Novità USA

Kawasaki KLX300 e KLX300 SM m.y. 2021. Enduro stradale e supermotard

- Assieme alle "mille" Ninja ZX-10R e Z H2, Kawasaki ha svelato ieri anche due modelli KLX 300 con identico motore, stessa estetica ma con ciclistica differenziata

In Europa e Nord America i motociclisti hanno spesso gusti diversi in fatto di moto e, soprattutto, ci sono normative diverse. Tanto che negli Stati Uniti e in Canada troviamo ancora in vendita modelli non più distribuiti in Europa, un po' perché esiste un mercato differente e un po' perché da noi la regolamentazione sulle emissioni Euro 4, e ancora più la nuova Euro 5, li ha di fatto tagliati fuori; spesso si tratta di moto con una diffusione relativa in Europa, e quindi il loro rinnovamento tecnico è giudicato non conveniente in termini di vendita.

Ultimo esempio sono le Kawasaki KLX300 presentate ieri negli USA, in contemporanea con le “nostre” Ninja ZX-10R e Z H2 SE: due agili monocilindriche che in Europa purtroppo non arriveranno. Diciamo "purtroppo" perché ci piacciono, ma tant'è.

Realizzate sulla base della KLX300 R, sono l'evoluzione dei rispettivi modelli KLX250. La KLX300 è una enduro stradale di aspetto essenziale e classico, la KLX300 SM è la variante supermotard con gli adeguamenti tecnici del caso.

Entrambe utilizzano il monocilindrico bialbero a quattro valvole di 292 cc della KLX300 R, accreditato di 33 cavalli di potenza e di 2,9 kgm di coppia massima (le prestazioni delle due nuove 300 non sono state dichiarate), con raffreddamento a liquido, alimentazione a iniezione e avviamento elettrico.

Il telaio è un perimetrale con monoculla sdoppiata in tubi rettangolari di acciaio, e il forcellone è in trafilato di alluminio: sono verniciati di nero sulla SM e in grigio sulla enduro. Le sovrastrutture sono in comune, la strumentazione è digitale e i pesi sono dichiarati in 137 kg a secco.

Entrambe adottano una forcella rovesciata da 43 mm e un mono progressivo Uni-Track. La versione KLX300 ha ruote da 21 e 18 pollici, con classiche misure enduro di 3 pollici davanti e 4,60 dietro. Le sospensioni offrono una corsa ruota di 250 mm davanti e di 230 mm dietro; i freni a disco sono da 250 e 240 mm di diametro rispettivamente.

Disponibile nella tipica colorazione verde lime-ebano e in camouflage grigio-nero, la KLX300 è in vendita negli USA a 5.590 dollari, ovvero 4.700 euro circa.

Ruote piccole e maneggevolezza

La KLX300 SM 0vviamente si differenzia per alcune componenti della ciclistica. Ha ruote, sempre a raggi, entrambe nella misura di 17 pollici, e gomme stradali che salgono alle misure 110/70 e 130/70.

E le sospensioni vedono la loro escursione ridotta, con corsa ruote di 230 e 205 mm; inoltre il freno a disco anteriore cresce a 300 mm di diametro, per una frenata più potente su asfalto.

Inoltre il suo manubrio è più stretto, il parafango anteriore ha una curvatura più accentuata e la sella è meno alta da terra (858 mm).

La SM è disponibile nelle varianti cromatiche verde lime-ebano e blu-ebano, e va in vendita, negli USA appunto, a 5.999 dollari, circa 5.060 euro.

Negli Stati Uniti è ancora in vendita anche la KLR650.

  • orangepunch

    Io ho 14 anni, una Yamaha DT 50 R SM del 2007 ed una passione enorme per le moto, soprattutto per i motard. A mia sfortuna, sono l'unico della mia famiglia che ha questa bellissima passione, e i miei non sono disposti a spendere tanti soldi per comprarmi moto. Io vedevo in questa moto una possibilità di avere un motard ai 18 anni, senza dover per forza passare per le moto di piccole cilindrate noiose o i vari 600 depotenziati, o andare per forza a prendere un motard racing a cifre spropositate. Questa moto sarebbe stata come la bellissima Suzuki DRZ 400 SM, una moto che costa poco da comprare e da mantenere, cioè esattamente come la voglio io. Quando però ho scoperto che sarebbe stata venduta solo in America e in Canada, mi sono demoralizzato. Potrei tranquillamente importarla, visto che sono anche cittadino americano, ma comunque è una peso in più. E' deprimente il fatto che tutte le moto belle ed interessanti sono solo per altri mercati, per via della tirannia del settore delle norme di inquinamento del Parlamento Europeo. Che poi non ha senso, perchè si passa da moto elettriche ai 50ini 2tempi che sarebbero più ecologiche se andassero a nafta. Ora resta solo la speranza che Honda ci regali una "piccola" con il CRF300L.
  • uncleroby, Merate (LC)

    Forse sarebbe ora di rivedere certe norme!
    Non sono certo le moto da enduro le responsabili dell'inquinamento e poi, perchè le enduro omologate per uso stradale NO e le cross SI? L'inquinamento mica si ferma sopra alla pista da motocross!

    Altro tema è quello delle omologazione per il passeggero per le moto Euro4 e oltre se non vi è l'ABS. Io ho sempre usato le mie moto da enduro anche per un giretto con la fidanzata o per un breve tragitto, mai avuto problemi e non credo che singolo o in due vi siano differenze.

    Insomma mi sembrano regole di un legislatore che poco capisce (...) di moto e che cerca solo di impedire la vendita di alcuni modelli.
    Possibile che le moto debbano diventare solo grosse, pesanti e costose?
Inserisci il tuo commento

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta