Regolamenti MotoGP

MotoGP: stop a prove deserte e bandiere ignorate

- Nei meandri delle modifiche regolamentari due variazioni risolvono altrettanti problemi che hanno afflitto la MotoGP: prove libere bagnate senza piloti in pista e bandiere non viste o ignorate
MotoGP: stop a prove deserte e bandiere ignorate

 La "patente a punti", come l'ha spiritosamente ribattezzata qualcuno, non è l'unica vera novità introdotta dalle modifiche regolamentari deliberate ieri dalla GP Commission. A voler essere maligni, anzi, proprio il sistema a punti appare poco più che un proforma a titolo di contentino per chi accusa gli organizzatori di usare due pesi e due misure nella valutazione delle infrazioni da parte di piloti più o meno amati. La discrezionalità nell'assegnazione dei punti di penalizzazione (ovvero il non aver quantificato con precisione quanto "pesi" ogni infrazione), siamo pronti a scommetterlo, offrirà ampi spunti di polemica.

 

Guardandola in positivo possiamo scherzare sul fatto che il pilota più chiacchierato del momento, in termini di eccessi di agonismo in pista, sia Marquez. Viste le rimonte in cui si è esibito a Valencia e Motegi, le partenze dal fondo della griglia o dalla corsia box in cui incapperebbe in caso raggiungesse quattro o sette punti di penalizzazione potrebbero vivacizzare gare della MotoGP in disperato bisogno di spettacolo ed incertezza.

 

Viste le rimonte in cui si è esibito Marquez a Valencia e Motegi, le partenze dal fondo della griglia o dalla corsia box in cui incapperebbe potrebbero vivacizzare le gare

Tornando seri, vale la pena di sottolineare come due norme - una sportiva, in vigore già dal prossimo anno, e una tecnica, che arriverà nel 2014 - dovrebbero risolvere, o provare a farlo, altrettanti problemi che affliggono la MotoGP. Il primo è quello di prove libere disputate sul bagnato e disertate da tutti i piloti ufficiali, il secondo nasce dall'annosa questione della visibilità di bandiere e comunicazioni di sanzioni da parte della direzione gara.

 

Prove libere: obbligatorio girare. E forte.

Partiamo dall'inizio. Da quando i piloti della MotoGP possono utilizzare un massimo di sei propulsori per stagione ha preso piede la sgradevole abitudine di non girare quando piove durante le prove libere, considerate poco più che inutili soprattutto se le previsioni indicano per la gara altre condizioni. Così facendo i piloti in sella alle "vere" MotoGP risparmiano motori non sottoponendoli ad usura, ma soprattutto evitano che una banale scivolata - evento le cui probabilità aumentano decisamente con fondo bagnato - possa arrostire un prezioso propulsore.

 

I venerdì di pioggia ci hanno abituato allo spettacolo (si fa per dire...) del vedere in pista le sole CRT, che in una stagione di motori ne possono cambiare 12 ma soprattutto approfittano della visibilità garantita dall'essere le uniche a girare. Un disastro tanto per i diritti TV quanto per l'immagine, per non parlare dei poveri spettatori seduti in tribuna già dal primo giorno nella prevedibile speranza di veder girare - senza nulla togliere agli altri - i top rider.

 

Ora è necessario ottenere un tempo inferiore al 107% del miglior tempo in una delle quattro sessioni di libere per poter accedere alle qualifiche. La cosa forse non basterà ad obbligare i piloti a scendere in pista al venerdì (a meno che le previsioni per il giorno dopo non siano catastrofiche), ma dovrebbe convincere quasi tutti a fare qualche giro tirato almeno al pomeriggio per evitare di restare con il cerino in mano sabato mattina.

Le uniche eccezioni concesse, infatti, saranno per i sostituti che verranno "sparati in sella" ad una qualche MotoGP priva del titolare. Ammesso e non concesso, certo, che una massiccia non ammissione dei piloti della MotoGP alle qualifiche di un GP non spinga la Dorna a concedere ulteriori deroghe (e a perdere la faccia...)

 

Bandiera gialla? Sul transponder

Lo splendido cruscotto TFT della Ducati D16
Lo splendido cruscotto TFT della Ducati D16

La seconda modifica di cui parliamo, stavolta al regolamento tecnico, diventerà obbligatoria solo nel 2014 ma porrà auspicabilmente finalmente fine a situazioni in cui i piloti non vedevano (o facevano finta di non vedere) bandiere o segnalazioni sul traguardo da parte dei box o della direzione gara.

 

I nuovi transponder, che verranno forniti già a partire da quest'anno, saranno in grado di mostrare sulla strumentazione delle moto informazioni aggiuntive e segnalazioni al pilota, fra cui le bandiere esposte. Il che significa che già dal 2013 chi vorrà potrà adottare cruscotti compatibili, e che nel 2014 non ci saranno più scuse. Che reggano, intendiamo...

 

  • CivClandestino, Roma (RM)

    regole o non regole...

    ...io c'ho messo una pietra sopra. mi sono arreso al desolante spettacolo a cui la Dorna e i "pretenziosi" sponsor e factory ci stanno costringendo ad assistere. E la gara in tv non la guardo più. Così il mio motogp me lo faccio da solo in compagnia degli amici quando partiamo per il fuori porta domenicale tra alto Lazio, Abruzzo e Toscana: dove ci divertiamo, ci sfidiamo, scegliamo percorsi e così via fino alla prima trattoria dove, tra una lasagna e l'altra, chiaccheriamo sulla motogp e aspettiamo il 2013..
  • ManiacRazzo, Caslino d'Erba (CO)

    Tristezza....

    .....Sempre peggio!!! Presto saremo ridotti a seguire gare in stile F1..... Mamma che tristezza
Inserisci il tuo commento