botta e risposta

Botta e Risposta: "Moto Guzzi California 1400, bella e ammiratissima"

- La nuova Moto Guzzi ha catalizzato l’attenzione degli appassionati, anche di quelli che guzzisti non sono mai stati. I commenti al nostro test e all’intervista ai progettisti sono dunque stati parecchi. A volte con qualche inesattezza
Botta e Risposta: Moto Guzzi California 1400, bella e ammiratissima

 

L’attesa per la nuova Moto Guzzi California 1400, dopo le prime foto apparse mesi fa alla convention dei concessionari a Miami - oppure “rubate” in giro per la strada, immortalando più o meno al volo un collaudatore di passaggio o la classica moto parcheggiata piuttosto che durante un rifornimento di carburante - ha indubbiamente generato parecchia curiosità verso l’erede di questo storico modello. Una California completamente rifatta e addirittura col motore 1400 – e oltretutto la Moto Guzzi più tecnologica mai costruita - merita senz’altro fiumi di discussioni ancor prima di andare in pasto alle folle, come è accaduto allo scorso Eicma milanese.

Dopo la nostra prima presa di contatto in Francia, poi, si è letto un po’ di tutto, sulla bella bestiona di Mandello, nei commenti dei nostri lettori, come sempre numerosissimi quando si parla del Marchio motociclistico italiano più amato al mondo. Tralasciamo i numerosi appunti , e contrappunti, relativi al fatto che guidando una qualsiasi Moto Guzzi ci si ustionino le ginocchia, o si arrivi addirittura a bruciarsi i pantaloni sui cilindri. Devo dire che non mi era mai capitato di leggerne così tanti su questo argomento, che personalmente mi fa bonariamente sorridere.

Piuttosto, in redazione abbiamo scelto un paio di commenti all’intervista di Miguel Galluzzi e Romano Albesiano, relativi alla genesi del nuovo motore Guzzi V2 - il più grosso mai costruito in serie - e dell’intera moto. Commenti evidentemente generati, come spessissimo accade, da informazioni quantomeno “approssimative”.

Eccoli:
1) “Ok Ok, il risultato finale è una bella motorona, pesantuccia, ma... il motore è stato sviluppato da Millepercento, uno studio di design spostato in California per motivi... fiscali? Ma come, la vista del lago deprimeva i progettisti? Per favore non fate fare la fine di FIAT al mito italiano delle 2 ruote…”.

2) “Il motore 1400 è stato pensato e prodotto prima dalla Millepercento di Varano, con la BB1 (Big Bore 1), che è un Griso con 140 CV e coppia da paura. Ma soprattutto il singolo corpo farfallato l' hanno introdotto prima in Millepercento che in Guzzi ...”.


A questi aggiungiamo il seguente, che ci ha dato ulteriore stimolo a realizzare questo articolo:
“ no, ma...scriviamone un altro di articolo sulla nuova Moto Guzzi California 1400cc che tra l'altro tutti si potrebbero permettere!”

Alleghiamo anche una serie di foto tecniche relative al motore e ad altri particolari della nuova Moto Guzzi.

Motore Guzzi 1400 con montaggi elastici
Motore Guzzi 1400 con montaggi elastici

Dunque, innanzitutto prendiamo quel “Varano” come il classico errore dovuto a battitura veloce, tipico di chi commenta, precisando che la concessionaria Millepercento si trova a Verano Brianza. Comunque sia, il motore BB1 dei suoi bravissimi titolari, Ghezzi e Perego – che probabilmente è il più potente V2 su base Guzzi che si conosca – ha in comune con il nuovo Guzzi solamente la cilindrata nominale e l’alimentazione tramite un singolo corpo farfallato. La sua cubatura effettiva però è di 1.420 cc, grazie agli enormi pistoni da 106,3 mm con corsa di 80: il nuovo motore della California, invece, monta pistoni da 104 mm con corsa di 81,2 mm… Inoltre le testate del BB1 sono a 2 valvole con distribuzione ad aste e bilancieri, anziché a 4 valvole con distribuzione monoalbero e doppia accensione; ed il raffreddamento è liquido, anziché che ad aria+olio.

Detto ciò, ecco di seguito la risposta di Moto Guzzi ai commenti di cui sopra. Risposta relativa anche all’accenno sul nuovo centro stile di Pasadena, inaugurato lo scorso marzo, quando la nuova California era già fatta e finita da un pezzo…

 


La risposta di Moto Guzzi


“Moto Guzzi California è costruita in tutte le sue parti, motore incluso, a Mandello del Lario. Lo storico stabilimento dove le Moto Guzzi nascono dal 1921 è particolarmente "verticalizzato" rispetto ai normali asset industriali del Gruppo Piaggio. Non a caso, Moto Guzzi è l'unico stabilimento che costruisca nella propria sede anche i motori; mentre come è noto tutti gli altri propulsori per motociclette e scooter del Gruppo, di qualsiasi brand, vengono assemblati nel grande Stabilimento Motori di Pontedera. Questa "anomalia" contribuisce a dare a ogni Moto Guzzi, dalla piccola V7 sino alla nuova California 1400, tutto il fascino di un prodotto orgogliosamente italiano, interamente costruito a mano in uno stabilimento-museo tra i più amati e visitati di tutto il mondo.

Per quanto riguarda lo sviluppo, quello della nuova California 1400 nelle versioni Touring e Custom, è un progetto che, nell'arco di tre anni, ha coinvolto le migliori competenze di tutto il Gruppo Piaggio dal punto di vista dello stile, del motore, della ciclistica, dell'elettronica di bordo e della sicurezza. Cuore della progettazione della California 1400 è stata la sede di Noale, dove opera il Centro Tecnico Moto diretto da Romano Albesiano, con un team che ha già creato prodotti di qualità e prestazioni assolute, compresa la stessa Aprilia RSV4 plurivincitrice del mondiale SBK. Il Gruppo Piaggio, infatti, come noto ha concentrato a Noale - sede di un Reparto Corse che ha vinto 51 titoli mondiali ed è il più vincente in assoluto tra i Costruttori europei in attività nelle corse - tutta la progettazione delle moto per l'intero Gruppo. Mentre tutti gli scooter del Gruppo Piaggio nascono nel Centro Tecnico di Pontedera.

 

Testata del motore Guzzi 1400
Testata del motore Guzzi 1400

Anche il motore è stato interamente progettato, partendo da un "foglio bianco", dai tecnici del Gruppo Piaggio che operano a Noale per il marchio Moto Guzzi. Si tratta di un motore completamente nuovo, non solo per il fatto di essere un V-Twin da record. Questo straordinario propulsore ha richiesto uno sviluppo di oltre tre anni per la definizione prima della cilindrata ideale, e poi per lo sviluppo e per la delibera affidabilistica. È il motore di maggior cilindrata mai realizzato da Moto Guzzi, e anche il bicilindrico a V più grande d'Europa (oltre che essere l’unico V2 trasversale al mondo prodotto in serie) e impiega lo stato dell'arte della gestione elettronica, frutto di tutte delle esperienze che il Gruppo Piaggio può vantare.

 


Dal punto di vista dello stile, infine, le California 1400 nascono, sempre a Noale, nel Centro Stile Moto che sino a tutto il 2011 è stato diretto da Miguel Galluzzi, che da metà 2012 è impegnato nell'avviamento dell'Advanced Design Center di Pasadena, in California. Oggi il responsabile dello Stile del Gruppo è Marco Lambri. Per ovvie ragioni di tempistica del progetto, anche la definizione stilistica delle nuove California è quindi integralmente italiana. L'Advanced Design Center californiano, peraltro, sarà una finestra sui cambiamenti che le formule della mobilità urbana e metropolitana svilupperanno nei prossimi anni. La struttura di Pasadena lavorerà non solo nell'ambito delle tendenze stilistiche più all'avanguardia, ma collaborerà anche con le Università e i centri di ricerca più avanzati a livello mondiale”.

  • piega996, roma (RM)

    Turconi

    non continuare che ti riprendo le tue prime affermazioni in proposito...

    Ti consiglio la lettura di: " Motori Endotermici" di Dante Giacosa.

    Un testo datato, ma sempre utile a chi non conosce la materia.
  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    Scherzi a parte

    Forse non hai capito che veramente la BB1 è stata la 1° ad avere il mono corpo farfallato, poi se abbiano copiato o meno è tutto da verificare ma questa soluzione l' ha adottata la 1000% prima della guzzi.

    Sei tu che non capisci.
Inserisci il tuo commento