Anticipazioni

Una nuova Benelli adventure 650 con motore V2?

- Depositati in Cina dalla casa madre di Benelli i disegni di una nuova enduro stradale dotata di un motore due cilindri a V

Sono stati depositati in Cina da Qianjiang Motorcycles i disegni di progetto di un nuovo modello adventure.
La cosa è particolarmente interessante perché la società firmataria è quella che controlla e produce le moto a marchio Benelli e poi perché su questa enduro stradale debutta un motore a due cilindri a V.

Come sempre in queste fasi di registrazione si tratta di render digitali, ma che sono fondamentali per il brevetto dello stile. L'estetica si stacca decisamente dalle precedenti TRK, e alle altre versioni che utilizzano la stesa base tecnica e che sono vendute in Cina con il marchio QJ Motor.

Niente più “becco” e citazioni BMW GS ma una linea più slanciata e che guarda per certi versi alle moto da Rally.

Il layout prevede ruote nelle misure 19 pollici anteriore e 17 posteriore (cerchi a raggi per gomme tubeless), forcella rovesciata e mono posteriore centrale.- Il telaio segue la tradizione in struttura a traliccio di tubi di acciaio introdotta sulla serie TRK.

Tuttavia la cosa più interessante è appunto il motore. E' il primo della marca con schema V2 dopo il più piccolo 300 visto sulla cruiser da poco presentata con il marchio QJ Motor.
La cilindrata dovrebbe attestarsi attorno ai 650 cc, la V fra i cilindri parrebe di 90° e la distribuzione è di tipo bialbero.

Soprattutto, da quel poco che si vede, l'unità montata ricorda moltissimo il motore Suzuki 650 delle varie SV e V-Strom; un motore che eroga poco più di 70 cavalli di potenza in configurazione Euro 5.
Su questo aspetto, sulla possibilità che monti una meccanica Suzuki o da essa derivata, è naturalmente difficile fare delle ipotesi: si sa ancora troppo poco del nuovo progetto.

Non si sa neppure se sarà utilizzato con il marchio Benelli o QJ Motor, lo spazio per il badge sul serbatoio è lo stesso, ma è noto come i modelli dei due marchi utilizzino le stesse piattaforme motore/telaio con differenze nell'equipaggiamento ciclistico e poco più.

E va ricordato, per restare in tema di collaborazioni con marchi affermati, che Qianjiang Motorcycles e MV Agusta un anno fa siglarono un accordo commerciale e pochi giorni dopo, al CIMA 2020, nello stand di QJ venne esposto un quattro cilindri in linea del tutto simile al penultimo 998 cc di MV: allora si parlò di una futura motorizzazione per la gamma Qianjiang.

Al momento la Benelli TRK 502 continua a vendere bene e si sa che è imminente la presentazione della TRK 802, sempre con il motore due cilindri in linea. Una cilindrata intermedia e una diversa definizione stilistica, come quella appena depositata, probabilmente troverebbero spazio all'interno dell'attuale listino Benelli.
Staremo a vedere.

fonte immagini CycleWorld 

  • fabrizio.bigliardi, Boretto (RE)

    Cinesi o no avranno prezzi bassi e aumenteranno la platea di quelli che andranno e ritorneranno in moto perché adesso se lo potranno permettere con una estetica e cilindrata piacevole e che ricorda moto più rinomate. È il mercato che farà la cernita tra chi venderà e chi no, non le nostre opinioni. Trk500 è la moto più venduta in Italia, i numeri signori, i numeri sono quelli che parlano da soli, sono la realtà e o vi rintanate nella caverna o aprite gli occhi. Il movimento ne sta beneficiando in toto grazie a queste opportunità poi se hai i soldi ti prendi la moto da 15000 ma rispettiamo anche quello che gira con quella da 1000 , siamo o no dei motociclisti?
  • PISTO12, Prato (PO)

    Sono sempre più convinto che mi faranno smettere di andare in moto..
    A me ste cinesate non piacciono, ma per niente.
    Ma capisco anche chi non può o gli sembra eccessivo spendere 15.000€ per una moto italiana.
Inserisci il tuo commento