Fase 2 e ripartenza. La parola ai concessionari

- I concessionari sono pronti a riaprire le porte. All'inizio sarà tutto diverso, ma l'importante è poter accogliere nuovamente i clienti
Fase 2 e ripartenza. La parola ai concessionari

In Germania le concessionarie moto hanno già riaperto. In Italia dovremo ancora aspettare fino al 4 maggio. Nel frattempo, però, le concessionarie non rimangono con le mani in mano: si stanno organizzando, perché ritornare alla normalità sarà impossibile per molto tempo, e allora ci si adatta e si cambiano le proprie abitudini, anche quelle di vendita e di contatto con i clienti. Già da giorni, per esempio, i concessionari che hanno una vetrina virtuale su Moto.it stanno fissando appuntamenti per mostrare in videochiamata ai clienti le moto che più interessano loro. Sono in grado così di rispondere a curiosità, e magari fare un preventivo personalizzato. Oltre al virtuale, tra meno di una settimana torneremo alla realtà, e le moto potremo anche toccarle. Ma come? Per scoprirlo abbiamo parlato con alcuni concessionari sparsi un po' in tutta Italia. 

Ducati 222

Salvatore Giglio, Amministratore Delegato di Ducati 222 (MI)
"A quanto pare, anche se non sono stati così chiari, dovremmo riaprire il 4 maggio, perché nell'ultimo decreto compare il codice ATECO relativo alla vendita di motocicli all'ingrosso e al dettaglio. Ci sarà all'ingresso dei concessionari un dispenser con disinfettante, guanti e mascherine da fornire, qualora il possibile avventore ne sia sprovvisto; la trattativa con davanti la moto dovrà essere eseguita alla distanze di sicurezza stabilita, e la definizione dell'eventuale contratto alla scrivania, con un divisorio in plexiglas. È implicito che salire su una moto in salone si potrà solo se provvisti di guanti, e infine bisognerà santificare il locale due volte al giorno. Resta inteso che potrà entrare un cliente alla volta.

CMT Vimodrone

Massimo Villa, Amministratore delegato di CMT motor Vimodrone (MI)
"Il mio centro CMTmotor a Vimodrone riaprirà il 4 maggio, come permesso dal decreto emanato il 26/4. Da questa data sarò disponibile per venire a ritirare direttamente a casa vostra la moto/scooter che volete vendere, o per consegnarvi quella che avete precedentemente acquistato.
Lavorando da solo in negozio, con una metratura di 220 m² potrò accogliere anche 2 o 3 persone alla volta, ma sarà permesso comunque l'ingresso ad una persona soltanto, con l'obbligo di indossare mascherina e guanti, e solo su appuntamento.
In caso qualcuno si presenti senza appuntamento potrà comunque accomodarsi in negozio, a meno che ci sia un'altra persona: in tal caso vi chiederò gentilmente un po' di pazienza per attendere il proprio turno. All'interno del locale troverete comunque gel e spray igienizzante per le mani.
Mi sono anche munito di un ulteriore scrivania che ho già posizionato davanti alla mia in maniera tale da avere così più di 1 m di distanza. Naturalmente anch'io sarò munito di mascherina e guanti.
Tutto questo viene fatto a tutela della vostra e della mia salute! Purtroppo il decreto non permette l'uscita di casa se non per “necessità primarie” (curarsi, fare spesa, far visita ai parenti ecc…) e bisognerà aspettare ancora qualche giorno e capire quindi se potrete semplicemente compilare l'autocertificazione per venirci a trovare. Ricordatevi che posso comunque venire io da voi a ritirare la vostra moto che volete vendere o quella che avete precedentemente acquistato.

Siamo comunque operativi al 100% online, potete tranquillamente contattarmi telefonicamente, tramite mail o comodamente su WhatsApp. Avrete quindi la possibilità di vedere moto e scooter (anche con foto dettagliate e video del mezzo richiesto), bloccarli con una caparra per poi procedere all'acquisto appena possibile.

Colgo l’occasione per sottolineare che le 'due ruote' saranno il futuro del trasporto. Zero assembramento su mezzi pubblici, zero traffico e zero code sulle strade affollate da auto, che verranno utilizzate sempre di più rispetto a prima…detto ciò vi aspetto in negozio".

Honda Moto Roma

Nicola Del Gaudio, AD Honda Moto Roma
"Siamo, ed eravamo gia' pronti alla riapertura. Stavamo semplicemente attendendo l'ok da parte del Governo. Inizialmente c'è stata un po' di confusione dopo che è stato emanato l'ultimo decreto: non si capiva se si potesse aprire oppure no. In quanto riferimento come concessionario, sono stato a mia volta bombardato da telefonate dei miei service che volevano capire cosa fare. La decisione di riaprire il 4, per tutti i nostri settori commerciali quali officina e vendite, è stata confermata anche da Honda. Siamo pronti con disposizioni di sicurezza sia per dipendenti sia per i clienti e riapriremo piu' carichi di prima!"

Nova Moto BMW Firenze

Marco Giallombardo, Nova Moto BMW Firenze
"Ci stiamo attrezzando per sanificare tutto il possibile ma, per esempio, i trattamenti all'ozono danneggiano sia le moto che l'abbigliamento. Abbiamo tolto tutto il superfluo per pulire meglio, cercheremo di ridurre il contatto col pubblico incentivando, per i service, i pagamenti elettronici, e quando gli importi sono finanziati abbiamo un sistema per l'autenticazione a distanza fornito da BMW Bank. Quando apriremo al pubblico limiteremo l'accesso alla concessionaria nel rispetto dei limiti previsti dalla normativa, e proteggeremo con coprimanopole e disinfettanti le moto, sanificando sia quelle in vendita che quelle demo.
Appena si riapriranno le attività ci sarà certamente il problema dei trasporti pubblici, tante persone avranno paura di usarli e la moto sarà il mezzo perfetto per evitare contagi e assembramenti: speriamo che questo ci porti qualche cliente in più".

Harley-Davidson Catania

Vincenzo Calì, Harley-Davidson Catania
Abbiamo approfondito con Harley-Davidson l'aspetto delle visite da parte degli utenti alla concessionaria a partire dal 4 maggio, e siamo giunti alla conclusione che sia consentito dalla normativa lo spostamento motivato del cliente verso lo store più vicino in caso di acquisto della moto, magari motivandolo anche attraverso scambio di email tra noi e il cliente comprovando il preventivo. A parte questo, abbiamo provveduto alla completa sanificazione dei locali e l'apposizione di divisori di plexiglas, per evitare contatti diretti, e ovviamente metteremo a disposizione migliaia di mascherine, guanti sia di lattice che di plastica e disinfettanti".

Ducati Catania

Massimo Santangelo, Ducati Catania
Abbiamo già avuto un ottimo riscontro con il nostro servizio di ritiro delle moto a domicilio per le manutenzioni, e le nostre offerte (4 anni di garanzia e assicurazione gratuita) per il nuovo durante questi due mesi di stop, ovviamente offerte che non replicheremo adesso che stiamo per riaprire. Dal punto di vista dei locali seguiamo una procedura di sanificazione e stiamo predisponendo delle barriere di plexiglas per rendere più sicuri i contatti con i clienti.Metteremo a disposizione mascherine, guanti e disinfettanti. C'è molta attesa da parte dei clienti per la riapertura, in molti ci chiamano, e siamo decisamente ottimisti".

  • carlo.caroni, Albavilla (CO)

    non e' permesso,a quanto dice il comandante dei Carabinieri della mia provincia,recarsi dal meccanico per cambiare le gomme invernali dell'auto,dato che non si tratta di un intervento urgente:ergo,non ci si puo' recare in concessionaria per visionare od acquistare un veicolo.quindi un'apertura inutile,un po' come quando,all'inizio dell'isolamento(lockdown per chi non sa l'italiano,come molti nostri politici)i negozi erano aperti ma non ci si poteva andare...
  • Foxxes1, Carpi (MO)

    Ieri ho telefonato ai vvuu sul come potersi muovere in forma privata senza autocertificazione all'interno della propria regione (come anticipato) e, la risposta è stata che anche i vvuu e le altre forze dell'ordine (di conseguenza) al momento hanno in mano solo il decreto del 17 aprile e, stanno aspettando altri decreti in merito confermando che anche loro stanno navigando a vista. Ciao Mauro.
Inserisci il tuo commento