prova custom

Moto Guzzi Bellagio 940

Aquila Nera
- La Bellagio nel 2010 si veste di un bel nero opaco, comune alla gamma Aquila Nera, e si presenta con le doti già apprezzate: la tenuta di strada è ottima e il motore corsa corta ha carattere da vendere
Moto Guzzi Bellagio 940

All black. Il 2010, a Mandello del Lario, viene celebrato con il nero opaco dell’affascinante gamma Aquila Nera. Un nome che evoca il simbolo storico della Moto Guzzi, bene in vista sul serbatoio della moto, e che accomuna tre modelli della Casa italiana: l’intramontabile California 1100, l’agile Nevada 750 e la sportiva – passateci il termine, poche custom sono così belle da guidare! – Bellagio.
Ed è a quest’ultima che dedichiamo le nostre attenzioni, perché se è vero che si tratta di una Guzzi nel midollo (il bicilindrico trasversale a V di 90° è il biglietto da visita del brand lombardo), è vero anche che la custom 940 è tra le moto più moderne e al passo coi tempi del listino Moto Guzzi.

La Bellagio ha diverse frecce al suo arco. La prima, e più evidente, è data dalle doti dinamiche difficilmente riscontrabili sulle moto custom

Le aquile nere hanno serbatoio, fianchetti e parafanghi contraddistinti da un bel nero opaco, che contrasta elegantemente con le diffuse cromature dello scarico, dei cerchi a raggi, degli specchietti e del manubrio. Cromati sono anche gli indicatori di direzione, belli da vedere, ma meno da toccare dato che al nobile acciaio è stata preferita una plastica un po’ leggera. I cilindri sono in alluminio e danno un tocco di modernità a un insieme complessivamente riuscito.
La vista posteriore è dominata dal largo pneumatico, degno di una supersport (misura 180/55-17), abbracciato lateralmente dal massiccio forcellone monobraccio CA.R.C. sulla destra, e dal doppio scarico cromato sovrapposto sulla sinistra. Davvero basico è il corto parafango, che incorpora la gemma del fanale: la classica ciliegina su un lato B che attira diversi sguardi ai semafori.
Il panciuto serbatoio (da 19 litri di capienza) vi ricorda qualcosa di già visto? Se sì, avete un buon colpo d’occhio: è infatti comune alla California 1100 e caratterizza la zona centrale della moto, insieme alle teste dei cilindri.
Sotto gli occhi del pilota svetta una strumentazione moderna, costituita dal tachimetro analogico e dal display digitale multifunzione, ben leggibile. Stona però l’assenza del contagiri, un accessorio che riteniamo indispensabile su una moto che non disdegna affatto la guida sportiva.

Il corsa corta gira alto


La Bellagio adotta un motore specifico nella gamma Moto Guzzi; sempre fedele allo schema del bicilindrico trasversale raffreddato ad aria, la custom lariana ha 2 valvole per cilindro, comandate da aste e bilancieri, e una cilindrata di 935,6 centimetri cubici, ottenuta grazie a una alesaggio di 95 mm e a una corsa di 66 mm (contro i 92 x 80 della California, per fare un parallelo in casa Guzzi). Già questo dato la dice lunga sull’indole della Bellagio, pronta e disponibile sin dai regimi più bassi, ma anche caparbia e dirompente nel passaggio ai medi e nella scalata al regime della potenza massima. I cavalli sono 75 a 7.200 giri/min, mentre la coppia tocca un picco di 78 Newton per metro a 6.000 giri.
Il cambio ha 6 marce ed è servito da una frizione bi-disco a secco; la trasmissione finale è a cardano (rapporto finale: 12/44), e impiega il monobraccio CA.R.C. (Cardano Reattivo Compatto) con asta di reazione superiore.

Telaio tubolare in acciaio, sospensioni regolabili e freni Brembo


Oltre al motore, anche il telaio della Bellagio è un unicum nell’universo guzzista, realizzato appositamente per la 940. Tubolare in acciaio a doppia culla, ospita sospensioni regolabili: davanti una classica forcella Marzocchi con steli da 45 mm di diametro, dietro un mono-ammortizzatore munito di leveraggio progressivo e di manopola per la regolazione remota del precarico.
Ruote e freni hanno un retrogusto sfacciatamente sportivo. I cerchi a raggi calzano infatti pneumatici ribassati, rispettivamente 120/70-18 all’avantreno e 180/55-17 al retrotreno, e ospitano una triade di dischi Brembo di tutto rispetto: una coppia da 320 mm di diametro davanti e un singolo da 282 mm dietro.

La prova. La custom ti sorprende con una guida da naked


La Bellagio ha diverse frecce al suo arco. La prima, e più evidente, è data dalle doti dinamiche difficilmente riscontrabili sulle moto custom.
A queste la nostra 940 si rifà nel look e nella posizione di guida. Il pilota è accolto comodamente dall’ampia sella (su due livelli), posta a soli 780 mm dal suolo. Le pedane sono basse e fanno sì che anche le gambe degli spilungoni non si pieghino eccessivamente. Risultato: la Bellagio si rivela decisamente comoda anche nelle lunghe sgroppate lontano dalla città. E nell’impiego metropolitano giocano a favore della custom Moto Guzzi anche il corretto raggio di sterzo e l’ottima manovrabilità, frutto di un bilanciamento delle masse azzeccato. Il peso infatti non è bassissimo (224 kg a secco), ma il baricentro basso e l’ampio manubrio rendono la Bellagio assai svelta anche nel traffico. In questo contesto è piuttosto la leva della frizione ad affaticare la mano sinistra per via di un carico non certo irrilevante; lo stacco è preciso, ma lo sforzo è decisamente maschio.
 

Le aquile nere hanno serbatoio, fianchetti e parafanghi contraddistinti da un bel nero opaco, che contrasta elegantemente con le diffuse cromature dello scarico, dei cerchi a raggi, degli specchietti e del manubrio
Le aquile nere hanno serbatoio, fianchetti e parafanghi contraddistinti da un bel nero opaco, che contrasta elegantemente con le diffuse cromature dello scarico, dei cerchi a raggi, degli specchietti e del manubrio

Il big twin corsa corta è spassoso come pochi altri motori che equipaggiano le moto custom. Regolare ai bassi, cresce di giri con una pienezza e una corposità che conquistano anche i motociclisti dalla piega facile. L’erogazione è accompagnata da una sonorità di scarico coinvolgente: il timbro, basso e scoppiettante al minino, si fa via via sempre più cupo e deciso man mano che si sale di giri.
Le qualità della ciclistica fanno da degno corollario a un motore riuscito. La Bellagio si presta anche alla guida brillante, tipica di una moto del segmento naked. Rapida e sicura nello scendere in piega, grazie anche alla generosa gommatura, si dimostra maneggevole nei percorsi guidati. Insomma, l’abito non fa il monaco e, a dispetto dell’immagine custom, il piacere di guida è tipico di una moto nuda. Di una bella nuda, brava Moto Guzzi. Di buon livello è anche la frenata, che vanta un’apprezzabile modulabilità e una potenza adeguata al tipo di moto.

Un cenno infine al prezzo. La Bellagio costa 10.760 euro, una cifra elevata ma allineata alla concorrenza – in special modo yankee – della bella custom italiana. Le doti dinamiche e le prestazioni offerte dal bicilindrico sono invece una dote che oggi solo la 940 può vantare in questo segmento.
 

Pregi
  • Linea originale e moderna | Carattere del motore | Qualità dinamiche
Difetti
  • Frizione dura | Comfort del passeggero
  • Paolo Gorizia, Gorizia (GO)

    .... ho iniziato la mia carriera motociclistica con una Moto Guzzi NTX 350 e avrei sperato di finirla su una Guzzi..... ma le Moto Guzzi che mi piacciono, stanno sparendo.... Ho amato alla follia la Quota 1000, quella rosso geranio, caratterizzata a un design strepitoso, da linee scultoree: un opera d'arte! .... ma anche dotata di una guidabilità incredibile e consumi da scooter: era impossibile scendere sotto i 20 km/litro! Mi è piaciuta - ma non alla follia - la Stelvio: moto intelligente, completa, comoda, guidabilissima nonostante la stazza esagerata ... ma poco parsimoniosa nei consumi e con una linea non del tutto convincente. Ho adorato la Bellagio, e qualche anno fa l'avrei comprata..... se non fosse uscita di produzione senza lasciare esemplari nuovi in giro per l'Italia. Ora, che sto invecchiando, vorrei veramente che Moto Guzzi potesse fare, magari sul motore e sul telaio della Bellagio, una tre leggere valigie di alluminio da almeno 120 litri complessivi, con un peso non troppo superiore ai 200 kg......
  • Nikobike, Pioltello (MI)

    "Dove osano le Aquile"

    ..nacqui,motociclisticamente,Guzzista..e m'ammmalai di "Guzzite"..e,cm tutti i Guzzisti.."malati" ;-) nn si ha la benkè minima intenzion d "guarir" ;-)) ..ne ho avute2..un V35 e un V35Imola II..sempre a sentirmi dir:"ma ke pretendi?è una Guzzi!!"..mi lasciai convincer a passar a BMW(erroraccio!)..ora ho una Ducati..ke va bene..ma quando vedo o"Sento"una Guzzi il mio sguardo è sempre verso di Lei ;-) penso d potermi dir Guzzista :-) le Guzzi nn si posson paragonar alle HD,o alle Jap..son le Guzzi!sono Italiane..e,cm noi Italiani:siam unici al mondo..forse anke pieni d difetti,ma l'Italia è "Riconosciuta" in tutto il mondo..si sa ke facciam le cose a modo nostro..è quell' "alure" ke c contraddistigue ;-) così anke ki ha una Guzzi fa le cose cm nessun altro motociclista farebbe,perkè lo sappiam in partenza:a parità d soldi,tecnicamente,una Jap c darebbe molto d+ ;-) quanti motociclisti,xò, rinuncierebbero agli spaghetti,o al caffè..come li sappiam far in Italia? ki mangerebbe sempre solo hot-dog,tex-mex,o sushi..tutti i giorni?..c avete mai pensato?.. le Guzzi son cm la nostra cara e gustosa cucina locale..,son come la mamma:c si litiga anke,ma poi t'accoglie sempre a casa ;-) le mie Guzzi m'han sempre riportato,in una qualke maniera,a casa ;-) ki ha una Guzzi lo sa:nn c vinci le gare da semaforo a semaforo(..mm..questo,poi,è da veder:c son dei pezzi"Ghezzi-Brian" ke nn si fan metter i piedi in testa),le Harley han cromature a profusione e quello scoppiettìo a-sincrono tipico..ma poi,tipo d'inverno,magari cn la neve,ki è ke si vede in giro?...x me Guzzi è oltre la moto:è uno status mentale ;-) nn si ha bisogno d competizione:si è motociclisti e basta ;-)
    x quanto riguarda me:"vorrei,ma nn posso":la Bellagio sarebbe la moto ideale x me..ma purtroppo è fuori dal mio budget..potessi la prenderei subito:svekkiata dall'ormai stra-cavalcato concetto d Guzzi degl'anni '70/'80 ,nn è una Jap,nn è una Ducati,e nn ha nulla da invidiar alle Harley,è una "roadster" completamente nuova ed unica nel suo genere: è una Guzzi! :-) ..se propriio vogliam,certo ke x 10760euri,un po' d metallo in+..anzikè la plastica.. ..a me piacerebbe se me la regalassero ;-) xò,anke se dovrò continuar a sognarla ancor x un bel po',continuerò a voler bene alla Guzzi ;-) ..ki ama la Guzzi..ama la Guzzi ;-)
    Niko
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Moto Guzzi Bellagio (2007 - 14)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Moto Guzzi
  • Modello Bellagio
  • Allestimento Bellagio (2007 - 14)
  • Categoria Custom
  • Inizio produzione 2007
  • Fine produzione 2014
  • Prezzo da 11.720 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional Versione Aquila Nera a 10.760
  • Lunghezza 2.270 mm
  • Larghezza 890 mm
  • Altezza 1.310 mm
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 730 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco 224 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 935,6 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri a V
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V 90
  • Raffreddamento ad aria
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 75 cv - 55 kw - 7.200 rpm
  • Coppia 8 kgm - 78 nm - 6.000 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 19 lt
  • Capacità riserva carburante 4 lt
  • Trasmissione finale albero
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore forcella telescopica idraulica, Ø 45 mm, regolabile
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore monobraccio con leveraggio progressivo, monoammortizzatore regolabile in estensione e con manopola ergonomica per la regolazione del precarico
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 320 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 282 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 18 pollici
  • Pneumatico anteriore 120/70 ZR 18"
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 180/55 ZR 17"
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Moto Guzzi

Usato: Moto Guzzi Bellagio (2007 - 14)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta