Prova Enduro

KTM EXC 300 Rigo Racing. L'enduro estremo su misura

- L’ottima base tecnica della 300 due tempi KTM, unita alla meticolosa preparazione curata da Marco Rigo, si fondono in un mezzo studiato specificamente per l’enduro estremo. Una moto incredibilmente facile da guidare e performante, per scalare i percorsi più complicati

Il livello tecnico della produzione di serie ha ormai raggiunto un livello talmente alto che è facile comprare una moto da fuoristrada e andare a correrci la domenica seguente. Ma se nell’era moderna la standardizzazione è la chiave per fare i numeri, ecco che esistono ancora alcune eccellenze artigiane che nell’intimità delle proprie officine passano le nottate a trovare dei punti di miglioramento per queste moto. Moto che, grazie a una cura esperta, possono con poche ma importanti modifiche diventare ancora più performanti.

La grande occasione di oggi ci permette di incontrare di persona Marco Rigo, fondatore della Rigo Racing che, per il 2017, ha voluto schierare Sonny Goggia al via delle più importanti gare di Enduro Estremo. Marco è partito da una base standard, ovvero la KTM 300 EXC due tempi e l’ha trasformata in un’arma letale, specifica per una disciplina che ogni giorno diventa sempre più tecnica.
Vediamo nel dettaglio quali sono gli elementi sui quali ha voluto intervenire Marco Rigo

 

 

Sospensioni modificate

L’elemento principale che contraddistingue la personalizzazione di Marco è ricercare un setting particolarmente morbido e sensibile. E’ partito con i migliori prodotti disponibili ad oggi sul mercato, montando un mono ammortizzatore WP con tecnologia Trax al posteriore e la forcella a molla tradizionale con sistema Cone Valve all’anteriore. Da questa base ha lavorato molto, andando a diminuire nel mono sia il carico della molla che l’idraulica, accorciando di un paio di centimetri la corsa a vantaggio della distanza da terra, ridotta necessariamente per agevolare la spinta con le gambe nelle situazioni più brutte.

Stesso discorso sull’anteriore, non tanto come molla che rimane quella di serie, ma come idraulica, al fine di assorbire al meglio le diverse asperità che si possono incontrare.

Anche in questo caso è stata ridotta la corsa di un paio di centimetri. Sonny Goggia non è altissimo (1,75 cm) e predilige una moto più bassa, ad ogni modo non è necessaria tutta la corsa di una moto di serie nell’enduro estremo, anche per i piloti più alti perché, dovendo passare la maggior parte del tempo a spingere, essere un pochino più vicini a terra è un vantaggio per tutti!

Gli impatti vengono solitamente presi a velocità inferiore ma comunque rimangono importanti, basta vedere quando si affrontano i new jersey (le protezioni autostradali) alti un metro. Risulta necessario un ammortizzatore specifico che, quando va ad impattare, riesca ad assorbire fino alla massima pressione senza poi scalciarti, e che, contestualmente, con un colpetto di gas, mantiene la trazione e ti porta dall’altra parte.

 

 

Elettronica e rapporti

La qualità migliore del motore è la trazione che riesce a sviluppare, in particolare alle basse velocità. E’ una moto a cui piace andare piano, quasi sotto i mille giri ed appena chiedi gas è subito pronta, ma non con il pronto nervoso che ti dà fastidio, al contrario, una spinta progressiva che a metà di una salita ti dà quel qualcosa in più che ti fa completare l’ostacolo senza problemi. Altro aspetto molto importante è l’implementazione del controllo dell’elettronica.

Marco Rigo collabora ormai da tanti anni con la JD (ditta del Novarese), che gli fornisce oltre che le centraline a bordo con le quali è possibile avere due mappature da selezionare con uno switch al manubrio, anche il software di sviluppo delle varie curve. Mappa due viene dedicata ai terreni dove c’è pochissimo grip e c’è da ricercare la massima aderenza possibile, a scapito anche della potenza massima la quale viene notevolmente ridotta, l’ideale per affrontare quelle salite viscide dove si fa veramente fatica a scaricare i cavalli per terra. Risultato che ti trovi a cavalcare una moto che si arrampica su per i muri con un filo di gas, se carichi bene le pedane ha una trazione incredibile e devi veramente concentrarti per stare attaccato, lei sale e tu devi solo starci sopra.

Mappa uno, invece, è stata ottimizzata per le situazioni in cui c’è un buon grip e si ha bisogno della potenza piena pur rimanendo sempre molto lineare nella curva di erogazione. E’ importante avere trazione, ma quando le salite sono lunghe è altrettanto indispensabile avere un bel corpo. Il grosso vantaggio è che sono due impostazioni profondamente differenti e, con un semplice tocco al manubrio, puoi avere per le mani una moto completamente differente sia come risposta che come carattere.

Sempre per lo stesso motivo, Marco ha voluto adottare un comando del gas marchiato Domino, dove il cavo dell'acceleratore, mentre viene tirato, non segue una circonferenza bensì un ellisse, risultando quindi nella prima fase molto più sensibile e preciso.

Dal punto di vista dei rapporti il cambio rimane quello standard, mentre per le misure di trasmissione finale, troviamo sempre una corona da 48, abbinata però ad un pignone più piccolo, da 12 denti, anziché 13. Di primo impatto potrebbe sembrare strano perché una moto più “corta” di rapporti potrebbe essere più nervosa, in realtà serve a tenere la prima quasi di scorta, avendo un tiro motore cosi corposo già dai primi giri. L’obiettivo infatti è quello di usare sempre dalla seconda in avanti e tenere la prima solo per i casi limite, dove ad esempio, quasi in cima ad un salitone, la velocità è talmente ridotta che la seconda non ce la fa ed ecco allora l’utilità della prima marcia che risulta essenziale per completare l’ostacolo.

 

 

La guida

In sella questa sensazioni sono evidenti e permettono di avere un vantaggio competitivo importante, soprattutto in relazione al crescere delle difficoltà come nelle gare estreme tipo Erzberg o Romaniacs. La verità è che sono frutto di un duro lavoro svolto in officina tra le mani sporche di olio, nottate insonni e gli occhiali da computer sempre al collo, in quanto, oggi come oggi, è necessario sviluppare tutti i fronti. Marco su questi aspetti è una garanzia e sono i tanti anni di successi nelle gare a confermarne la qualità del lavoro svolto.

La grande esperienza di meccanica, fluidodinamica ed elettronica, oltre che anni sui campi gara, vengono messi a disposizione di tutti tramite la Rigo Racing al quale ci si può rivolgere per chiedere tutte le personalizzazioni del caso alla propria moto. Marco ha sviluppato uno storico specifico sulla KTM 300, ma è tranquillamente in grado di personalizzare qualsiasi modello di moto, in base alle specifiche esigenze e stile di guida del pilota.

Rigo racing la trovate a Limito di Pioltello, nei pressi di Milano, in Via Deledda. Email: [email protected], telefono 02.9266487

 

Pregi e difetti

  • Trazione e potenza scaricata a terra | Sensibilità e precisione di guida
  • Posizione in sella molto raccolta

Maggiori informazioni:

Moto: KTM EXC 300
Luogo: Castello Dal Pozzo - Oleggio Castello
Meteo: Sole, 25° C
 

Abbiamo utilizzato:

Casco: KYT
Occhiali: Ariete
Maglia: Acerbis
Pantaloni: Acerbis
Guanti: Acerbis
Stivali: Alpinestars Tech 10

  • henry cuomo, Manfredonia (FG)

    Grande Maestro Marco Rigo! lo conosco dai tempi del Rally del Titano ed altre gare di quel livello... dove vinceva con Chiesa,Colombo,Manenti ed altri...Le sue moto profondamente rimaneggiate,all'epoca le Yamaha WR 250 2T,davano del filo da torcere alle Gilera ufficiali e alle Yamaha del team Chesterfield nelle gare di altissimo livello, Raid di Sardegna compreso! "Ogni modifica viene fatta in funzione dell'altra" questo il suo modus operandi! Complimenti per questo fantastico "Kappone"
  • Campiglio-1956, Lugagnano Val d'Arda (PC)

    Però bisognerebbe commentare l'articolo e non commentare i commenti; forse, quando non si sa cosa dire, è più facile sparare dei commentucoli senza senso che parlare concretamente degli aspetti di una preparazione. Le opinioni degli altri vanno sempre rispettate, sopratutto quando sono motivate.
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

KTM EXC 300 E (2017)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca KTM
  • Modello EXC 300
  • Allestimento EXC 300 E (2017)
  • Categoria Enduro
  • Inizio produzione 2016
  • Fine produzione 2017
  • Prezzo da 9.070 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza n.d.
  • Larghezza n.d.
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra 370 mm
  • Altezza sella da terra MIN 960 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.482 mm
  • Peso a secco 100 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 293,2 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 2
  • Cilindri 1
  • Configurazione cilindri n.d.
  • Disposizione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri -
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento eltettrico e a pedale
  • Alimentazione carburatore
  • Alesaggio 72 mm
  • Corsa 72 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione -
  • Ride by Wire No
  • Controllo trazione No
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza n.d.
  • Coppia n.d.
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 9,5 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Telaio a traliccio centrale in acciaio al cromo-molibdeno
  • Sospensione anteriore WP USD Xplor a steli rovesciati Ø 48 mm
  • Escursione anteriore 300 mm
  • Sospensione posteriore Ammortizzatore WP Xplor PDS
  • Escursione posteriore 310 mm
  • Tipo freno anteriore disco
  • Misura freno anteriore 260 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 220 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote raggi
  • Misura cerchio anteriore 21 pollici
  • Pneumatico anteriore 80/100-21"
  • Misura cerchio posteriore 18 pollici
  • Pneumatico posteriore 140/80-18''
  • Batteria 12V 2 Ah agli ioni di litio
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
KTM
  • Sportmotorcycle Italia S.R.L. Via Spallanzani 16/A
    24061 Albano Sant'Alessandro (BG) - Italia
      http://www.ktm.com/it/

Nuovo: KTM EXC 300

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: KTM EXC 300 E (2017)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta