Rossi: "Siamo completamente fuori strada"

Rossi: "Siamo completamente fuori strada"
Giovanni Zamagni
Valentino non nasconde i problemi: “La moto è nervosa, scivola tantissimo”. Poi ironizza: “E’ stata una tattica…” | G. Zamagni, Le Mans
16 maggio 2014

Punti chiave

LE MANS – E’ forse il peggior venerdì dell’anno per Valentino Rossi, non tanto per la posizione (decimo a 1”046) quanto per la difficoltà nel trovare una buona messa a punto della M1.
«Non sono contento, in particolare per come sono andate le prove del pomeriggio. Nelle FP1, perlomeno, avevo fatto un buon giro alla fine e avevo un passo discreto, ma nelle FP2 la moto scivolava parecchio, non siamo riusciti a trovare un buon bilanciamento. Le due moto avevano un assetto differente (e anche due telai leggermente diversi, perché quello nuovo, utilizzato da Rossi anche a Jerez, è per il momento disponibile in un solo esemplare per pilota, NDA): soffro tanto in accelerazione, la moto si muove e per questo perdo tempo. Abbiamo tentato di intervenire e di fare delle modifiche, ma non abbiamo trovato la strada giusta: bisogna assolutamente capire come fare per migliorare, perché è fondamentale riuscire a stare nei dieci nelle FP e nei primi cinque in qualifica».


Eppure questa è una pista teoricamente favorevole alla Yamaha…
«Infatti Lorenzo è andato forte: è indietro in classifica solo perché ha girato sempre con le stesse gomme, mentre gli altri ne hanno montata una nuova per fare il tempo. Jorge quindi è competitivo, mentre a me mancano dei decimi: la moto è nervosa, si muove troppo, dobbiamo fare un grande cambiamento per domani mattina, quando bisognerà anche conservare la gomma posteriore più morbida, perché probabilmente la utilizzeremo in gara».


Qui le Open e le Ducati con la gomma extra soffice possono rappresentare un problema?
«Sicuramente, qui sono avvantaggiate, perché in qualifica hanno la copertura più morbida e per la gara hanno a disposizione la stessa gomma che probabilmente utilizzeremo noi».


In una MotoGP dove è molto difficile recuperare, partire male il venerdì può essere un problema?
«Spero e penso di no. Diciamo che è stata una tattica: nel 2013 ero partito forte il venerdì (3° a 0”138 da Pedrosa, NDA) ed ero andato male il sabato (8° a 0”822 da Marquez, NDA), questa volta abbiamo deciso di invertire la situazione. Per il momento sono riuscito ad andare male il venerdì, vediamo se sarò capace di essere veloce domani…».

Ultime da MotoGP

Hot now

Caricamento commenti...