Vendite nel mondo

Husqvarna e GASGAS crescono, KTM flette poco nel difficile 2020

- Pier Mobility chiude bene il 2020, specie considerata la situazione mondiale, contenendo il calo delle vendite nel 3,5%. Oltre 270.000 le moto vendute, con Husqvarna e GASGAS in attivo, ricavi in crescita a 1,5 miliardi e le e-bike a +33%
Husqvarna e GASGAS crescono, KTM flette poco nel difficile 2020

Dopo nove anni di crescita consecutiva anche KTM vede una battuta d'arresto a fine 2020.
Un anno difficile, condizionato dalla pandemia ma che Pierer Mobility (la capogruppo delle case motociclistici KTM, Husqvarna e GASAGAS, più WP e tre marchi e-bike) ha superato bene.

Lo dimostrano i ricavi di 1.530,3 milioni di euro, in leggero aumento rispetto ai 1.520,1 del 2019 e ottenuti grazie all'espansione del segmento e-bike (oltre 56.000 unità e un +33%) che ha contribuito per 112,5 milioni e all'ottima prestazione dei marchi Husqvarna e GASGAS.

Dopo l'anticipo dei dati chiave preliminari di Pierer Mobility, che abbiamo pubblicato qui, la società austriaca ha diffuso l'altro ieri altre cifre che vi riportiamo in sintesi, in attesa del rapporto finanziario annuale che sarà diffuso il 30 marzo.

Partiamo dai numeri di vendita delle moto nel mondo. Il totale dei tre marchi è stato di 270.407 moto, rispetto alle 280.099 dell'anno precedente sono diminuite del 3,5%.
In particolare KTM è scesa dalle 234.449 (quantità che comprendeva però un minima quota di GASGAS) alle 212.713 del 2020. Husqvarna è invece salita a 49.046 unità (+7,4%) e GASGAS nel suo primo anno completo ha raggiunto le 8.648 unità.

L'Europa rappresenta in mercato principale del gruppo, con oltre 100.000 moto consegnate. Nel nostro continente, nonostante i vari lockdown, il mercato è globalmente aumentato raggiungendo le 640.000 nuove immatricolazioni (+4%). Le vendite dei tre marchi del gruppo sono aumentate del 15% facendo crescere la quota di mercato al 13,3%.

Negli Stati Uniti, mercato locale principale di Pierer Mobility, nel 2020 le vendite sono aumentate del 6,5% arrivando a 398.000 moto. Negli USA la quota di mercato del gruppo austriaco è passata dal 9,4 all11,6%.

In Australia la crescita delle vendite del gruppo ha superato quelle dell'intero mercato (62.000 unità e un +17,9%) mettendo a segno un +46,5%.
In India si è invece verificato un calo (da 66.000 a 60.000 moto) ma in termini percentuali il risultato è stato migliore rispetto all'andamento generale.

  • RobRana1, Parma (PR)

    Dati

    Il fatturato aumenta mentre diminuiscono le unità vendute, quindi aumentano il prezzo medio e il margine unitario. Aspettiamo di vedere i dati di bilancio ma cosi a occhio saranno da record, altro che flessione
    ************ Risponde la redazione. Aspettiamo i dati, certamente, ma già da questi si comprende che l'aumento dei ricavi c'è stato grazie alla crescita delle e-bike. Mentre Husqvarna e GASGAS sono cresciute nei numeri unitari, KTM ha infatti perso qualcosa. Il risultato del gruppo resta certamente positivo *************
Inserisci il tuo commento