Tourist Trophy 2024: Hickman vince la Superbike con un doppio colpo di scena!

Tourist Trophy 2024: Hickman vince la Superbike con un doppio colpo di scena!
Antonio Privitera
  • di Antonio Privitera
Dunlop fa segnare il miglior tempo di sempre per una Superbike, domina per 4 giri ma non basta: vince Hickman, secondo Todd e terzo Dean Harrison. Gara straordinaria, 360 km di emozioni
  • Antonio Privitera
  • di Antonio Privitera
2 giugno 2024

Se vi avessimo raccontato di una gara dove una moto in odore di podio rifiuta di riavviarsi dopo un pit stop e dove il pilota in testa si ferma a bordo tracciato per sistemare la visiera mentre la gara è in corso, ci accusereste di clickbait. Invece è il TT, che nella Superbike di oggi ha dato vita a una emozionante odissea che ha tenuto banco per tutti i 6 giri (da oltre 60 km) della corsa.

 

Naviga su Moto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Partita regolarmente e con il mitico John McGuinness al numero 1, la gara delle Superbike è vissuta immediatamente sulla volontà di Dean Harrison di fare il massimo per portare a Honda Racing UK quella vittoria che in SBK manca da un po'. Davey Todd da parte sua ha forzato fin dal primo giro (era forse l'unico a mettere il gomito a terra al Bungalow), James Hillier era in cerca di riscatto dopo una Supersport agrodolce, allo stesso modo di Peter Hickman la cui gara di ieri aveva riservato prestazioni sottotono, ma era Michael Dunlop che, partito con il suo consueto numero 6, ad aver messo in mostra una supremazia concreta.

In testa per il primo giro, Davey Todd viene presto agguantato da Michael Dunlop che macina tempi record settore per settore: un rullo compressore. Nel frattempo Hickman non forza oltremodo, ma tiene la posizione con un breve ritardo causato anche dal primo pit stop. Con Todd e Harrison alle spalle, Dunlop continua a spingere segnando il nuovo record (provvisorio) per le SBK ma il dramma lo attende al secondo pit stop: un meccanismo di chiusura della visiera non è chiuso correttamente dopo la sostituzione e il pilota di Ballymoney è costretto a fermarsi poche decine di metri dopo essere uscito dalla pit lane per sfilarsi casco e guanti e sistemare correttamente la visiera, perdendo tutto il vantaggio accumulato (oltre 25 secondi) su Todd e Hickman. Allo stesso pit stop la moto di Todd rifiuta inizialmente di avviarsi per ripartire con qualche secondo di ritardo.

 

"Hicky" a questo punto diventa più incisivo (anche se nel dopo gara ammetterà di non aver saputo delle difficoltà di Dunlop) ed è fatta: va a vincere a gara con 5,8 secondi di vantaggio su Todd e ulteriori 5,2 secondi sulla Honda di Dean Harrison. Molto onestamente, Peter in un'intervista dopo la gara parlerà di "doppio regalo", anche se la vittoria del pilota FHO Racing BMW è tutt'altro che non meritata visto che ha girato con un best lap di 135.534mph (Todd ha ottenuto un 135.664mph). Per il pilota britannico è il 14esimo TT vinto, alla pari adesso con Mike Hailwood!

E Dunlop? Nonostante tutto MD6 è arrivato quarto, ottenendo nell'ultima parte della gara il record per una Superbike con 135,970mph! Certamente deluso, ma sono cose che capitano al TT e certamente il nordirlandese avrà le prossime gare per tentare l'assalto al primato assoluto di vittorie al Tourist Trophy (27) che ormai è a un passo.

Argomenti

Ultime da News