lettere alla redazione

Quanti jolly avrò ancora da giocare?

- E' un titolo provocatorio, ma è così che inizia la mail di Alessandro. Ci scrive per sfogarsi con noi sui rischi che corre oggi un motociclista. Ma sono i dubbi di tutti, chi più chi meno. Vi diciamo come la pensiamo noi
Quanti jolly avrò ancora da giocare?

La nostra vita vale meno di un messaggi vocale mandato dal solito aumotobilista su WhatsApp? Certo che no, caro Alessandro. Ma le tue riflessioni, i tuoi dubbi angosciosi sono comuni a molti di noi. Oserei dire a tutti.
Tanto che oggi, nella consueta riunione di redazione, abbiamo a lungo parlato della tua mail. Anche con chi - primo in Italia - ha messo al primo posto la sicurezza dei motociclisti nel suo quotidiano parlare di passione per la moto. Ci riferiamo ovviamente a Nico Cereghini. E non uso il termine passione a casaccio. Ma torneremo dopo su questo punto. 
Ora, autorizzato da Alessandro Bulgarini, condivido con voi la sua lettera. Una lettera che contiene tanti spunti e fa pensare.

Alessandro Bulgarini
Alessandro Bulgarini

La lettera di Alessandro

"Ciao Andrea,
ti avevo scritto poco prima di acquistare la mia CB500X, mi avevi risposto che Nico l’aveva provata, leggere anche quell’articolo mi aveva fatto scegliere la mia CB. Sono passati due anni ed oltre 30.000 km fatti su due ruote, ed al posto della CB ora in garage ho una Tracer7, con cui già percorso oltre 11.000 km e lo scorso agosto sono arrivato fino a Gibilterra (in solitaria, mi piace viaggiare così). Ho pensato molto se scriverti o meno, ti chiedo già scusa per il pippone che probabilmente farò.
Come puoi vedere dalle foto lo scorso weekend sono stato a fare un giro, lago dì Resia, Umbrail Pass e diversi altri passi svizzeri, ed ovviamente sua maestà il Passo dello Stelvio.Quando sono arrivato su, un po’ infreddolito (c’erano zero gradi, non erano neanche le 10 del mattino!), mi sono sentito molto fortunato, c’erano pochissime persone, ho chiuso gli occhi e mi sono goduto il momento, per me era poesia pura.
Come hai notato, ho fatto tanti km negli ultimi due anni, l’anno prossimo sogno la meta di ogni motociclista (anche se non mi sento tale, non amo le etichette), Capo Nord, ovviamente sempre in solitaria. Riuscirò a partire? Riuscirò ad arrivare? E a tornare?
Nelle ultime settimane, ho dovuto giocare qualche jolly dì troppo, ed è da questi che nasce il mio bisogno di scriverti, forse più per me, per buttare fuori.

Ormai mi stupisco dì più delle persone che mi danno la precedenza, che non mi tagliano la strada e anzi favoriscono un sorpasso, li ringrazio sempre, salutandoli con lo stesso  saluto con cui saluto le altre moto che incrocio. Abito in un paesino, uno in pieno centro non si è neanche degnato di fermarsi allo stop e non ha dato la precedenza, se non fossi stato attento gli sarei finito dentro… mi ha anche insultato… lui!

Ma quello che mi ha portato qui a scriverti è successo a un semaforo. Sono il primo della fila, alla mia destra una via a senso unico molto stretta, in mezzo a due palazzi d’angolo. Ci passo tutti i giorni nel tragitto casa lavoro. Aspetto pazientemente il verde, non vedo chi arriva, lo so bene, sono sei anni che passo di li. Verde, prima, parto… oh caxxo, uno che arriva sparato da dietro i palazzi. Mi butto sulla destra, freno, evito l’impatto, respiro.
Con la coda dell’occhio ho visto la macchina ed anche chi la guidava, con il telefono in mano davanti alla bocca intendo a mandare un vocale e l’altra a fare una curva, con il rosso ovviamente. La macchina dietro di ma che gli suona. Io respiro. Poi riparto e vado verso l’ufficio, inutile andargli dietro… anzi… sarebbe stato solo un ulteriore pericolo.
Davvero la mia vita vale il vocale dì questa persona? Davvero la mia vita vale il mancata precedenza? Quanti jolly avrò ancora da giocare?
Io spero dì poter fare il mio viaggio, dì raggiungere la mia meta… lo spero… ma…
Un abbraccio, Ale"

 

Nico Cereghini (qui con Gix e il Perfetto): il suo motto è più attuale che mai. Prudenza, sempre!
Nico Cereghini (qui con Gix e il Perfetto): il suo motto è più attuale che mai. Prudenza, sempre!

La passione e il piacere sono il nostro motore

Alessandro, purtroppo i jolly continueremo a giocarli, però c'è molto che possiamo fare per non arrestare la nostra passione e il nostro piacere di andare in moto.
D'altra parte i rischi ci sono - come in tante, innumerevoli attività umane - ma tu rinunceresti a questa passione? Al senso di libertà, al divertimento e alla gioia che solo una moto può darti? E non mi riferisco alle prestazioni.
Ma agli odori, a quelle sensazioni magiche che la nostra due ruote ci sa dare ogni volta che partiamo. E non importa la meta, non conta la moto, vecchia o nuova che sia. Basta accendere il motore, allacciare il casco e partire. 

Tornando alla mia frase iniziale, c'è molto che possiamo fare. In primo luogo alzare la soglia di attenzione ai massimi livelli, cosa a cui i motociclisti sono abituati e allenati. Abbiamo il semaforo verde o la precedenza alla rotatoria? Non importa, guardiamo sempre che il campo sia libero e che ci abbiano visto. Proteggiamoci come Dio comanda. Oggi l'abbigliamento ci regala protezioni inimmaginabili 15 anni fa. Usiamole.
E la prudenza. Nico Cereghini ne ha fatto un motto, facciamolo diventare nostro ogni volta che usiamo la moto. E ripetiamolo ad alta voce quando chiudiamo la visiera del casco: prudenza, sempre!
Buon viaggio a tutti. Anche a te, caro Alessandro. E viva la nostra comune passione per la moto.

  • Grildrig, Garbagnate Milanese (MI)

    L’argomento è tra i più ricorrenti: quanti maleducati e incoscienti sulle nostre strade!
    Stiamo attenti perché quando ci mettiamo in strada ci sono quelli che minacciano la nostra incolumità con comportamenti irrispettosi del CdS e di ogni regola di buon comportamento o di semplice (e sovra citato) buon senso. Non se ne può più e quasi quasi rinunceremmo ad utilizzare la motocicletta (tutta cromata – 10 hp) perché il rischio è alto e chi ce lo fa fare?
    Ma al cuor non si comanda ed ultimata la vestizione, scaldato il propulsore, si monta in sella e clok messa la 1a, salgono le marce, i giri, la velocità, il piacere di viaggiare per le ampie distese del lombardo piano o verso dentate scintillanti vette, rotolando su strade immerse in ombrose selve.
    Come si può continuare a godere delle peculiarità della moto in sicurezza? Con un’adeguata formazione ed una completa informazione degli utenti, una continua vigilanza degli enti preposti alla sicurezza della circolazione (manutenzione di strutture e infrastrutture; verifica dell’osservanza delle regole del CdS), l’impiego esteso delle tecnologie di controllo di cui si dispone. Però se sosteniamo che la segnaletica stradale o altre regole di buon comportamento sono solo strumenti della P.A. per “fare cassa”, il patto di convivenza e reciproco rispetto che si instaura conseguendo una patente, si spezza. Si deve anche riconoscere che, a volte, in relazione ad alcune scelte di legge c’è da sorridere: non ti posso multare per il mancato rispetto del limite di velocità previsto dal segnale se prima non ti ho avvisato che ti avrei controllato … Sembra di essere in una farsa ed ottenere dei risultati positivi nel perseguimento dell’obiettivo sicurezza può divenire più difficile.
    Si ringraziano quei lettori che hanno autodenunciato piccole mancanze o distrazioni per la loro onestà intellettuale.
  • Fry56k7605, Gravina di Catania (CT)

    Io mi sento di affermare senza alcun dubbio, che la MOTO è il mezzo PIU' sicuro per viaggiare!!! Ma sono le STRADE che sono MOLTO ma MOLTO più pericolose per i MOTOCICLISTI!!! Ad iniziare da chi crede di saperla portare e non la GUIDA. E' la MOTO che ci porta a destinazione se noi la GUIDIAMO. Questo principio vale per TUTTI i mezzi di locomozione, compreso le nostre GAMBE in qualità di PEDONE. Per quanto ci riguarda da MOTOCICLISTA, penso che PRIMA di mettere la PRIMA: 1 - occorre aver indossato tutte le protezioni essenziali per proteggerci 2 - accendere il compiuter ed il radar di cui son dotati tutti gli esseri viventi chiamato ISTINTO di CONSERVAZIONE!!! (avete mai provato a prendere quella "stupida" di gallina, neanche https://www.google.com/url?sa=i&url=https%3A%2F%2Fen.terencehill.com%2Findex.php&psig=AOvVaw1Qnl1AcrSxmlyBGzd6BYvj&ust=1635621816840000&source=images&cd=vfe&ved=0CAwQjhxqFwoTCNCs5pys8PMCFQAAAAAdAAAAABAD ci è riuscito. Fate finta che al posto di Terence ci sia la Dea Bendata che vi aspetta ad ogni incrocio, curva cieca o no, buche ed avvallamenti improvvisi, asfalto usurato e reso viscido in un particolare punto perchè all'ombra con la BRINA o peggio ghiacciato, una MUCCA, pecora, cane, ma anche un bimbo che scappa dalla mano della mamma o vostra nonna col bastone che cammina ed attraversa la strada di traverso ecce tenetevi pronti ad utilizzare gli air-bag braccia e gambe e piedi PROTETTI, dando calci e pugni per attutire il più possibile un eventuale impatto con la TESTA protetta a dovere da un buon casco integrale. 3 - andate con i vostro passo, e lasciatevi andare dove il cuore vi porta.
Inserisci il tuo commento