Video

MotoGP. Manuel Pecino: “Ezpeleta pensa a 10 gare a porte chiuse”

- Nel settimane appuntamento con la Spagna, Manuel (pecinogp.com) ci aggiorna sulle ultime dichiarazioni del numero uno della Dorna: “Per la prima volta, Carmelo ha parlato di meno dei 13 GP previsti dalla FIM per omologare il mondiale. E senza pubblico”

Appuntamento settimanale, via skype, con la Spagna, con la casa di Manuel Pecino (Manolo). Questa volta Manolo parla di un’intervista rilasciata da Carmelo Ezpeleta a un giornale spagnolo. 

“Per la prima volta, Ezpeleta parla di un campionato del mondo con meno delle 13 gare minime previste dalla FIM per considerare valido il campionato. L’idea è quella di fare una decina di gare, probabilmente in Europa: è di ieri la notizia che la Malesia ha fatto sapere che nel 2020 non ci saranno eventi con il pubblico. Ezpeleta ha anche spiegato come sta aiutando i team di Moto3 e Moto2 (25.000 euro a pilota, NDA) e ha ammesso di avere l’incubo che il campionato non si disputi. La sua intenzione, comunque, è quello che il campionato si faccia a porte chiuse: in questo modo, salverebbe gli introiti televisivi, quelli della pubblicità in circuito, perdendo “solo” i biglietti. Voglio essere ottimista, io credo si possa fare. Certo, sarebbe un campionato anomalo, con delle sorprese, ma l’importante è correre”.

  • quagliodromo, Telgate (BG)

    Non capisco qual'è il problema di assegnare un titolo con 1, 10 o 20 gare.
    Il principio è sempre che chi arriva primo vince, no? E poi qualsiasi appassionato dovrebbe essere entusiasta di poter vedere un po' di gare anche quest'anno.
  • gdn1963, Casale Monferrato (AL)

    Perchè non fare le gare che si riesce e accorparle come conta dei punti al campionato del prossimo anno?
Inserisci il tuo commento