PROVE

Moto Guzzi V7 III 2018: Carbon, Milano e Rough

- Tre interpretazioni sulla stessa base tecnica, ma con grandi differenze in termini di finiture

Dopo averla presentata nel settembre 2017, Moto Guzzi ha deciso di implementare la famiglia V7 III con tre nuove allestimenti: Carbon, Rough e Milano che, nonostante condividano la medesima base tecnica, differiscono per svariati particolari che conferiscono a ciascuna un'identità propria e ben definita.

Il telaio rimane il tubolare a doppia culla scomponibile in acciaio e il motore è sempre il bicilindrico trasversale “small block” di 744 cc, con raffreddamento ad aria e con 52 CV di potenza a 6.200 giri/min e 60 Nm di coppia a 4.900 giri/min.

Se da una parte questa base tecnica è condivisa tra i tre allestimenti, ciò che invece cambia, oltre alla colorazione dei serbatoi, è la componente stilistica, che si differisce per i cerchi, la strumentazione e i parafanghi.

Moto Guzzi V7 III Rough
Moto Guzzi V7 III Rough

Si parte dall'allestimento “entry level”, la Rough, “Ruvida”, in italiano: una moto che strizza l'occhio al mondo delle scrambler. Ciò che più colpisce, di questa Rough, oltre ai cerchi a raggi – con camere d'aria – gommati Pirelli MT60, è l'abbinamento ben riuscito tra il total black della parte inferiore della moto, con motore, cerchi, impianto di scarico e fianchetti in alluminio, verniciati in tinta nera satinata, e l'alluminio dei parafanghi, che si lega bene con l'argento opaco del serbatoio. Bello poi il manubrio nero con tanto dib traversino. Il prezzo di questo modello è di 8.990 euro.

Moto Guzzi V7 III Milano
Moto Guzzi V7 III Milano

L'allestimento intermedio, almeno per quanto riguarda il prezzo, è la Milano, che è stata sviluppata sulla base della V7 III Special, della quale mantiene la strumentazione a doppio quadrante circolare, i doppi terminali di scarico cromati e il maniglione per il passeggero pure cromato. A distinguerla dalla special ci pensano i cerchi a sei razze sdoppiate, la tinta del serbatoio, verniciato in un grigio molto luminoso, e l'alluminio dei fianchetti e dei parafanghi. L'allestimento Milano è in vendita a 9.040 euro.

Moto Guzzi V7 III Carbon
Moto Guzzi V7 III Carbon

Ultima, ma non ultima, la versione Carbon, la più costosa, ma ovviamente anche la più pregiata dal punto di vista della componentistica. La fibra di carbonio caratterizza in maniera prepotente il design di questo allestimento, grazie ai parafanghi e ai fianchetti laterali realizzati in questo materiale. A contrastare il nero opaco, colore in cui è verniciato anche il serbatoio, ci pensano i tanti dettagli rossi quali i coperchi delle teste dello “Small Block”, l'aquila sul serbatoio, i loghi sui fianchetti e la pinza freno anteriore a marchio Brembo. Un altro  dettaglio che mette in risalto il design raffinato della Carbon è la sella, realizzata in Alcantara impermeabile nero, con impunture a contrasto anch'esse rosse.

L'allestimento Carbon è l'unico dei tre presentati ad essere realizzato in tiratura limitata a 1921 esemplari, numerati e riconoscibili grazie all'incisione a laser riportata sulla piastra superiore del manubrio: sebbene possa sembrare un numero a caso, per chi non lo sappia, 1921 è l'anno di fondazione della Casa di Mandello del Lario. Per portarsi a casa la Moto Guzzi V7 III Carbon bisogna sborsare 9.990 euro.

Ricchissima è poi la scelta degli accessori originali e omologati che sono disponibili per questo modello. Infatti, da quando la V7 III è stata introdotta sul mercato, il 60% delle moto vendute è stata acquistata dal proprietario con almeno un accessorio originale, customizzando la moto a proprio piacimento. Parliamo di circa 200 pezzi presenti a listino per questo modello, volti a personalizzare la propria moto. La scelta di Moto Guzzi di proporre tre diversi allestimenti è stata dettata dalle richieste dei clienti che richiedevano alla Casa di Mandello del Lario di avere delle versioni base già ricche di accessori, in modo tale da avere uno stile di riferimento per poi continuare a proprio piacimento con le modifiche.

 

Tre allestimenti, un unico piacere di guida

Nonostante i tre diversi allestimenti sembrino dare un carattere parecchio differente alle tre moto che abbiamo provato, essendo la base tecnica la stessa il feeling di guida rimane invariato. Ciò che più colpisce è la facilità con cui queste moto si guidano. Si sale in sella si prende velocemente confidenza con un mezzo facile da maneggiare, che, sebbene non sia proprio un peso piuma - con i sui 209 per la Rough e la Carbon e 213 per la Milano - rimane agile grazie al basso baricentro e a una discreta ciclistica. L'ormai arcinoto bicilindrico 750 è abbastanza brioso ai medi regimi, senza però risultare propriamente esaltante nell'allungo: ma, alla fine, questa Guzzi non è certo una sportiva purosangue, né ha la pretesa di esserlo. La ciclistica rende la moto precisa anche nel misto stretto, con una forcella abbastanza sostenuta che però riesce ad assecondare bene le asperità. Un po' rigidi invece gli ammortizzatori posteriori, che però non sono mai troppo secchi sulle buche, smorzate anche dalla sella relativamente morbida.

La frenata è sempre pronta e ben modulabile, con l'ABS che non è mai eccessivamente invasivo: solo la leva del freno anteriore è un po' spugnosa. Nonostante possa far sorridere i più smaliziati, il controllo di trazione, che può essere impostato su due livelli, torna utile quando l'asfalto è bagnato, incrementando notevolmente la sicurezza, soprattutto per chi è alle prime armi.

 

In sintesi

I tre nuovi allestimenti confermano la bontà dellapprezzato modello di Mandello del Lario che, grazie a finiture di buon livello, prestazioni più che oneste, facilità di guida e design nostalgico, riesce a far breccia nel cuore di una nuova generazioni di Guzzisti.

Per la prova completa vi rimandiamo al test effettuato a settembre dal nostro Francesco Paolillo.

Pregi e difetti

  • Design|Facilità di guida
  • Prezzo|sospensioni posteriori

Maggiori informazioni:

Foto di Cristina Pertile

Luogo - Lago di Como/ Val Trebbia

Meteo - sole/pioggia 10 gradi

Abbiamo utilizzato:

Giacca Revi'it! Newton

Guanti Alpinestars Rage Drystar

Casco AGV K-5 S

Scarpe Rev'it Mohawk

  • capobutozzi, Roma (RM)

    A me piacciono tutte e tre, vero che sono sempre le stesse moto ma vendono e alla gente piacciono. A roma ce ne sono tante, io le ho provate non erano male poi però ho comprato altro, se pero le vedo in giro non riesco a non guardarla.
    Da guzzi però ci aspettiamo anche altro
  • driassa, Savona (SV)

    Moto del passato con prezzi del futuro.
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Moto Guzzi V7 III Carbon (2018)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Moto Guzzi
  • Modello V7
  • Allestimento V7 III Carbon (2018)
  • Categoria Naked
  • Inizio produzione 2017
  • Fine produzione n.d.
  • Prezzo da 9.990 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.185 mm
  • Larghezza n.d.
  • Altezza 1.110 mm
  • Altezza minima da terra 150 mm
  • Altezza sella da terra MIN 770 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.463 mm
  • Peso a secco 189 Kg
  • Peso in ordine di marcia 209 Kg
  • Cilindrata 744 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri a V
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri -
  • Inclinazione cilindri a V 90
  • Raffreddamento ad aria
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 80 mm
  • Corsa 74 mm
  • Frizione monodisco
  • Numero valvole 2
  • Distribuzione monoalbero
  • Ride by Wire No
  • Controllo trazione
  • Mappe motore 2
  • Potenza 52 cv - 38 kw - 6.200 rpm
  • Coppia 6 kgm - 60 nm - 4.900 rpm
  • Emissioni Euro 4
  • Depotenziata
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 21 lt
  • Capacità riserva carburante 4 lt
  • Trasmissione finale albero
  • Telaio Telaio in acciaio a doppia culla con elemanti imbullonati
  • Sospensione anteriore Forcella telescopica idraulica, Ø 40 mm
  • Escursione anteriore 130 mm
  • Sospensione posteriore Forcellone oscillante in lega leggera, con 2 amm. Kayaba regolabili nel precarico molla.
  • Escursione posteriore 93 mm
  • Tipo freno anteriore disco
  • Misura freno anteriore 320 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 260 mm
  • ABS
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 18 pollici
  • Pneumatico anteriore 100/90/18"
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 130/80/17"
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Moto Guzzi
  • Piaggio & C. S.P.A. Via E.V. Parodi, 57
    23826 Mandello del Lario (LC) - Italia
    0341 709111   www.motoguzzi.it

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta