King of the Baggers

Indian sponsorizza il campionato King of the Baggers

- La serie di competizioni meno ortodossa del MotoAmerica sta per partire: Indian Motorcycle ne diventa sponsor ufficiale
Indian sponsorizza il campionato King of the Baggers

Dopo essersi aggiudicata il prologo Drag Specialties of The Baggers a Laguna Seca, con Tyler O'Hara in sella, e aver anche piazzato Frankie Garcia al terzo gradino del podio, Indian sponsorizzerà l'intero nascente campionato King of the Baggers che partirà il 2 maggio al Michelin Raceway Road Atlanta, continuerà dall'11 al 13 giugno a Road America Elkhart Lake e si concluderà l'11 luglio al WeatherTech Raceway Laguna Seca, in California.

Indian lega così il proprio marchio a queste competizioni dove già Harley-Davidson ha fatto sapere di schierare un team ufficiale con Kyle Wyman alla guida, la sfida sarà sicuramente intensa e appassionante anche se il campionato ha dovuto ridurre il numero dei round dai cinque inizialmente previsti ai tre effettivi.

Le moto che partecipano al King of the Baggers sono delle mastodontiche Cruiser (abbiamo visto schierate in partenza a Laguna Seca delle Indian Challenger, Harley-Davidson Street Glide, Electra Glide, Road Glide e Road King) che mantengono il look (e le valigie laterali) del modello di serie ma presentano ampie modifiche. Oltre – chiaramente – a sottoporsi ad un upgrade motoristico delle prestazioni con vari stadi di preparazione, le sospensioni vengono riviste, aumenta la luce a terra, la posizione di guida subisce dei cambiamenti radicali, i freni vengono aggiornati per tenere botta alle sollecitazioni della pista di una moto che, per quanto alleggerita in vista dell'impiego in pista, non sarà esattamente un fuscello con in suoi 288 chili di peso minimo per regolamento; i cerchi, la sella, le carenature vengono cambiate e, per restare “bagger” le valigie possono essere costruite in un materiale differente rispetto a quello di serie, ma devono replicarne le forme potendo però essere rialzate. Oh, devono essere funzionali: cioè devono potersi aprire e avere un volume minimo di 2200 pollici cubi.

C'è molto interesse da parte degli appassionati su questa categoria - se vogliamo - poco ortodossa, e l'interesse sembra essere stato colto piuttosto bene anche dalle due Case americane che nei segmenti Cruiser e Bagger hanno rilevanti interessi di mercato.

Fonte foto: Indian

 

  • capilora, Urbana (PD)

    La storia si ripete: asfalto al posto del legno, ma ancora due Marchi storici in competizione per dimostrare la qualità dei loro prodotti. Lunga vita alle gare motociclistiche!
Inserisci il tuo commento