Bollo per moto d'epoca e youngtimer: resta l'esenzione. Cancellato l'emendamento

Bollo per moto d'epoca e youngtimer: resta l'esenzione. Cancellato l'emendamento
Pericolo scampato per le moto con età da 20 a 29 anni per le quali un contestato emendamento prevedeva l'abolizione degli attuali benefici fiscali
2 dicembre 2021

L'Italia è uno dei pochi paesi europei ad avere una imposta legate al possesso di un veicolo.
Esisteva da alcuni anni, ed è stata reitrodotta nel 2019, una agevolazione fiscale che riguarda le auto e le moto. Attualmente se queste sono certificate e registrate di interesse storico e collezionistico, di età compresa fra i 20 e i 29 anni per le quali è prevista la riduzione del bollo del 50%.

Oltre i 30 anni il bollo non è dovuto, purché non si tratti di mezzi adibiti a uso professionale, ma si paga una tassa di circolazione forfettaria che anche in questo caso ha alcune eccezioni, vedi la Lombardia che non la richiede, di circa 30 euro l'anno se il veicolo viene utilizzato. E sempre che i mezzi risultino iscritti nei registri storici di ASI, FMI, Storico Fiat, Storico Lancia e Storico Alfa Romeo.

L'agevolazione prevista per i mezzi dai 20 ai 29 anni sarebbe stata però abolita dall'emendamento 7.0.20 proposto nel Decreto legge fiscale in discussione in questi giorni. Una proposta che aveva sollevato numerose contestazioni.
Nella seduta serale del 30 novembre delle Commissioni Finanza e Lavoro del Senato l'emendamento è stato ritirato.

Del resto, come sottolinea l'Automotoclub Storico Italiano (ASI) per voce del suo presidente Alberto Scuro, “I veicoli ventennali che godono oggi di questa agevolazione sono lo 0,15% del parco veicolare totale e l’1,14% del parco veicolare ventennale: numeri che non giustificano azioni penalizzanti a fronte di ciò che essi sono in grado di produrre in termini di sviluppo culturale, turistico ed economico, generando scenari occupazionali importantissimi. Tutelarli è un nostro preciso dovere e non incide minimamente sul necessario rinnovamento del parco veicolare circolante”.

Nella Legge finanziaria 2019, dopo che tra il 2015 e 2018 erano state eliminate le tutele per le youngtimer, era stato ottenuto un abbassamento della pressione fiscale che, ricorda sempre Scuro, avrebbe causato la dispersione di parte del patrimonio motoristico nazionale e l’indebolimento dell’indotto.
Anche dal punto di vista ambientale l'incidenza di questi veicoli è modesta visto a percorrenza annua contenuta.

Alla fine stavolta ha prevalso il buon senso.

Da Automoto.it

Caricamento commenti...