Corsaro 1200), sviluppando, come credo molti della mia generazione, una certa sensibilità nella guida senza “ausili elettronici” e sul cruscotto soltanto pochi dati essenziali che però bastavano.
    Ergo, pur riconoscendo l’innegabile utilità dell’elettronica che aiuta la sicurezza, soprattutto l’ABS (non però quella “ludica” che a mio avviso è buona solo per distrarre), amo ancora la moto “ruspante”, con pochi gadget ma tanti buoni contenuti. Chi ne compra una che ha centoquaranta cv e mille controlli, dovrebbe essere in grado di gestirli! Se no non ha senso ed è meglio che si compri qualcosa di più tranquillo. Molti “piloti” infatti, con autentiche “astronavi interstellari” girano sempre col “culo stretto”, “soggezione” e con la mappa “pioggia” che taglia abbondantemente la potenza anche sull’asciutto perché altrimenti non la tengono, …a che prò? Poter dire di portare a spasso una bestia ma essere consapevoli che senza controlli la bestia …se ne va per fatti suoi?
    Ma questo è un altro discorso ed ognuno la vede come vuole e si compra quel che vuole.
    Ad ogni modo, rientrando in tema, la V-Strom mi ha soddisfatto, ha potenza, coppia e brillantezza più che sufficienti, su strada senza che nulla sia costretto ad intervenire viaggia comoda, sicura, solida e maneggevole …anche a velocità da ritiro patente (da non fare), dimostrando una volta di più (se ce n’era bisogno) di essere una moto nata sanissima e cresciuta nel migliore dei modi e se continuano a farla un motivo ci sarà, la longevità commerciale è la prova provata che un progetto è buono, come per il 650.
    Se ti capita ...provala.
    E a chi non gli piace, pazienza …saranno poi cavoli suoi! Suzuki e tutti i suoi estimatori se ne faranno una ragione …e magari anche un brindisi col sakè!
    Ti saluto.
Leggi tutti i commenti 213

Commenti

Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Suzuki V-Strom 1050 XT (2020)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Suzuki
  • Modello V-Strom 1050 XT
  • Allestimento V-Strom 1050 XT (2020)
  • Categoria Enduro Stradale
  • Inizio produzione 2019
  • Fine produzione n.d.
  • Prezzo da 14.590 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.265 mm
  • Larghezza 940 mm
  • Altezza 1.465 mm
  • Altezza minima da terra 160 mm
  • Altezza sella da terra MIN 850 mm
  • Altezza sella da terra MAX 875 mm
  • Interasse 1.555 mm
  • Peso a secco n.d.
  • Peso in ordine di marcia 247 Kg
  • Cilindrata 1.037 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri a V
  • Disposizione cilindri longitudinale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V 90
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 100 mm
  • Corsa 66 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 2
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire
  • Controllo trazione
  • Mappe motore 3
  • Potenza 107 cv - 79 kw - 8.500 rpm
  • Coppia 100 nm - 6.000 rpm
  • Emissioni Euro 5
  • Depotenziata
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC 20,4 km/l
  • Capacità serbatoio carburante 20 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Telaio a doppia trave in lega leggera d’alluminio
  • Sospensione anteriore Forcella Kayaba, a steli rovesciati da 43 mm completamente regolabile
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore Monoammortizzatore KYB regolabile
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 310 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 260 mm
  • ABS
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 19 pollici
  • Pneumatico anteriore 110/80 R19M/C (59V)
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 150/70 R17M/C (69V)
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Suzuki
  • Suzuki Italia S.p.A. C.so Fratelli Kennedy, 12
    10070 Robassomero (TO) - Italia
    011 9213711   http://www.suzuki.it

Scheda tecnica

Triumph Tiger 900 GT Pro (2020)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Triumph
  • Modello Tiger 900
  • Allestimento Tiger 900 GT Pro (2020)
  • Categoria Gran Turismo
  • Inizio produzione 2019
  • Fine produzione n.d.
  • Prezzo da 15.200 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.150 mm
  • Larghezza 930 mm
  • Altezza 1.410 mm
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 810 mm
  • Altezza sella da terra MAX 830 mm
  • Interasse 1.556 mm
  • Peso a secco 198 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 888 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 3
  • Configurazione cilindri in linea
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 78 mm
  • Corsa 61,9 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione
  • Mappe motore 6
  • Potenza 95 cv - 70 kw - 8.750 rpm
  • Coppia 87 nm - 7.250 rpm
  • Emissioni Euro 5
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 20 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Tubolare a traliccio in acciaio, con telaietto posteriore imbullonato
  • Sospensione anteriore Forcella a steli rovesciati Marzocchi da 45mm, regolabile in estensione e compressione
  • Escursione anteriore 180 mm
  • Sospensione posteriore Monoammortizzatore Marzocchi, regolabile elettronicamente in precarico ed estensione
  • Escursione posteriore 170 mm
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 320 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 255 mm
  • ABS
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 19 pollici
  • Pneumatico anteriore 100/90-19"
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 150/70-17"
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Triumph

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta