Öhlins TTX. L'arma definitiva per il gravity [TEST]

  • di Alex Boyce
Il passaggio a un TTX, soprattutto se siete rider che amano sfidare le proprie capacità e divertirsi seriamente, in particolare sui percorsi gravity, è un grande vantaggio
  • di Alex Boyce
6 settembre 2022

Tolto telaio e motore nelle moderne eBike le sospensioni sono le componenti più importanti. Sono gli ammortizzatori infatti a rendere possibile una guida divertente anche su terreni accidentati e non solo su strada. Sono quindi un componente che influisce notevolmente sull'esperienza di guida. 

Ohlins è un importante produttore e fornisce componenti anche per la Motogp e l'MXGP. Ricco di questa esperienza, qualche anno fa, ha fatto il suo ingresso nel settore delle biciclette e, ultimamente, in quello delle eBike.

Per capire meglio i loro componenti e il loro funzionamento, abbiamo parlato a fondo con Eros Taboni approfondendo in particolare il funzionamento della sospensione posteriore. Noi abbiamo provato la TTX a molle. La maggior parte delle eBike è dotata di ammortizzatori ad aria. Quali sono le differenze che abbiamo notato? 

Pur avendo a disposizione alcuni dati tecnici, ci concentriamo soprattutto sulle sensazioni e sulle impostazioni reali che abbiamo scoperto utilizzando l'ammortizzatore.
 

Specifiche tecniche

Tecnologia TTX (doppio tubo)

Sistema: serbatoio pressurizzato ad azoto

Possibilità di ridurre la corsa di 2,5 mm utilizzando il distanziale presente nella confezione

3 livelli di regolazione della compressione ad alta velocità

16 click di regolazione della compressione a bassa velocità

7 click di regolazione dell'estensione

Peso: 490 g (basato su 250x70 mm)

Prezzo : 940 euro


Questa la descrizione di Öhlins: "Il design a doppia camera d'aria controlla il flusso d'olio bidirezionale attraverso il pistone e i doppi tubi. In questo modo è possibile regolare l'olio quando passa attraverso le valvole di compressione e di estensione e quindi controllare la pressione su ciascun lato del pistone". In parole povere, ciò significa che lo smorzamento è più costante, soprattutto nelle lunghe discese in velocità.

Il corpo dell'ammortizzatore è in alluminio lavorato a macchina, di qualità eccezionale al tatto, anche quando si usano le manopole di regolazione, anch'esse lavorate con precisione e molto facili da girare anche con i guanti. Il numero di regolazioni disponibili è a nostro avviso fondamentale, in quanto sono sufficienti per fare una differenza significativa, senza sovraccaricare l'utente.

L'ammortizzatore è facile da cambiare e dispone di clip di qualità e anche di viti di arresto per la regolazione del precarico in modo da evitare vibrazioni e allentamenti. 

Le molle sono colorate con il caratteristico giallo öhlins e sono disponibili in incrementi di 23 libbre, in modo da poter regolare l'ammortizzatore perfettamente per ogni pilota. Per ottenere la corretta messa a punto, prima dell'ordine Öhlins fornisce uno strumento per suggerire la messa a punto sul proprio sito web. Tuttavia, quando si monta un ammortizzatore di questa qualità, suggeriamo di rivolgersi ai rivenditori locali che vi guideranno attraverso il processo di messa a punto.  

Il peso è un aspetto importante da considerare: nel complesso sono più pesanti degli ammortizzatori ad aria, ma molto dipende ovviamente dalla lunghezza e dallo stile dell'ammortizzatore.

È importante ricordare che non tutte le biciclette sono ideali per gli ammortizzatori elicoidali, a seconda dei leveraggi e dei tassi di progressione. Il rapporto di leva aumenta con l'aumentare del tasso di molla. I modelli meno progressivi non sono ideali per gli ammortizzatori elicoidali.

"In parole povere, un tasso crescente si riferisce a una sospensione che diventa più dura da comprimere (più rigida) man mano che procede nella sua corsa. Al contrario, un tasso decrescente diventa più facile da comprimere (più morbido) man mano che si sposta nella sua corsa. I flat rate si spiegano da soli: la forza necessaria per comprimere la sospensione rimane relativamente costante per tutta la corsa".

La manutenzione di un ammortizzatore elicoidale come il TTX è più rapida e semplice per un centro di assistenza. Inoltre, è più facile identificare perdite e problemi su un ammortizzatore elicoidale, poiché il sistema è più semplice e, a nostro avviso, è un progetto che richiede meno attenzioni.  

Se si acquista un TTX e successivamente si cambia bici, è possibile far "ricostruire" l'ammortizzatore per la nuova moto, cambiando anche la lunghezza della corsa e la regolazione degli spessori. Si tratta di una funzione molto utile che protegge il vostro investimento tecnico a lungo termine.

 

Setup

Sag - Quando si monta un nuovo ammortizzatore, è necessario il giusto "peso" della molla per un determinato peso del ciclista. Si misura poi la quantità di sag con il ciclista a bordo in posizione statica, che dovrebbe essere intorno al 27%.

Compressione - Suggeriamo di lasciarla aperta all'inizio e di aggiungere i click in base all'esperienza del pilota e allo stile di guida. Non si vuole che sia dura, ma solo che sia sufficiente a resistere agli urti peggiori, controllando così la corsa della sospensione.

Rebound - Con soli sette clic, questa è la regolazione dell'estensione più semplice che abbiamo mai usato. L'abbiamo impostata al centro e l'abbiamo lasciata lì per la maggior parte delle nostre uscite.
 

 

Come va?

Ufficialmente la TTX non ha un blocco, anche se la terza posizione di compressione aggiunge una quantità significativa di "carico" al circuito della sospensione. Quindi su consiglio di Ohlins abbiamo utilizzato questa modalità su salite ripide o lunghe, che si attiva molto facilmente semplicemente azionando l'interruttore sul piggy back dell'ammortizzatore. Possiamo considerarlo come un blocco quindi anche se non un blocco completo al 100%.

In questa modalità si sente che l'ammortizzatore si muove, ma non eccessivamente, eliminando qualsiasi oscillazione che potrebbe derivare dal movimento del pedale. In questo modo si mantiene una sensazione di maggiore efficienza nel movimento in avanti della bicicletta.

Se si pedala senza attivare questa funzione e si lascia il circuito aperto, non diremmo che il ciclista nota un'enorme differenza, poiché se la messa a punto dell'ammortizzatore è stata eseguita correttamente per la particolare configurazione del telaio, la bicicletta continua a pedalare molto bene, solo che ha un po' più di movimento in ogni compressione.

Nel complesso, rispetto a un ammortizzatore ad aria, abbiamo trovato l'esperienza molto simile nella fase di pedalata in salita.

In discesa abbiamo notato un miglioramento significativo nel modo in cui la bicicletta risponde al terreno con l'ammortizzatore a spirale montato rispetto alla molla ad aria. Ci siamo ritrovati con una sensazione di maggiore assenza di fondo dopo i grandi colpi. I dati della curva della molla suggeriscono chiaramente questa caratteristica. Significa che nei grandi colpi e nei salti la molla resiste meglio ed è più progressiva, il che si traduce in un atterraggio più morbido e in un effetto meno stridente rispetto alle configurazioni degli ammortizzatori ad aria che abbiamo provato.

Tuttavia, c'è anche dell'altro: una delle caratteristiche che abbiamo percepito è che la ruota posteriore rimane a contatto con il terreno, apparentemente grazie al design a doppio tubo in compressione che passa a un comportamento a tubo singolo in ritorno. In questo modo si ottiene una pressione di ritorno più elevata e veloce, controllando meglio il movimento della ruota posteriore e migliorando così la trazione.

Sui sentieri più stretti, con molte piccole rocce, la sensibilità agli urti più lievi è estremamente buona. Abbiamo scoperto di avere una sensazione più fluida nelle curve e in tutti gli elementi del percorso, che, in parole povere, significa più controllo.

Nelle discese molto lunghe, inoltre, abbiamo riscontrato una sensazione di costanza nelle prestazioni della sospensione, poiché la molla ad aria dell'ammortizzatore non si riscalda e il movimento della molla rimane costante per tutto il percorso. Se fate discese molto lunghe, è chiaro che dovete usare un ammortizzatore elicoidale.

In tutte le diverse regolazioni che abbiamo utilizzato, abbiamo riscontrato che l'ammortizzatore TTX ha un comfort di utilizzo più ampio, abbiamo avuto bisogno di essere meno precisi rispetto a un ammortizzatore ad aria per ottenere prestazioni eccellenti sulla configurazione iniziale.  È sorprendente il livello di "semplicità" che il TTX apporta alla bicicletta. Si potrebbe pensare che, senza averlo provato, avremmo speso più tempo per la messa a punto, mentre in realtà è vero il contrario.  

È importante impostare la molla con il giusto peso, è facile da cambiare e offre un'esperienza di guida più costante e piacevole, mentre una molla troppo morbida o troppo dura avrà l'effetto opposto. A tal fine, suggeriamo di assicurarsi che l'ammortizzatore venga montato da un meccanico qualificato durante il processo di acquisto.

 

Conclusioni

Potremmo dilungarci molto di più, ma considerando che le sospensioni possono essere molto personali, vi suggeriamo di provare un TTX per scoprire come potrebbe cambiare la vostra esperienza di guida. A nostro avviso, il passaggio a un TTX a molla, soprattutto se siete rider che amano sfidare le proprie capacità e divertirsi seriamente, in particolare sui percorsi gravity, sarebbe un vero vantaggio. L'esperienza effettiva sulla bici è notevole, i salti diventano più morbidi e meno duri all'atterraggio, il controllo della bici migliora sui terreni accidentati e nelle lunghe discese le prestazioni diventano più costanti.

Gli aspetti negativi sono che la prima volta la messa a punto è un po' più complicata rispetto a un ammortizzatore ad aria e il prezzo è un po' più alto, oltre al fatto che è necessario acquistare la molla giusta. Inoltre, questo ammortizzatore a spirale potrebbe non funzionare su tutti i tipi di telaio. Tuttavia, se decidete di fare questa scelta, il TTX  può seguirvi se decidete di cambiare bicicletta. Il peso aggiuntivo su una eBike è trascurabile.

In conclusione se siete dei ciclisti appassionati, è difficile non consigliarvi uno di questi ammortizzatori: Öhlins ha fatto un lavoro eccellente con il design e ha mantenuto la semplicità e le prestazioni, sì a un prezzo, ma con un'eredità di prestazioni serie dal mondo degli sport motoristici, vale l'investimento per i ciclisti non occasionali. 

Hot now

Caricamento commenti...

Hot now