MotoGP

Stefan Bradl su Jorge Lorenzo: “La vita del collaudatore è tutt’altro che facile”

- Il tedesco della Honda ha risposto anche ad alcune domande sul cinque volte campione del mondo, indicando nella scarsa preparazione fisica la causa delle difficoltà avute dal maiorchino a Portimão
Stefan Bradl su Jorge Lorenzo: “La vita del collaudatore è tutt’altro che facile”

“Fare il collaudatore non è semplice, perché bisogna lavorare su se stessi e tenersi in forma esattamente come un pilota titolare, ma senza avere il continuo riscontro della pista e la cadenza fissa degli appuntamenti con i Gran Premi” – Lo ha detto Stefan Bradl in una intervista rilasciata nelle ultime ore, in cui, oltre a tracciare un bilancio della sua stagione e ad illustrare le prospettive per il futuro, ha anche risposto ad alcune domande su Jorge Lorenzo e, più in generale, sul ruolo di tester. “E’ stato evidente – ha detto Bradl – che Jorge Lorenzo non era in forma a Portimão. Ho letto che non aveva in programma quei test e, quindi, probabilmente non s’è fatto trovare pronto. Chi vince cinque mondiali, comunque, non perde velocità così rapidamente, è stata solo una questione di mente e corpo non allenati”.

Contrariamente alle durissime parole pronunciate nei confronti del maiorchino nel 2019, quando il 99 guidava la Honda del team Ufficiale (Lorenzo è preoccupante, sembra non sappia neanche da dove cominciare). L’atteggiamento di Bradl è questa volta decisamente più assolutorio. “È ovvio che non fosse in buona forma nei test di Portimão, ma non so da quanti mesi non guidava la moto. È importante allenarsi in questo sport, non puoi correre senza allenamento. Non discuto un cinque volte campione del mondo, perché è chiaro che sia ben capace di guidare. Però forse la sua motivazione come collaudatore non è così grande come in passato. Non so cosa vorrà fare in futuro, se godersi la vita o stare ancora a contatto col paddock. Toccherà a lui decidere, e se vorrà fare il tester deve sapere di non poter rinunciare all’allenamento, perché un collaudatore deve essere sempre pronto, pur avendo meno occasioni e meno motivazioni”.

  • Papino1968, Brugherio (MB)

    Io trovo che le affermazioni di Rossi in conferenza stampa avrebbero mandato fuori di senno chiunque.
    E poi se Rossi ne aveva doveva andaresene...

    Però pochi ricordano Philip Island 1990. 4 contro 1...
    Vinse il piccolo prodigio italiano e in Italia nessuno fece polemiche.
    Quella si che fu una porcata...
    Ciao
    Giorgio
  • Marci 1952, Milano (MI)

    Ma nessuno ha avvertito Bradl che i titoli di Lorenzo sono 4 + 1 regalatogli dal BMK 93?
Inserisci il tuo commento