prova naked

MV Agusta Brutale 675

La piccola va alla... grande!
- La nuova MV Agusta Brutale 675 costa 8.990 €, prezzo interessante tenendo conto dei contenuti tecnici di altissimo livello della naked italiana
MV Agusta Brutale 675

La prova della MV Agusta Brutale 675

La F3 ci aveva fatto innamorare, leggera e potente, con una ciclistica strepitosa, ma proprio durante il test in anteprima gli uomini della MV Agusta si erano lasciati scappare un “dovreste provare la B3 allora”, ancora più leggera, 167 kg dichiarati a secco, e agile, con lo stesso tre cilindri potente ed eccitante come nessun altro propulsore di media cilindrata.
Con un po’ di ritardo rispetto ai programmi, ma con un risultato finale di eccellenza, siamo pronti per salire in sella alla nuova MV Agusta 675, ma prima di saggiarne le doti dinamiche, vediamo come è fatta.

Design

La Brutale 675 è una MV in tutto e per tutto, i concetti espressi dal suo design sono riconoscibili e il family feeling con il resto della produzione di Schiranna è tangibile. L’attenzione al particolare è notevole, come abbiamo avuto modo di apprezzare anche sulla F3, l’attenzione ai costi non ha influito sul risultato finale, che consegna al mercato una naked moderna e originale. Compatta, un’ipotetica sovrapposizione tra la Brutale a tre cilindri con la sorella a quattro, prendendo come punto di riferimento il perno della ruota anteriore, evidenzia una posizione di guida simile ma contraddistinta da un piano sella più basso ( caratteristica cercata per venire incontro a una fascia di pubblico più ampia, compreso quello femminile), mentre il codino risulta più corto e filante, con un interasse più contenuto.
 

Ecco le tre colorazione della B3. Per lei finiture al top, da vera MV
Ecco le tre colorazione della B3. Per lei finiture al top, da vera MV

Finiture

Riuscire a mantenere un prezzo di acquisto sotto i 9.000 € con una dotazione ciclistica e caratteristiche tecniche senza pari nella categoria, non deve essere stato particolarmente facile, abituati alla perfezione quasi maniacale delle moto con il marchio MV sul serbatoio, la B3 strappa un giudizio complessivo positivo, con un solo appunto che riguarda i cavi e i tubi di sfiato a vista su entrambi i lati del motore che infastidiscono chi contempla le linee della piccola Brutale. Per il resto come da tradizione, troviamo ogni singolo particolare, dal piedino della forcella alla stampella laterale con impresso il marchio MV, mentre gli assemblaggi e la scelta dei materiali è di ottima qualità, sempre tenendo conto del prezzo. 

Impensabile fino a poco tempo fa, ma questa MV la senti tua sin dal principio, sali apri il gas e vai, con una facilità imbarazzante
Un rumore, anzi una sinfonia che prende vita dall’aspirazione, accompagna il tre cilindri fino alla zona rossa del contagiri, con una progressione sconosciuta alle concorrenti dirette

In modalità Normal, il motore ha una erogazione lineare e poco aggressiva (è stato possibile percorrere delle rotonde in sesta marcia con il motore che ronzava poco sopra i 1000 giri, per poi riprendere a gas spalancato senza strappi e indugi!), tutto questo fino agli 8.000, dopo di che si scatena l’inferno!
Un rumore, anzi una sinfonia che prende vita dall’aspirazione, accompagna il tre cilindri fino alla zona rossa del contagiri, con una progressione sconosciuta alle concorrenti dirette. Il cambio asseconda perfettamente la guida (non oso pensare con quello elettronico…), così come la ciclistica che permette ingressi curva “spaventosamente” rapidi, mentre i cambi di direzione necessitano di un leggero apprendistato tanta è la rapidità con cui vengono portati a termine. E pensare che c’è la mappa Sport.
L’assetto rigido delle sospensioni e la sella con la consistenza del marmo aiutano parecchio, ma solo allo svolgimento dei compiti da sportiva, se il tema del giorno fosse il confort di guida, un sei stiracchiato lo strapperebbe, ma nulla più, anche grazie alla scarsità delle vibrazioni (mentre il calore emanato dal motore e relativo catalizzatore alle basse velocità sono fastidiosi). 
 

Cambio e frizione morbidi e precisi mettono a proprio agio, così come la ciclistica
Cambio e frizione morbidi e precisi mettono a proprio agio, così come la ciclistica

La vocazione turistica è stata immolata sull’altare della sportività, ma il risultato pone nuovi parametri nei confronti delle concorrenti dirette giapponesi e inglesi che siano.
Viene il momento di giocare con i comandi al manubrio per passare dalla mappa Normal a quella Sport, e così facciamo. Sulla strumentazione digitale, che è identica a quella della F3, e che quindi pecca sempre per leggibilità, ma che è ricca di ogni tipo di funzione e informazione, cambiano i simboli riguardanti il controllo di trazione e soprattutto quello inerente alla mappatura del tre cilindri.
Delirio e onnipotenza, il motore diventa una vera e propria tigre, la strada viene letteralmente aggredita dalla Brutale 675, che supportata dalla ciclistica rigorosa, permette ritmi elevatissimi. Il controllo di trazione non si sente, anche perché non si inserisce, in quanto la trazione non viene mai a mancare, grazie anche al comportamento delle Pirelli Angel ST di primo equipaggiamento che garantiscono un comportamento stradale inaspettatamente buono (sulla Brutale 920 le avevo criticate), considerando la loro destinazione turistica (i giornalisti stranieri che si sono trovati ad affrontare il diluvio universale durante il giro ringraziano per le ottime prestazioni sul bagnato – Che fortunati … hanno potuto testare anche la mappa Rain!).

La frenata è degna di nota, vigorosa e all’anteriore anche perfettamente modulabile, mentre il freno posteriore ha una prima fase fin troppo aggressiva alla quale ci si fa l’abitudine dopo pochi chilometri. L’impianto merita un voto alto, ma considerando la tipologia di moto, attendiamo trepidanti la versione dotata di ABS che dovrebbe uscire a mesi.
Il breve giro di prova purtroppo termina, con grande dispiacere di tutti i presenti, che però hanno mostrato, una volta levatosi il casco, dei grandissimi sorrisi. Che sia piaciuta anche a loro come a noi?

Pregi
Rapporto qualità-prezzo | Dotazione tecnica | Prestazioni e guidabilità

Difetti
Assetto rigido | Leggibilità strumentazione | Cablaggi e tubi di sfiato a vista
 

Leggi tutti i commenti 126

Commenti

  • FastEddie, Perugia (PG)

    a me nelle linee sembra una Husquarna.......

    BELLA?....SI !!, MA QUANTE NE VENDERANNO ?
  • Francesco.Rossi7517, Milano (MI)

    Bella ma...

    Io ne ho appena vista una ferma parcheggiata. Per carità, niente male come moto, ma sembra un giocattolino. Il motore, nella sua dimensione ridotta, rende l'insieme molto scarno e poco esaltante dando un'impressione di magrezza meccanica addirittura eccessiva. Ripeto, non discuto le doti ciclistiche e di motore, ma a livello di fascino puro non è confrontabile alle sorelle maggiori. Se quest'ultime le paragonerei a Pin-up esplosive e accattivanti, la 675 appare come un'adolescente di primo pelo. Carina si, ma altrettanto verginella :-).
Leggi tutti i commenti 126

Commenti

Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

MV Agusta Brutale 675 (2011 - 15)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca MV Agusta
  • Modello Brutale 675
  • Allestimento Brutale 675 (2011 - 15)
  • Categoria Naked
  • Inizio produzione 2011
  • Fine produzione 2015
  • Prezzo da 9.670 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.030 mm
  • Larghezza 900 mm
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra 160 mm
  • Altezza sella da terra MIN 810 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.380 mm
  • Peso a secco 163 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 675 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 3
  • Configurazione cilindri in linea
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 79 mm
  • Corsa 45,9 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 115 cv - 85 kw - 12.500 rpm
  • Coppia 7 kgm - 71 nm - 10.600 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 17,5 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Tubolare a traliccio in acciaio ALS
  • Sospensione anteriore Marzocchi oleodinamica a steli rovesciati
  • Escursione anteriore 125 mm
  • Sospensione posteriore Progressiva monoammortizzatore Sachs regolabile nel precarico molla
  • Escursione posteriore 119 mm
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 320 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 220 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 17 pollici
  • Pneumatico anteriore 120/70 - ZR 17 M/C (58 W
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 180/55 - ZR 17 M/C (73 W
  • Batteria 12 V - 8,6 Ah
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
MV Agusta

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta