Attualità

MV Agusta e Loncin sciolgono l'accordo

- A raccontarlo è Timur Sardarov in una intervista rilasciata al quindicinale Motorrad. I primi modelli sarebbero dovuti vedersi nel 2021
MV Agusta e Loncin sciolgono l'accordo

Nel luglio del 2019 MV Agusta aveva siglato un accordo a lungo termine con la cinese Loncin Motor.
Il primo obiettivo era di presentare entro il 2021 quattro nuovi modelli bicilindrici, progettati in Italia e prodotti in Cina, fra i 350 e i 500 cc.

Un accordo che avrebbe permesso a MV di ampliare la propria offerta aprendo a segmenti e mercati nuovi, e a Loncin di ricevere da MV un contributo in termini di know-how a vantaggio del proprio marchio di punta VOGE, attivo nell'export e con ambizioni di arrivare a una gamma di 800 cc.

Una recente intervista rilasciata da Timur Sardarov, CEO di MV Agusta, al quindicinale tedesco Motorrad informa però che quell'accordo è stato sciolto.
Fra i motivi citati ci sarebbero le difficoltà a collaborare attivamente con la Cina nel periodo di pandemia e il relativo blocco dei lavori durato quasi un anno.

Tuttavia il marchio di Varese non avrebbe rinunciato a espandersi nelle cilindrate medie e medio piccole in Asia e – scrive il giornale tedesco - starebbe lavorando a una alternativa a Loncin in Cina India.

Timur Sardarov
Timur Sardarov

Lo scorso mese di settembre MV Agusta ha annunciato la nascita di una partnership strategica con QJ Motor per la distribuzione dei propri modelli in Cina attraverso la rete di vendita QJ.
La casa madre di QJ, Qianjiang Motorcycle, come è noto controlla anche Benelli.

A pochissimi giorni dall'annuncio dell'accordo MV-QJ Motor, durante la conferenza stampa di Qianjiang alla fiera di settore CIMA (China International Motorcycle Trade Exhibition), elencando le nuove piattaforme motore per i propri marchi era stato mostrato fra gli altri un quattro cilindri 1.000 di chiara origine MV, il segnale di un rapporto già avviato.

Nella stessa intervista rilasciata a Motorrad citata all'inizio, Sardarov ha confermato il programma della nuova famiglia a tre cilindri di 950 cc (di cui aveva già dato notizia a Moto.it nell'aprile del 2020), famiglia che inizierà a vedersi a fine 2022 e che dovrebbe arrivare in vendita nel 2023 con il primo modello adventure.

fonte motorradonline

  • andrea.matteo, Biella (BI)

    HD, AMG, Loncin, mo nella stessa famiglia Benelli,

    ma sta benedetta MV riesce ad andare d'accordo con qualcuno?

    oppure sa fare solo infinite serie limitate ...

    considero la Turismo Veloce la più bella moto del suo segmento,
    ma non mi passa manco nell'anticamera del cervello l'idea di comprarla,
    a parte la questione affidabilità-longevitá è proprio "l'andazzo" MV che non mi ispira fiducia,

    personalissima opinione.
  • conterapo, Firenze (FI)

    Egregio Sig. Timur, Lei ha per le mani un blasonato marchio di moto che è ancora ricordato per tutte le vittorie conquistate nel motomondiale ( nel 1976, al Mugello, classe 350cc, quando Ago accese la tricilindrica, ne seguì un boato di appassionata approvazione ad accompagnare il rombo dell'unico 4 tempi tra le "zanzare" due tempi), ma che attualmente, non dispone dell'appeal che le moto da corsa possono offrire al marchio MV. In "moto2" MV arranca, in SBK vi siete autoesiliati, nella Supersport SBK il valido progetto 675cc non riesce a fare il salto di qualità. Nessuno chiede a MV di competere ad armi pari con le 4 sorelle jap, ma dare uno sguardo a cosa è riuscita a fare KTM, non sarebbe una cattiva idea, senza imitare, chiaramente. Le moto di MV costano uno sproposito, vedi la "turismo veloce 3 cilindri 800cc" superaccessoriata dal prezzo praticamente uguale a quello della Multistrada 1200cc di Ducati full optional .... ecco, qualcosa non torna. Riposizionare economicamente le moto in produzione e investire in moto SBK, ad esempio, con una quadricilindrica derivata dallo stupendo motore F4, servirebbe a fare vetrina, per il resto, mi scuso se mi sono permesso di obiettare. Ci pensi, lasciare la pista delle SBK è stato un errore madornale!Saluti.
Inserisci il tuo commento