l'editoriale di nico

Nico Cereghini: "Quanti tedeschi in Italia! Ma c'è sotto l'inganno...!"

- Non sono mica turisti della Baviera: sono italiani come noi. Però più furbi. Un bel sistema per sfuggire al fisco e non pagare le multe… | N. Cereghini


Ciao a tutti!
Avete notato quante targhe svizzere e soprattutto tedesche sono appiccicate alle auto che circolano per le nostre città? Milano, per dire della mia, pare diventata una enclave di Monaco di Baviera o di Zurich, festosamente dislocata a sud delle Alpi.
Bella lì, uno pensa che finalmente abbiamo un po’ di turisti crucchi e rossocrociati, gente che viene a vedere le meraviglie naturali e storiche della nostra bella penisola, tanti bei soldi utili al bilancio dei pagamenti. E invece macché: sono tutti italiani doc come voi e come me. Ma molto più furbi.

I soliti furbi. Il fisco non infila la loro Mercedes nel redditometro. E delle multe se ne fottono allegramente


Non lo sapevo, sono proprio un fesso e me lo dico da solo, ma è di moda accendere il leasing con società svizzere e tedesche. I vantaggi –mi dicono i bene informati- sono almeno due.
Primo, il fisco non infila la tua Mercedes o la tua Porsche nel redditometro, non “vede” il tuo tenore di vita e hai tante possibilità in più di passare inosservato. La macchina è intestata alla società di leasing, come capita con le compagnie nazionali, ma non è immatricolata in Italia e dunque non è registrata al PRA: così che accertare l’utilizzatore del bene diventa più complicato.

Seconda motivazione: delle eventuali multe te ne fotti allegramente. Le ignori, le snobbi, le deridi, le saltelli, non le paghi: perché chi ti becca in Germania?
La prassi per individuarti è lunga, elvetici e tedeschi non hanno tutta quell’ansia di far da sponda, e la pratica va in prescrizione. Ecco perché vedo in autostrada i tedeschi e gli svizzeri che vanno a duecento sghignazzando sotto il Tutor! Già ero un po’ adirato con gli Svizzeri, che ci impallinano con le multe quando andiamo da loro; ma adesso sono proprio incazzato.

Targa tedesca, auto di rappresentanza e via! A palla in autostrada, sghignazzando sotto il Tutor...
Targa tedesca, auto di rappresentanza e via! A palla in autostrada, sghignazzando sotto il Tutor...


Perché sono due le posizioni che uno può prendere di fronte a questa scoperta. Indignarsi come a me viene spontaneo, oppure fermarsi “un attimino”, riflettere sul pro e sul contro, e poi concludere che i furbi alla fine vincono sempre e che la mancanza di scrupoli è un optional del tutto inutile. E che allora è molto meglio stare zitti, far finta di niente, e comprare la prossima moto o auto con la targa tedesca. Con il leasing straniero, alla faccia di chi le multe le paga, le tasse le paga, anzi ne paga di più perché gli atri evadono.

Una magra consolazione? Il mio desiderio è discutere molto presto con uno di questi finti-germanici, magari per stupide questioni di viabilità, e divertirmi ad insultarlo in tedesco (ne conosco un bel po’ di parolacce crucche) per vedere l’effetto che fa.
Ma se avete qualche idea migliore fatemi sapere.
 

  • maxmazzoni, Roma (RM)

    Caro Nico, ma come fate ad essere tutti così ciechi?
    perché un appassionato come me, che magari si compra , usata, un'auto tipo m3 o similari, che oggi trovi a circa 25000 euro, ossia meno di una qualsiasi auto media, sicuramente non da ricchi furbacchioni, deve essere costretto a pagare circa 3500 euro da un governo scellerato e ladrone?? allora diamo la stessa tassa a chi ha una casa in montagna. Hai una casetta in montagna del valore di 250.000 euro? bene paga il 15% all'anno in tasse, ossia 37.500 euro.
    casetta al mare? stesso discorso
    il superbollo è follia perché colpisce gli appassionati non i ricchi.
    E tu dovresti capirmi e farti portavoce dei tanti appassionati
  • ivan200904, Salò (BS)

    targa tedesca

    chiedetevi perche si arriva a tutto cio?se ci fossero meno tasse e meno persecuzioni sulla gente solamente per un auto crossa di cilindrata ,,,e poi per non finire il superbollo questo giustifica il caso!!!
Inserisci il tuo commento