CIV, Delbianco con Nuova M2 (Aprilia): SBK in forte ripresa

CIV, Delbianco con Nuova M2 (Aprilia): SBK in forte ripresa
Carlo Baldi
L’ennesima conferma del rilancio della SBK nell'Italiano, pronta ad accogliere tra gli altri anche Krummenacher, Smith e Canepa
9 dicembre 2021

Alessandro Delbianco è stato l’avversario più ostico per il Campione Italiano SBK 2021 Michele Pirro, tanto che ha concluso al secondo posto della classifica del campionato ed in alcune gare che si sono concluse a suo svantaggio solo per pochi millesimi. Con l’obiettivo di puntare al titolo nel 2022, il pilota di Rimini gareggerà con l’Aprilia RSV4 1100 della Nuova M2 Racing. Al suo fianco il confermato Alex Bernardi, pilota in ascesa che ha chiuso la stagione 2021 con il podio nell’ultimo round di Vallelunga, nonché con il titolo nella Coppa Italia Velocità Superbike Pirelli Cup.

Una coppia certamente competitiva, ma che non avrà vita facile in un campionato 2022 che si preannuncia finalmente con una griglia qualitativamente e quantitativamente di alto livello. Merito della centralina unica introdotta quest’anno dalla FMI, che ha livellato le prestazioni delle moto a tutto vantaggio dello spettacolo, con BMW, Honda, Aprilia e Yamaha in grado di lottare ad armi pari con la Ducati, che ha comunque prevalso grazie all’abilità di Pirro e del Barni Racing Team.

A queste case il prossimo anno si aggiungerà anche la Kawasaki con il team Black Flag Motorsport che potrebbe schierare Kevin Manfredi e Bradley Smith che hanno già testato la Ninja ZX-10RR in due giornate di test svolte a Jerez. La Yamaha non sta certo a guardare visto che al momento sono già due le squadre che porteranno in pista la R1: il Team Speed Action e Keope Motor Team, mentre per i piloti si fanno i nomi degli ex Campioni del Mondo Niccolò Canepa (Mondiale Endurance 2017) e Randy Krummenacher (Mondiale Supersport 2019), due nomi che oltre a dare spettacolo in pista darebbero lustro all’intero campionato.

In casa Honda si punterà sulla comprovata competitività del DMR Racing e della Scuderia Improve. Quest’ultima ha iniziato una collaborazione con il Team Blacksheep, dando vita ad una partnership che dovrebbe portare altre quattro CBR Fireblade al via del prossimo Campionato Italiano Velocità.

La Ducati punta ovviamente sul campione uscente Michele Pirro e sul Barni Racing Team, nonché sull’esperienza e sul talento di Lorenzo Zanetti e del Broncos Racing Team di Luca Conforti. Il team Guandalini dovrebbe invece restare fedele alla BMW che potrebbe essere presente anche con il team B Max Racing che quest’anno ha schierato Gabriele Ruiu e che non nasconde ambizioni mondiali.   

Da Automoto.it

Hot now

Caricamento commenti...