Anticipazioni

Yamaha YZF-R1M, nuovo modello Rossi style o final edition?

- Un brevetto depositato dalla Casa di Iwata punta ad una nuova versione per la sua ammiraglia sportiva. Ne approfittiamo per ripercorrere la lunga vita di una delle supersportive più famose di tutti i tempi
Yamaha YZF-R1M, nuovo modello Rossi style o final edition?

Di questi tempi ogni brevetto, anche il più insignificante, porta a fibrillazioni e a ridde di ipotesi – dalle più ragionevoli alle più fantasiose – in merito a novità di mercato. Figuriamoci quando il brevetto è relativo ad una sigla come “YZF-R1”, l’ammiraglia sportiva Yamaha per la quale attendiamo con ansia una profonda revisione: la scadenza dei (primi) due anni di contratto di Valentino Rossi in MotoGP avevano fatto ipotizzare un passaggio in Superbike per sviluppare e far vincere la nuova supersportiva, ricordate?

 

Yamaha R1 livrea speciale 2014
Yamaha R1 livrea speciale 2014

I tempi sarebbero quelli giusti, non fosse che la sigla YZF-R1M depositata in Europa (negli USA ed Australia la Casa dei tre diapason ha registrato sia questa che “YZF-R1S”) sembra troppo simile e allo stesso tempo troppo diversa da quella del modello attuale. C’è anche la coincidenza temporale fra questo brevetto (depositato a metà gennaio) e la presentazione a Jakarta delle due nuove livree speciali riservate a quei mercati – Yamaha, interpellata a riguardo, aveva parlato di colorazioni che non sarebbero arrivate in Europa “per il momento”; nulla impedisce di pensare ad un’edizione finale per la supersportiva dei tre diapason in attesa del modello nuovo in arrivo…


 

Un po’ di storia

La prima, indimenticabile, Yamaha YZF-R1
La prima, indimenticabile, Yamaha YZF-R1

Proviamo a ripercorrere la storia di quella che molti ritengono la sportiva più carismatica uscita dal Sol Levante nell’era moderna. Era il 1997 quando a Milano Yamaha fece trattenere il fiato a diverse persone svelando la nuova YZF-R1. Erede di supersportive performanti nel motore ma un po’ approssimative nella guida, la prima “ErreUno” ebbe un impatto paragonabile a quello della Honda Fireblade cinque anni prima. E se la rivale si era con il tempo addolcita, la Yamaha si presentò invece orgogliosamente cattivissima, al limite del pericoloso per quanto era affilata nella guida.

 

Al Salone di Milano, quell’anno, debuttarono la MV F4 e l’Aprilia RSV, ma molti non ebbero occhi se non per lei e per una scheda tecnica ai limiti del pornografico. 179 chili per 150 cavalli ed un interasse di soli 1395 millimetri erano valori da moto da corsa; all’atto pratico i cavalli erano diversi in meno, ma sembravano perfino di più perché quando si spalancava il gas il quadricilindrico a venti valvole Yamaha esprimeva una castagna ai medi e agli alti da fare spavento. E servivano “pelo” ed esperienza per non farsi portare in giro dalla moto, tanto che la Yamaha – complice qualche soluzione estrema per uso agonistico, visto che in diversi campionati nazionali si fecero carte false pur di ammetterla in griglia – si fece in diversi ambienti la fama di moto “sbagliata”.

La realtà era che si trattava di una moto riservata a piloti o poco meno, e che servivano ottime gomme, ottima messa a punto e ottimo grip dell’asfalto per provare a tirarne fuori il meglio. Proprio per questo la versione 2000, pressoché invariata esteticamente (la livrea invertì le colorazioni e cambiò la finitura del terminale) risolse qualche peccatuccio di gioventù ma tagliò anche le unghie al propulsore.

 

2002: l’arrivo dell’iniezione

Contemporaneamente al debutto della prima M1 in MotoGP, Yamaha presentò la prima vera evoluzione dell’R1. Alleggerita (174 kg a secco) e potenziata (152 cv) era contraddistinta da un’estetica ancora più minimalista dell’originale ma soprattutto da una soluzione tecnica a dire poco curiosa. Yamaha aveva infatti adottato tanto sulla MotoGP che sulla moto stradale una soluzione mista, che accoppiava i tradizionali corpi farfallati delle iniezioni elettroniche alle valvole piatte dei carburatori più sportivi. Il risultato fu una moto dall’equilibrio invidiabile, ma sensibilmente meno estrema della progenitrice.

L'ambitissima YZF-R1 SP del 2006 in un depliant dell'epoca
L'ambitissima YZF-R1 SP del 2006 in un depliant dell'epoca

I fan dell’R1 non la amarono quasi per nulla, e forse proprio per questo motivo dopo sole due stagioni arrivò la versione 2004, immediatamente riconoscibile per una carenatura notevolmente più sviluppata ma soprattutto per i due scarichi accoppiati sotto il codone. Ancora più leggera (172 kg a secco) e resa più potente (172 cavalli) grazie ad un motore ancora più superquadro, la nuova R1 torna ad essere estrema: nervosa nell’erogazione – e un po’ vuota ai bassi, a dirla tutta – è anche più efficace nella guida sportiva nonostante un assetto di serie curiosamente più rilassato delle precedenti versioni.

 

Nel 2006 arrivano alcune piccole revisioni tecniche che fanno guadagnare ancora qualche altro cavallo all’R1, ma a fare notizia è la versione SP, dotata di sospensioni Ohlins particolarmente raffinate, frizione antisaltellamento, cerchi forgiati Marchesini e una livrea dedicata. In Europa ne arrivarono solo 500, rendendola a tuttora un modello particolarmente ambito per i collezionisti.

 

2007, addio al venti valvole

La Yamaha R1 2009 con albero a fasatura crossplane
La Yamaha R1 2009 con albero a fasatura crossplane

Il modello 2007 è stato invece una vera rivoluzione: dopo oltre vent’anni dall’arrivo della prima FZ750, ad Iwata abbandonarono le cinque valvole per cilindro in favore delle quattro, come del resto avevano già fatto sul propulsore della M1 di Rossi. La potenza salì a 180 cv ed arrivò l’acceleratore ride-by-wire YCCT-I unito ai cornetti a lunghezza variabile all’aspirazione. Compare infine per la prima volta sulla moto di serie la frizione antisaltellamento.

 

Il modello dura soli due anni: la crisi economica è alle porte ma i modelli sviluppati sono ormai pronti per il mercato, e nel 2009 arriva l’attuale modello con albero motore fasato a croce, aggiornato successivamente con il controllo di trazione e qualche modifica alla ciclistica nel modello 2012. I tempi sono maturi per la nuova R1: sarà questa YZF-R1M o dovremo aspettare ancora qualche mese?

 

  • Katana05, Novellara (RE)

    @fabiofirestorm

    Si, fidati, è l'età, te lo dice un quarantenne ;)
  • fabiofirestorm, Pineto (TE)

    Memoria corta...

    Sempre pronti a criticare i prodotti nostrani, ma nessuno ricorda che il modello del 98 era una bara ambulante? Motore violento e ciclistica ridicola (molto diversa da quella della casa Italiana a cui un po si era ispirata...). Era sicuramente emozionante da guidare ma sospensioni inesistenti. (cosa che la Yamaha continua a perseguire vedi FZ1 e FZ8..). Comunque finché ero giovane queste moto eccitavano moltissimo anche a me...oggi le trovo insensate... Sarà l'età? ;)
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Yamaha YZF R1 (2012 - 14)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Yamaha
  • Modello YZF R1
  • Allestimento YZF R1 (2012 - 14)
  • Categoria Super Sportive
  • Inizio produzione 2011
  • Fine produzione 2014
  • Prezzo da 17.190 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional Versione 50th Anniversary Euro 17.690.
  • Lunghezza 2.070 mm
  • Larghezza 715 mm
  • Altezza 1.130 mm
  • Altezza minima da terra 135 mm
  • Altezza sella da terra MIN 835 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.415 mm
  • Peso a secco 206 Kg
  • Peso in ordine di marcia 206 Kg
  • Cilindrata 998 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 4
  • Configurazione cilindri in linea
  • Disposizione cilindri trasversale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 78 mm
  • Corsa 52,2 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 182 cv - 133 kw - 12.500 rpm
  • Coppia 12 kgm - 116 nm - 10.000 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 18 lt
  • Capacità riserva carburante 3,7 lt
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Deltabox alluminio
  • Sospensione anteriore Forcella a steli rovesciati,43 mm
  • Escursione anteriore 120 mm
  • Sospensione posteriore (leveraggi progressivi), Monoammortizzatore
  • Escursione posteriore 120 mm
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 310 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 220 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 17 pollici
  • Pneumatico anteriore 120/70 ZR17M/C (58W)
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 190/55 ZR17M/C (75W)
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Yamaha

Nuovo: Yamaha YZF R1

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Yamaha YZF R1 (2012 - 14)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta