Intervista

Ernesto Marinelli: “La Panigale V4 stradale è potente come la V2 Superbike”

- Dopo una vita trascorsa in Ducati, Ernesto Marinelli è ora il responsabile tecnico e di prodotto di Termignoni. Ci racconta a cosa sta lavorando e cosa pensa della nuova V4

Dopo 22 anni per la Ducati trascorsi nel mondo delle competizioni, Ernesto  Marinelli dallo scorso anno è il responsabile tecnico e di prodotto di Termignoni, la nota, prestigiosa azienda che dal 1969 produce impianti di scarico ad alte prestazioni per moto e scooter. 

Come Marinelli ammette in questa video intervista, dopo tanti anni il mondo delle corse gli manca, ma ha comunque modo di frequentare i paddock della Superbike e del CIV per collaborare con i piloti e i team che utilizzano i prodotti Termignoni nelle competizioni: un'attività che rappresenta un vero e proprio banco di prova a cielo aperto per l’azienda piemontese.

Una parte del cuore di Ernesto è ancora legata alla Ducati, e non potrebbe essere altrimenti, visto che la tesi che lo ha laureato ingegnere verteva proprio sulle moto dell’azienda bolognese, che lo ha prelevato direttamente dall’università e lo ha assunto dopo poche settimane di stage.
Ed è quindi con particolare interesse e passione che Marinelli ha lavorato all’impianto di scarico della nuova Panigale V4, la moto con la quale Ducati cercherà di spodestare la Kawasaki dal trono del mondiale Superbike. 
L’impegno di Marinelli e di Termignoni ovviamente non riguarda solo le moto da pista, ma anche quelle progettate e realizzate per l’utilizzo sia su strada che offroad. Una grande varietà di prodotti che hanno come comune denominatore la qualità e l’incremento delle prestazioni.  

  • Alessandro200958, Mogliano Veneto (TV)

    E' un tema molto interessante anche da un punto di vista tecnico.
    Dimostra che le moto di oggi sono veramente le motogp dei primi anni.

    Devo però dire che la mia sensazione, e Kawa insegna, è che oggi le gare le vinci di telaio e di trazione...
    E mi pare che sia così in tutte le categorie.
    Hanno provato a "indebolire Kawa" con la limitazione dei giri, ma hanno ottenuto un effetto ancora peggiore, togliendo punta hanno aumentato coppia migliorando, probabilmente, anche la gestione dell'alerazione.
    Risultato: Kawa ancora più forte.

    Mi pare che a Ducati manchi telaio più che cavalli.
  • Miky93, Apricena (FG)

    La v4 Panigale r sarà l'arma ducati nel 2019
    Vedrete tutti che non vincerà solo in SBK ma su tutti i fronti.
    Attualmente è la moto di riferimento per tutte le case motociclistiche.
    Vediamo Rea se saprà tener testa ad un Bautista che viene dall'esperienza MotoGP
Inserisci il tuo commento