Aziende

Jannuzzelli si dimette da Moto Morini

- Assieme a Sandro Capotosti, Jannuzzelli aveva rilevato la Casa bolognese nel 2011. Ricopriva la carica di vicepresidente, che ha lasciato mantenendo le quote societarie
Jannuzzelli si dimette da Moto Morini

Ruggeromassimo Jannuzzelli si è dimesso dal ruolo di vicepresidente di Moto Morini, l'azienda nella quale rimarrà fino al 9 marzo e di cui conserva le quote societarie. La notizia è arrivata a un anno dall'accordo firmato con Athena Spa, una collaborazione da centinaia di migliaia di euro, come aveva sottolineato l'allora vicepresidente.
Assieme a Sandro Capotosti, ex presidente di Banco Profilo, e attraverso la società Eagle Bike, nel 2011 Jannuzzelli aveva rilevato all'asta fallimentare la Moto Morini per la cifra di 1,96 milioni di euro. Questo dopo che una prima offerta d'asta per il valore di 2,6 milioni era andata deserta. Nel rilancio di Moto Morini, acquisto e finanziamento, Capotosti e Jannuzelli avrebbero investito sei milioni di euro.

Fondata a Bologna nel 1937 da Alfonso Morini, la marca bolognese è passata al Gruppo Cagiva nel 1987 e, dopo lo stop del 1993, è ripartita nel 2004 grazie al rilancio operato dalla Morini Franco Motori e dalla famiglia Berti. Il 2006 è stato l'anno record, ma poi sono arrivati il declino e la chiusura. Fino appunto all'arrivo della Eagle Bike nel 2011 e la ripartenza con una nuova formula commerciale basata sul web, pochi show room e una rete di assistenza sul territorio. Da segnalare ancora che da maggio dell'anno scorso la sede della Moto Morini, stabilimento compreso, è stata spostata a Trivolzio, in provincia di Pavia.

Nel 2013 la produzione si era attestata attorno alle 200 unità e gli obiettivi di vendita per il 2014 erano di 3-400 moto, quelle immatricolate in Italia sono state alla fine dell'anno scorso 25. Nel 2013 erano state invece 46. La crisi generale ci ha messo naturalmente del suo ma gli obiettivi di partenza erano ben diversi, visto che si parlava di mille moto nel 2012, con il raggiungimento del break even, per puntare al raddoppio nel 2013 e raggiungere le 3.500 moto e i 40 milioni di fatturato nel 2016.

Jannuzzelli mantiene la carica di presidente di Astor srl, attività immobiliari, ruolo che ricopre dal 2002. Fino al 2011 è stato amministratore delegato di Camuzzi Spa.
Alla Moto Morini fanno sapere che nei prossimi gioni emetteranno un comunicato in merito, una volta definti i dettagli del nuovo assetto.

  • zagato, Tavagnacco (UD)

    moto morini agonia

    la moto dei veri appassionati,caduta e rinascita,caduta e rinascita,errori di marketing, fossilizzati su una unica motorizzazione pur valida ma venduta ad un prezzo fuori mercato,presentazione mancata di una moto con cubatura piu' modesta 750/800 come entry level ad una quotazione piu' accessibile, una presenza sul mecato delegata al web , ma i motociclisti amano vederle le moto toccarle e salirci sopra ecc ecc..fine ingloriosa per il mono piu' veloce del mondo, campionato del mondo mancato per un soffio e solo per sfortuna.. la tragedia e' che non si vedono tedeschi-cinesi-coreani-indiani -in fila all'ufficio aquisti, unitamente alla conclamata crisi generale tempi bui in arrivo.. auguri moto morini
Inserisci il tuo commento