enduro

Sei Giorni 2012 - Day4: Gli azzurri secondi di giornata

- Un percorso, quello del quarto giorno, lungo e selettivo reso impegnativo dalla pioggia caduta nella notte. Gli azzurri non si sono fatti vincere dalle avversità e hanno affrontato al meglio ogni momento critico del percorso
Sei Giorni 2012 - Day4: Gli azzurri secondi di giornata

Sei Giorni 2012 - Day 4: La Maglia Azzurra stacca gli inseguitori e rafforza il suo terzo posto

Bellissima prova della Maglia Azzurra che su un percorso molto difficile stacca gli inseguitori e rafforza il suo terzo posto. Adesso l'Australia è più vicina di un minuto e diciotto secondi, anche se vanta ancora un consistente vantaggio. Una Sei Giorni come questa, però, può riservare sorprese fino all'ultimo momento.


Il percorso del quarto giorno, lo stesso della giornata precedente, già di per sé lungo e selettivo, è stato reso ancor più impegnativo dalla tanta pioggia caduta nella notte, in particolare nel difficile trasferimento fra Zschopau e Weberhang, dove i piloti e le moto, stremati da tre giorni di gara, hanno affrontato una rampa in salita che ha creato tante difficoltà anche ai migliori. E' stata annullata la prima speciale, per cui le prove di giornata sono state ridotte a sette. Gli azzurri del Trofeo Mondiale non si sono fatti vincere dalle avversità e hanno affrontato al meglio, sin dal primo giro, indubbiamente il più complicato, ogni momento critico del percorso.


Gli highlights della quarta giornata



Il migliore in maglia azzurra è stato Alex Salvini (E2 - Husqvarna Team CH Racing), secondo di giornata nella sua classe e giunto ormai a un passo dalla Top5 dell'assoluta. Ma in generale sono stati tutti bravi e costanti, dai soliti Mirko Gritti (E3 - KTM MCT Motorace) e Maurizio Micheluz (E1 - Honda Team NSM) a Dany Philippaerts (E2 Beta - Team Beta Boano), finalmente più vicino ai suoi standard. Manuel Monni (E3 - KTM Team Farioli), invece, sempre tra i migliori di ogni speciale, a causa di un errore nella sesta (quinta di giornata) ha perso, rispetto al tempo del primo giro, circa due minuti, che gli costano il podio della E3 e all'Italia quel qualcosa in più per mettere molta più pressione all'Australia. Nel Trofeo Junior Rudy Moroni (E3 - KTM Team Farioli) e Nicolò Mori (E2 - TM Racing) hanno continuato a non risparmiarsi anche in una giornata così ostica e hanno onorato la Maglia Azzurra che indossano, nonostante non abbiano già da tempo interessi legati alla classifica.


Tra i club il trio italiano Nicolò Bruschi (C1 - Honda Team HM Honda-Zanardo), Davide Soreca (C1 - Yamaha Team Beta Boano) e Jacopo Cerrutti (C1 - TM Team Mefisto) ha purtroppo perso la seconda posizione a vantaggio degli svedesi del Team Ostra 1, più a loro agio su un terreno così impegnativo. Ribadito il dominio transalpino sia nel trofeo che nello junior anche in questa giornata, la notizia del giorno a casa Francia è il sorpasso di Nambotin ai danni, rispettivamente, dei connazionali Meo e Aubert. Con Renet fuori dal podio dell'assoluta a causa di una penalizzazione di venti secondi.


Sei Giorni 2012 - Day 3: L'Italia resta terza, fuori anche Oscar Balletti


La sfortuna perseguita gli azzurri che subiscono un altro duro colpo: il ritiro di Oscar Balletti a causa di noie meccaniche che hanno ammutolito la sua Beta, più ripartita nonostante numerosi tentativi di avviamento. L'Italia si è dovuta giocare il suo scarto, pur tenendo stretto il terzo posto conquistato ieri. Alti e bassi per Alex Salvini saldo comunque in settima posizione nella classifica generale.


Al giro di boa della Sei Giorni di Enduro la Maglia Azzurra ha aumentato il suo vantaggio sugli inseguitori grazie alla buona prestazione dei cinque piloti rimasti in gara, anche se ha visto allontarsi l'Australia seconda
alle spalle della Francia. Tra i team il Moto Club Italia è tornato in seconda posizione. Nella terza giornata gli oltre 450 piloti dell'87° Six Days hanno fatto rotta verso Zschopau, sede di alcune fra le gare di enduro più belle e difficili della vecchia Germania dell'Est, nonché di alcune storiche fabbriche motociclistiche come la defunta DKW e la MZ Motorrad. La Sei Giorni 2012, durissima fin dal primo giorno, ha aumentato ancora di più il tasso tecnico. Si è passati infatti a 380 km di gara, con oltre otto ore e mezzo di percorso condito da otto prove speciali. Il tutto reso ancor più complicato da trasferimenti impegnativi, come il primo da un'ora e venti su quelle tipiche salite che si svolgono da queste parti, delle strette e ripide scalate in mezzo ad alberi secolari, sassi e radici per la gioia del tanto pubblico presente.


Gli highlights della terza giornata



La giornata italiana del Trofeo Mondiale è partita nel modo peggiore con uno dei migliori *Oscar Balletti* (E2 - Beta Racing) fermo al via, tra l'altro nel giorno del suo compleanno, con la moto che non voleva saperne di partire. La squadra azzurra non si è persa d'animo e ha sfoggiato prova dopo prova delle buone prestazioni, in particolare con *Alex Salvini *(E2 - Husqvarna Team CH Racing) e *Manuel Monni* (E3 - KTM Team Farioli), entrambi terzi nelle rispettive classi. Non hanno fatto mancare il loro apporto anche il brillante *Mirko Gritti* (E3 - KTM MCT Motorace), il capitano *Maurizio Micheluz* (E1 - Honda Team NSM) e *Dany Philippaerts*(E2 Beta - Team Beta Boano), apparso in ripresa anche se ancora lontano dal 100% del suo potenziale. Le attenzioni della Maglia Azzurra erano soprattutto rivolte agli inseguitori, visto che, avendo perso la possibilità dello scarto a fine giornata, non era certamente il caso di provare ad attaccare l'Australia.


LeRed sensazioni erano positive sin dalla mattinata e a fine giornata è giunta la conferma che gli azzurri avevano guadagnato 1'30" alla Spagna, quasi 2' agli USA e ben 5' alla Finlandia, orfana poco dopo il via di
Salminen. Davanti agli azzurri la Francia ha proseguito nella sua marcia trionfale, trascinata da un eccezionale Meo, ora leader della classifica assoluta, presentandosi al giro di boa con 19' minuti di vantaggio su un'ottima Australia, sempre più squadra rivelazione dell'87° SixDays, che a sua volta ha 12' sull'Italia. Per quanto riguarda gli unici due azzurri in gara nel Trofeo Junior *Rudy Moroni* (E3 - KTM Team Farioli) ha confermato quanto fatto di buono sin dal primo giorno sebbene sia venuto meno l'obiettivo di squadra, mentre Nicolò Mori (E2 - TM Racing), nonostante non sia perfettamente a suo agio su questi terreni, ha proseguito con determinazione. Nella classifica a squadre è d'obbligo segnalare il sorpasso della Francia ai danni della Gran Bretagna.


Una buona notizia è arrivata dai club dove la squadra italiana, composta da Nicolò Bruschi (C1 - Honda Team HM Honda-Zanardo), Davide Soreca (C1 - Yamaha Team Beta Boano) e *Jacopo Cerrutti* (C1 - TM Team Mefisto) ha riagguantato la seconda posizione scavalcando gli svedesi del Team Ostra 1, staccati adesso di 52". Continua a guidare indisturbato la classifica dei club il team spagnolo RFME con 6'49" sul Moto Club Italia.

  • Luke200824, Seregno (MB)

    FORZA RAGAZZI !

  • nuvola54, Scandiano (RE)

    six days 1989

    nel lontano '89 andai con mio cugino a Walldurn per la sei giorni, ricordo che la speciale di cross era in un poligono di tiro militare con tanto di carcasse di carri armati usati come bersagli. Per il resto i percorsi erano insignificanti anche per i "contrasti" con i "cosiddetti verdi ". Il ricordo piu' vivo e' nell'avere condiviso l'albergo con la nazionale francese; facevamo colazione con Petheransel ed il compianto Lalay. Una mattina Gilles si spolmono' cercando di avviare a calci la scorbutica Honda CRE 5002t. Ad maiora
Inserisci il tuo commento