Record

Guy Martin: a oltre 300 mph sul miglio con partenza da fermo

- Tentativo di record per l'ex pilota, che si racconta in un'intervista al Times
Guy Martin: a oltre 300 mph sul miglio con partenza da fermo

Guy Martin non si ferma mai. E' di qualche giorno fa la notizia del tentativo di replica del salto de La grande fuga (che andrà in onda su Channel 4 domenica prossima, 8 dicembre), mentre oggi, da un'intervista al Times apprendiamo della nuova sfida in cui si vuole cimentare: superare la barriera delle 300 miglia orarie (482 km/h) nel record del miglio con partenza da fermo.

Il record - la velocità massima con partenza da fermo - è stato già tentato qualche tempo fa ad opera di William Warner, detentore del primato sul miglio e mezzo, con 311 miglia orarie, che è però rimasto ucciso nel tentativo per un guasto non meglio specificato. Guy Martin, da sempre affascinato dalle sfide pericolose e dai record velocistici, si è già dedicato diverse volte a tentativi di questo genere, l'ultima in un evento Straightliner sull'aeroporto di Elvington con una Suzuki Hayabusa sovralimentata.

Un interesse che contrasta solo apparentemente con l'abbandono delle competizioni su strada, avvenuto qualche anno fa alla nascita della figlia Dottie: nell'intervista, Guy spiega "Mi ero in qualche modo convinto che il motivo dietro tutte le stupidaggini che amavo fare fosse l'amore per la vittoria e il successo, ma non era così. Per me si trattava solo di costruire cose e scoprirne di nuove. Devo imparare qualcosa, sempre. Per quasi 15 anni della mia vita mi sono convinto di essere una persona competitiva, ma non è così."

Restiamo in attesa di maggiori informazioni.

  • 21ViperUk, Milano (MI)

    Massimo rispetto per il rischio che si prende e per il pilota che nelle road race ha dato spettacolo, ma possiamo considerare queste sfide come fatte realmente da moto??!
    A me sembrano oramai delle capsule spaziali lanciate a velocità folli…
    Se deve essere un record di moto, sarebbe corretto vedere delle moto che corrono...
Inserisci il tuo commento