Bmw

BMW all'EICMA

- La F 800 R è una Roadster sportiva sviluppata per esaltare il divertimento di guida, ma allo stand BMW dell'Eicma vedremo anche un'interessante concept bike: la Lo Rider


Nel 2006, con l'arrivo della Serie F 800, BMW Motorrad è entrata per la prima volta nel segmento delle medie cilindrate. Dopo la sportiva F 800 S, e la turistica F 800 ST, nel 2007 hanno debuttato la F 800 GS e la F 650 GS, due Enduro che hanno completato la gamma GS della famiglia BMW.
Con il lancio, all'Eicma 2008, della F 800 R BMW Motorrad compie il passo successivo: la F 800 R è una Roadster sportiva sviluppata per esaltare il divertimento di guida. Si posiziona tra le affermate Naked della famiglia BMW la R 1200 R e K 1300 R.


BMW F 800 R
Il propulsore della F 800 R è il bicilindrico parallelo con testata a quattro valvole per cilindro e 798 cm³ di cilindrata.
Il potente bicilindrico in linea, visto sui precedenti modelli della famiglia F 800, aveva mostrato le sue doti di elasticità, prontezza di risposta e bassi consumi: adesso, grazie alla nuova cinematica delle farfalle, è stata ottimizzata la rapidità di risposta e l'accelerazione.

Il propulsore ha una potenza di 64 kW/87 CV a circa 8.000 giri/min. e una coppia di 86 Nm a circa 6.000 giri/min. La compensazione delle masse del bicilindrico avviene attraverso un sistema tuttora esclusivo nel panorama della produzione motociclistica: una biella che compensa le forze d'inerzia di primo e di secondo ordine, in modo da ridurre al minimo le vibrazioni del bicilindrico, migliorando il comfort per pilota e passeggero.

Il design della nuova F 800 R ha numerosi punti di contatto con la nuova K 1300 R: sin da ferma la F 800 R si presenta estremamente aggressiva.
Inoltre, dal punto di vista dinamico, la rapportatura più corta dalla quarta marcia in poi assicura un'ottima progressione, garantendo una dinamica esaltante.
Tutte le caratteristiche tecniche della nuova F 800 R sono state scelte e sviluppate in coerenza con la tipologia di moto: peso a secco di soli 182 kg, circa 204 kg in ordine di marcia, la ciclistica con forcella tradizionale e forcellone oscillante e la trasmissione finale a catena.
La ciclistica assicura elevata maneggevolezza, agilità e precisione di guida ed il massimo divertimento di guida su strade aperte ricche di curve.

Christian Pfeiffer, Campione del Mondo di Streetbike-Freestyle, già da 2 anni si allena e partecipa alle principali competizioni internazionali su una moto strettamente derivata dalla F 800 S, a testimoniare le qualità tecniche del prodotto, l'elasticità del motore e il bilanciamento pressoché perfetto della moto. A breve Chris si esibirà su una nuova moto, ora derivata dalla nuova F 800 R.

Il bicilindrico parallelo assicura grande dinamicità.
La nuova F 800 R è equipaggiata con il motore bicilindrico parallelo in linea con cilindri inclinati in avanti di 30 gradi. Il motore ha coppia in basso e doti di accelerazione, anche grazie alla nuova rapportatura del cambio.
La nuova Naked Bike di BMW monta un motore bicilindrico frontemarcia. Con fasatura dei cilindri a 360 gradi. Il motore è montato trasversalmente, rispetto alla direzione di marcia, la sequenza di accensione è regolare, ogni giro dell'albero motore viene seguito da un ciclo utile. La sonorità ricorda i motori boxer di maggior cubatura.
La sequenza di accensione regolare promuove soprattutto un ricambio equilibrato della carica e un alto sfruttamento della coppia, così come una guida regolare, soddisfando le premesse di un propulsore dinamico in una Naked Bike sportiva.

Compensazione delle masse per il massimo livello di comfort.
Le inevitabili forze d'inerzia di primo e di secondo ordine che si manifestano nei motori bicilindrici vengono neutralizzate da un sistema cinematico di compensazione, già visto sui modelli della serie F 800. La compensazione delle forze d'inerzia non avviene in modo tradizionale, attraverso degli alberi di equilibratura o contrappesi, ma attraverso un sistema composto da una biella di equilibratura sfasata di 180° rispetto ai pistoni e collegata al carter motore tramite un braccio oscillante. Tale biella è accoppiata ad una massa di equilibratura montata quasi orizzontalmente. La cinematica prevede che la biella di equilibratura si muova verticalmente in direzione opposta alle due bielle del motore. La guida attraverso il braccio oscillante relativamente lungo determina un movimento oscillatorio quasi verticale del piede di biella. La ripartizione delle masse sul piede di biella e sul braccio oscillante è impostata in modo tale che le forze d'inerzia risultanti dal movimento oscillatorio compensino le forze d'inerzia oscillanti del manovellismo (pistoni e parte della biella) in ogni posizione della manovella. Il risultato è l'eliminazione quasi totale delle forze d'inerzia di primo e di secondo ordine e un funzionamento del motore praticamente privo di vibrazioni. Un altro grande vantaggio di questa elegante costruzione è la sua bassa rumorosità perché vengono evitati i tipici rumori delle ruote dentate o delle catene.

Circuito dell'olio con lubrificazione a carter semisecco.
Anche il circuito dell'olio presenta dei dettagli tecnici raffinati e si distingue dallo standard della categoria. La serie di propulsori F 800 è stata concepita una lubrificazione a carter semisecco. L'olio lubrificante che proviene dai cuscinetti di banco viene convogliato in un vano isolato del sistema di compensazione. L'olio motore che si raccoglie in questa zona viene aspirato da una pompa dell'olio che lo rimette in circolo attraverso degli ugelli posti all'interno del gruppo cambio. L'olio che fuoriesce dai fori di passaggio del cambio viene raccolto insieme all'olio proveniente dalla testata cilindri, nello spazio restante del basamento nella zona sottostante il carter dell'albero motore. Questo spazio viene utilizzato come coppa dell'olio. Una seconda pompa utilizza questa riserva per alimentare tutti i cuscinetti.

Testata cilindri high-tech come negli attuali modelli K 1300.
La testata del motore della F 800 R ha due alberi a camme in testa, prendono il movimento da una catena, e comandano attraverso delle leve oscillanti quattro valvole per cilindro. Il comando valvole con bilancieri a dito, a basso coefficiente di attrito è adatto a regimi elevati oltre a consentire una corsa lunga delle valvole per migliorare il rendimento del motore, ma senza ricorrere ad una testata di grosse dimensioni. La limitata usura, inoltre, consente lunghi intervalli di manutenzione.

Iniezione con nuova cinematica delle farfalle.
Il motore bicilindrico è alimentato, come normale sui propulsori BMW, da iniettori, la gestione dello stesso è affidata al sistema BMS-K con due corpi farfallati da 46 millimetri. Il quantitativo di miscela che viene iniettato è calcolato non solo in base alla durata dell'iniezione ma considerando anche la pressione messa a disposizione dalla pompa della benzina secondo la potenza richiesta. Il sistema di alimentazione di carburante inietta solo il quantitativo effettivamente necessario, questa regolazione della mandata contribuisce a risparmiare corrente e consente di variare la pressione del carburante, così da ottimizzare la preparazione della miscela. Questa tecnologia, esclusiva sul mercato, è protetta da una serie di brevetti. Per misurare il quantitativo di carburante sono tenuti in considerazione diversi parametri: il carico, il numero di giri e la temperatura oltre al tasso residuo di ossigeno nei gas di scarico. Le informazioni vengono fornite da una sonda lambda posizionata a valle dell'unione dei collettori di scarico. Nella F 800 R viene applicata per la prima volta una nuova cinematica delle valvole a farfalla che migliora l'accelerazione e la risposta del propulsore. Gli ingegneri hanno raggiunto l'obiettivo di realizzare un motore con una risposta soft e gestibile con la massima precisione, soprattutto ai regimi inferiori. Inoltre, è stata dedicata particolare attenzione a un cambio di carico confortevole, conservando pero la rapidità di risposta.
L'aria aspirata necessaria per la formazione della miscela viene convogliata all'air-box attraverso un cornetto di aspirazione posizionato lateralmente al propulsore in maniera tale da usufruire di un flusso d'aria fresca.
L'air-box è posizionato sopra il motore, in quanto il serbatoio è stato spostato sotto la sella, questo consente di sviluppare un grande volume utile per avere una migliore disponibilità di coppia.

Nuovo impianto di scarico con catalizzatore separato.
Per la F 800 R è stato sviluppato un nuovo impianto di scarico con catalizzatore separato. A differenza della F 800 S, il catalizzatore non è più integrato nel terminale di scarico, in questo modo il terminale della F 800 R, in acciaio inox opaco, è più corto contribuendo all'immagine dinamica e sportiva della nuova Roadster BMW. La gestione motore è stata adeguata alla nuova configurazione.
Un sistema di aria secondaria arricchisce i gas di scarico con dell'aria fresca, così da ridurre al minimo le emissioni di gas nocivi attraverso una postcombustione in combinazione con il catalizzatore.

Motore elastico e ricco di coppia.
Il motore a quattro valvole per cilindro ha un rapporto di alesaggio/corsa di 82,0 a 75,6 millimetri, è rapido nel salire di giri e sviluppa già a 5.000 giri/min. il 90% della coppia massima. Tra i 5.000 e gli 8.000 giri/min. il motore spinge rendendo appagante la guida sportiva.
Il motore di 798 cm³, ha una potenza di 64 kW/87 CV a 8.000 giri/min. e una coppia di 86 Nm a 6.000 giri/min.

Rapportatura del cambio ottimizzata per aumentare il divertimento di guida.
Mentre la rapportatura delle prime tre marce è identica a quelle della F 800 S, dalla quarta alla sesta la rapportatura è stata accorciata per essere più adatta alla destinazione della moto: la guida su strade extraurbane ricche di curve.
Pur assicurando divertimento di guida e prestazioni il consumo del propulsore è rimasto molto contenuto ed è il riferimento della categoria. Nella guida su strade extraurbane è possibile percorrere 100 chilometri con meno di 5 litri di benzina, il serbatoio da 16 litri consente un'autonomia di circa 300 chilometri.
BMW Motorrad fornisce ex fabbrica senza sovrapprezzo anche una versione a potenza ridotta a 25 kW/34 a circa 7.000 giri/min. e 55 Nm a circa 3.500 giri/min., per i neopatentati. La riduzione della potenza avviene attraverso un meccanismo delle valvole a farfalla modificato che ne limita l'angolo di apertura.

Trasmissione finale a catena.
Coerente con la destinazione d'uso della moto è la trasmissione finale a catena, questo sistema richiede minimi interventi di manutenzione e accentua inoltre il carattere della Naked Bike.

Motore e ciclistica formano un'unione perfetta.
Per ottenere un collegamento il più possibile diritto tra cannotto di sterzo e fulcro del forcellone, è stato utilizzato il telaio in alluminio della F 800 S estremamente resistente alle torsioni. Al fine di ottimizzare il peso e l'ingombro, il motore è integrato come elemento portante nella ciclistica: il basamento rinforzato nella sezione posteriore è contemporaneamente il supporto del braccio oscillante con quattro cuscinetti ad aghi. Il blocco motore è imbullonato al telaio sopra il forcellone. Il telaietto posteriore, in tubi d'acciaio, è quasi identico a quello della F 800 S ed è collegato al telaio di alluminio attraverso quattro perni.

Nuovo forcellone posteriore.
La nuova F 800 R è equipaggiata con un forcellone. A differenza dei monobracci oscillanti, la struttura è in lega leggera e dona alla moto un look agile e sportivo.
Nella F 800 R all'anteriore c'è forcella telescopica con steli dal diametro di 43 millimetri con una sostanziosa sovrapposizione del fodero della forcella e dello stelo. La solidità delle sospensioni influenza positivamente la stabilità di traiettoria e il comportamento di guida.
La nuova F 800 R si muove agilmente anche nei cambi di direzione più secchi, trasmettendo al guidatore feedback diretto per il massimo divertimento sulle strade ricche di curve. La taratura molla/ammortizzatore è adatta alla dinamica di guida, l'escursione anteriore di 125 millimetri è un ottimo compromesso tra comfort e tenuta di strada. L'ammortizzatore di sterzo è di serie.
La nuova piastra di sterzo superiore è in lega leggera fucinata; i riser del manubrio, anche essi fucinati, supportano un largo manubrio in lega a forma di cuneo. Il nuovo ammortizzatore di sterzo aumenta la stabilità di guida e la precisione dello sterzo.
L'eccellente dinamica di guida viene promossa dalla ripartizione equilibrata delle masse.
Al posteriore c'è un'ammortizzazione regolabile in estensione e, tramite un pomello facilmente accessibile, nel precarico della molla. La taratura molla/ammortizzatore è stata adattata alle esigenze della nuova F 800 R. Una chiave inclusa nel kit attrezzi aumenta la presa sul pomello, in modo che il motociclista possa adattare rapidamente e senza sforzo il precarico della molla alle sue esigenze. L'escursione è di 125 millimetri.

Design sportivo delle ruote.
La F 800 R riprende il design delle ruote «Speed» della F 800 S. Le ruote fucinate in lega leggera sono caratterizzate dalla valvola montata lateralmente che facilità il controllo della pressione dei pneumatici. La ruota anteriore dalle dimensioni 3,5 x 17" calza un pneumatico 120/70 ZR 17, mentre la ruota posteriore dalle dimensioni 5,5 x 17" consente di montare un pneumatico 180/55 ZR 17.

Impianto frenante Brembo.
La F 800 monta nella ruota anteriore due dischi da 320 millimetri e pinze dei freni a quattro pistoncini della Brembo. Le pinze dei freni funzionano con pastiglie in metallo sinterizzato, la leva è regolabile e ha un serbatoio separato. Al posteriore c'è un disco di 265 millimetri su cui lavora pinza flottante a mono pistoncino. I tubi dell'impianto frenante sono in treccia d'acciaio e assicurano un ottimo feeling alla leva.

ABS con nuovo sensore di pressione.
A richiesta, la F 800 R può essere equipaggiata con ABS. Il sistema BMW Motorrad ABS della F 800 R, nell'ultima release è stato ulteriormente ottimizzato attraverso l'utilizzo di un nuovo sensore di pressione ed ulteriormente alleggerito nel peso. Il nuovo sensore della pressione tiene conto dell'indole sportiva della F 800 R e consente l'intervento dell'ABS in maniera ancora più precisa.
Inoltre, il nuovo ABS offre ampliate funzioni di diagnosi: ad esempio, i sensori del numero di giri delle ruote sorvegliano automaticamente la distanza del sensore rispetto alla ruota e contribuiscono così all'elevatissimo livello di sicurezza.

Impianto elettrico con tecnologia CAN-bus.
L'impianto elettrico della nuova F 800 R funziona con il sistema CAN-bus che già equipaggia tutti i modelli della serie F, R e K. Il Single-Wire-System (SWS) offre numerosi vantaggi: riduce il cablaggio e consente di collegare in rete tutte le centraline semplificando così il processo di diagnosi. Inoltre sono stati così eliminati i fusibili tradizionali in quanto in caso di avaria di un componente il sistema disattiva automaticamente solo il componente difettoso. Grazie alla tecnologia CAN-bus l'antiavviamento elettronico è di serie sulla nuova F 800 R, come su tutti i modelli equipaggiati con questo sistema di gestione elettronica avanzato. L'approvvigionamento elettrico è assicurato da una batteria di 14 ampere e un alternatore dalla potenza di 400 Watt.

Design nuovo per la strumentazione combinata.
Il cruscotto con strumentazione analogica fornisce al guidatore le informazioni in modo chiaro e veloce. Per la nuova F 800 R sono state ridisegnate le lancette e adattate al look dinamico della F 800 R. BMW offre come optional un computer di bordo che comprende molte funzioni.
Il proiettore sdoppiato asimmetrico con coperchio in materiale sintetico trasparente già visto sulla F 800 GS conferisce alla nuova F 800 R un look sportivo ed aggressivo, riprendendo il design della K 1300 R, ed il family feeling BMW. Il proiettore è equipaggiato con due lampadine H7.

Nuovi comandi elettrici.
Analogamente ai nuovi modelli K 1300, anche nella F 800 R vengono utilizzati dei comandi e delle leve di una generazione completamente nuova. Grazie alla tecnologia MID (Molded Interconnect Devices = condotti stampati che sostituiscono i singoli cavi), i nuovi comandi sono più piccoli e compatti e offrono funzionalità ampliate. L'architettura dei tasti è più vicina allo standard a cui i tanti nuovi clienti BMW sono già abituati.
Le funzioni di lampeggiatori a destra e a sinistra sono state riunite in una funzione unica al lato sinistro del manubrio. L'attivazione del lampeggio di emergenza avviene attraverso un comando separato, montato ergonomicamente sul lato sinistro del manubrio. Le funzioni di luci anabbaglianti e abbaglianti e di devioluce sono state riunite in un comando unico, attivabile facilmente con l'indice sinistro.
Il pulsante che comanda il riscaldamento delle manopole (optional) è stato posizionato in alto, sempre sulla destra. Il livello di riscaldamento selezionato viene visualizzato allo schermo della strumentazione. Le funzioni di avviamento e di kill-switch sono state riunite in un tasto unico basculante.
La nuova configurazione tecnica consente di realizzare il doppio delle funzioni con un numero di comandi invariato. Questo è un elemento importante per l'introduzione di equipaggiamenti futuri.

Design da Roadster sportivo e dinamico.
La F 800 R mantiene il family feeling con i prodotti BMW Mototrrad, più accentuato è il legame con la K 1300 R.
Grazie ad una sezione posteriore dal look leggero e alla combinazione compatta di proiettore e strumentazione, la F 800 R si presenta corta e slanciata.
BMW Motorrad ha dedicato grande attenzione ai dettagli più importanti. Molti i particolari rivisiti: le lancette della strumentazione, la piastra superiore della forcella ed i riser del manubrio e,non ultimo, il manubrio che ha ora una sagoma cuneiforme.
Rispetto alla F 800 S l'altezza della sella è leggermente ridotta, un dettaglio che sarà apprezzato soprattutto da persone che risalgono in moto dopo una lunga pausa, da coloro che utilizzano la moto saltuariamente, dalle ragazze e dai neopatentati che potranno guidare la loro nuova moto con maggiore facilità. Se non bastasse è chiaramente disponibile, come optional, anche una sella in versione ribassata.

Optional e accessori specifici (in postmontaggio).
BMW soddisfa le richieste di personalizzazione non solo con gli optional montati in fabbrica, ma anche attraverso il programma di accessori specifici in postmontaggio. Gli optional e gli accessori specifici in postmontaggio sono stati sviluppati su misura per la F 800 R.

BMW Motorrad offre la F 800 R in tre colori.
La vernice bicolore Alpinwhite pastello e Schwarz lucido seta che riflette il trend attuale. La tinta Feuerorange pastello che esalta il look sportivo e provocatorio, mentre White aluminium metallizzato opaco crea un effetto moderno e tecnico.
In tutte le tre varianti cromatiche, il telaio, il forcellone ed il motore della F 800 R sono tenuti in nero. Insieme ai cerchi in lega verniciati anche in nero.
La molla dell'ammortizzatore posteriore di colore arancione crea un contrasto cromatico molto interessante.
Il gioco delle superfici colorate e nere accentua le nuove linee e il carattere della nuova F 800 R, in particolare le sezioni tipiche di una Roadster: il frontale muscoloso e la coda slanciata e sportiva.

BMW Lo Rider

Pura, potente, naked e ridotta all'essenza: poche parole che descrivono in modo incompleto la BMW Lo Rider, il nuovo studio di BMW Motorrad.
La BMW Lo Rider sembra, a prima vista, una Roadster dal look muscoloso, con tanta tecnologia in primo piano e con un motore boxer potente che regala emozioni e il massimo divertimento di guida. Ma in realtà dietro tutto ciò c'è lo studio di un nuovo concetto di "Custom".

Il peso contenuto, il motore potente e con gran coppia oltre ad una sofisticata ciclistica assicurano una guida estremamente sportiva; il telaio e la ciclistica consentono una posizione di guida rilassata con manubrio largo preso in prestito dalle Cruiser e dalle Naked.

Il Concept è stato sviluppato in modo da coinvolgere, per la prima volta, il cliente nella definizione della BMW Lo Rider, oltre qualsiasi possibilità! Numerose possibilità di configurazione, ad esempio diversi impianti di scarico, differenti selle, varianti del proiettore e di colori diversi consentono di realizzare un livello di personalizzazione finora impossibile con gli optional e gli accessori originali.
Il carattere della motocicletta è adattabile al gusto personale del cliente, che è libero di configurare la sua Lo Rider secondo le sue preferenze per spaziare dalla sofisticata Cruiser all'aggressiva Muscle-Bike.

Un concept che apre una nuova strada - come da tradizione in casa BMW Motorrad.
BMW Motorrad, come da tradizione, nello sviluppare nuove moto apre nuove strade e concetti innovativi.
In passato sono stati presentati studi e disegni affascinanti che poi sono stati messi in produzione.
Infatti, uno studio di BMW Motorrad è molto di più del tentativo di disegnare una motocicletta completamente nuova.
Nel loro lavoro di sviluppo gli ingegneri di BMW Motorrad non hanno considerato solo aspetti sostanziali come la funzionalità, la tecnologia e la qualità bensì anche il rapporto emotivo che si deve instaurare tra l'uomo e la motocicletta.
Non è sufficiente che una motocicletta funzioni alla perfezione, deve stimolare anche ai sensi del motociclista, deve affascinarlo in qualsiasi momento, perfino da ferma, in ogni singolo dettaglio.

Emozioni che nascono dal rapporto con la motocicletta: personalizzazione su misura.
Con lo studio BMW Lo Rider presentato all'EICMA di Milano, BMW Motorrad non porta avanti solo la tradizione ma compie un importante passo nella promozione del rapporto tra uomo e motocicletta.
L'idea: per la prima volta il cliente può partecipare attivamente alla configurazione "estrema" della sua BMW, non solo attraverso optional e accessori, infatti, il cliente, per la prima volta, gode della possibilità di configurare la sua Lo Rider dall'inizio della produzione, dunque attraverso componenti principali come motore e ciclistica e di crearsi così la sua moto su misura.

Il classico incontra il moderno: una combinazione di stilemi di epoche diverse.
Lo studio Lo Rider non rientra in un nessuno dei segmenti motociclistici classici, intenzionalmente. La concept bike abbina caratteristiche tecniche di moto sportive high performance a principi tradizionali e classici della produzione motociclistica.
La ciclistica riprende delle componenti modernissime delle motociclette sportive, come l'imponente forcella upside-down, le pinze freni a sei pistoncini ad attacco radiale e i pneumatici da 17 pollici, vengono combinati con stilemi motociclistici degli anni Cinquanta e Sessanta.
Ad esempio, l'impianto di scarico montato tradizionalmente nella sezione inferiore in stile sidepipe le conferisce un'immagine da Roadster classica o da sofisticata Cruiser, installandolo in posizione rialzata riporta la memoria alle leggendarie moto da corsa o ai caratteristici modelli Scrambler degli anni 70.
Anche la sella può essere personalizzata ricorrendo a codici direttamente dagli anni Cinquanta e Sessanta, la BMW Lo Rider offre al motociclista un'ampia possibilità di personalizzare il tema "Roadster" in base alle proprie preferenze. La Lo Rider non pone praticamente dei limiti alla creatività del pilota.

Ciclistica e motore: tecnologia di altissimo livello, sulla base di concetti classici.
In tutte le prospettive la Lo Rider offre un mix di richiami classici e moderni combinati con la tecnologia più innovativa. Il telaio a traliccio lascia intravedere la sofisticata tecnica, le sospensioni vedono all'avantreno una forcella telescopica upside-down mentre al retrotreno c'è il monobraccio Paralever, tecnologia che si ritrova anche nei modelli attuali della Serie boxer. Anche se la ciclistica della Lo Rider è più bassa rispetto alle Roadster classiche.
I cerchi da 17" con raggi cromati e il mozzo verniciato in nero, riprendono gli stilemi e il fascino dei tempi passati. I freni a doppio disco con disegno wave sono lavorati da pinze a sei pistoncini.
La Lo Rider punta su tecnologia moderna e su una soluzione tipica per BMW: il leggendario motore boxer.
Da oltre 85 anni è un'icona dal design inconfondibile ed originale, sviluppa una coppia piena, una sonorità e una potenza senza pari. Nella sua versione attuale con potenza di oltre 100 CV, alberi a camme in testa, iniezione elettronica e catalizzatore.

Il cliente è il designer: stile e colori personalizzati.
Il concept Lo Rider prevede la massima attenzione sui due elementi fondamentali il motore ed il telaio.
Qualsiasi dettaglio non essenziale è stato omesso.
Il look cambia in base alla combinazione degli elementi caratterizzanti quali l'impianto di scarico, la sella, il faro anteriore e i colori che caratterizzano lo stile della concept.
La combinazione tra componenti classici e moderni viene dettata esclusivamente dal gusto personale del cliente. Il classico sellino in lamiera di alluminio dona una connotazione sportiva; la sella singola, ridotta all'essenziale, affascinerà sicuramente i puristi, sarebbe comunque disponibile anche una sella per il passeggero.
L'obiettivo perseguito dal team di David Robb, Responsabile del design in BMW Motorrad, è di assicurare che tutte le possibili combinazioni dei componenti creino assemblandole a piacere una moto unica come il carattere e l'esigenza del cliente.
Indipendentemente se equipaggiata con impianto di scarico rialzato o in basso, con sellino sportivo o con sella singola o per due persone, la Lo Rider si presenta sempre diversa, pur mantenendo uno stile convincente e personale.

La Lo Rider è parimenti personalizzabile con diverse tipologie di faro anteriore: sdoppiato aggressivo e moderno a configurazione verticale le conferisce un'aria da Streetfighter.
Il classico proiettore tondo a forma semisferica riprende uno stilema del passato.
Un'ulteriore possibilità di personalizzazione e relativa alla gamma di colori disponibili. Per il serbatoio sono disponibili quattro tonalità differenti, le quali, abbinate a tre colori differenti del carter del motore, creano degli abbinamenti personali.
Ogni abbinamento garantisce perfetta armonia tra i pregiati componenti in alluminio, come il tappo del serbatoio, il supporto della sella o le nervature del parafango. Il parafango anteriore e posteriore sono disponibili in colore nero o cromato.

  • Seb_3, Bassano del Grappa (VI)

    La L.R. è come una Top Model

    ... con un meccanica così, sta bene anche se
    "vestita" con uno straccetto.
  • mods, Rimini (RN)

    COSA ASPETTANO A PRODURLA !!!!

    Appena la presentano se....la prenoto una moto TERRIFICANTE.....
Inserisci il tuo commento