MotoGP

MotoGP. I numeri sono contro Valentino Rossi

- Nei primi 4 GP, Rossi ho totalizzato solo 4 punti, per una media di un punto a gara che, purtroppo, conferma la tendenza negativa iniziata con la caduta a Misano2 nel 2020. Se va avanti così è difficile continuare e a Jerez, per la prima volta, il campionissimo ha ammesso: “Così non mi diverto”
MotoGP. I numeri sono contro Valentino Rossi

L’ha detto e ripetuto decine di volte: “In base ai risultati, deciderò se continuare a correre nel 2022”.

Valentino Rossi, per la verità, ha ancora voglia di fare il pilota, probabilmente non smetterebbe mai, anche se a Jerez, per la prima volta, ha ammesso: “Così non mi diverto”. I primi quattro GP sono stati ben al di sotto delle aspettative, con VR46 lento in prova - ad accezione del grande giro nel GP del Qatar, grazie anche al “gancio” di Pecco Bagnaia - e in grande difficoltà in gara.

Insomma, così diventa difficile continuare: a questo punto, è probabile che Le Mans, Mugello e Barcellona diventino decisivi per il proseguo della carriera del nove volte campione del mondo.

Dodici punti in 12 GP

Purtroppo, è da un po’ che Rossi non riesce a essere competitivo: l’ultimo risultato importante, Valentino l’ha conquistato nel 2020 nel primo dei due GP a Misano, quando è arrivato quarto, infilato alla curva del “Tramonto” da Joan Mir nell’ultimo giro.

In quella occasione, Rossi era stato veloce e costante, così come lo era stato nelle prime cinque gare del 2020, quando aveva conquistato il 199esimo podio in carriera a Jerez2.
Da Misano2, però, sono iniziati i problemi, difficili da spiegare: caduto a Misano2; caduto a Barcellona (quando si poteva giocare la vittoria); caduto a Le Mans sul bagnato alla seconda curva; assente ad Aragon1 e 2 causa Covid; caduto a Valencia1; 12esimo a Valencia2; 12esimo a Portimao; 12esimo a Losalil1 2021; 16esimo a Losalil2; caduto a Portimao; 17eseimo a Jerez.

In totale, fanno 12 punti in 12 GP, per una media di un punto a gara. E’ chiaro che così non si può pensare di continuare, ci vuole un cambiamento radicale: è possibile? I numeri sono contro Valentino, ma chi lavora con lui è convinto che si possa uscire da questa situazione.
Per riuscirci, però, Rossi deve tornare a divertirsi, cosa che inevitabilmente non sta accadendo.

Pedrosa, Lorenzo e Crutchlow. I precedenti

Negli ultimi tre anni, si sono ritirati tre piloti importanti come Dani Pedrosa (a fine 2018), Jorge Lorenzo (2019) e Cal Crutchlow (2020): nelle prime quattro gare disputate nelle rispettive stagioni, i risultati erano stati simili a quelli attuali di Rossi.

Vediamo nel dettaglio: il primo numero indica il piazzamento ottenuto in prova, il secondo in gara.

Come si vede, VR46 è quello che ha avuto il rendimento peggiore e i tre piloti presi in considerazione hanno smesso a fine anno, anche se per motivazioni e scelte differenti.

E’ chiaro che per quello che rappresenta Valentino Rossi, la scelta non è solo dettata dai risultati, c’è molto altro da tenere in considerazione. Ma le possibilità che Valentino dica basta aumentano con il calare delle prestazioni.

Rossi lo sa, serve una scossa importante.

  • XRossano, Albenga (SV)

    E' incredibile leggere certi commenti, per alcuni pare che Rossi sia diventato un problema sociale.Si fanno riferimenti alla meritocrazia oppure al fatto che toglie risorse agli altri...Allora chiariamo un po' le cose visto che le idee sembrano un po' confuse: togliere le risorse agli altri vuol dire chiedere sovvenzioni di vario tipo che magari non spetterebbero ,ma si ottengono grazie a redditi non dichiarati.Vuol dire evadere sistematicamente le tasse dovute non dichiarando le proprie entrate reali...Questo e' togliere risorse,per il semplice fatto che vengono tolte alle persone oneste.Io sono il primo a riconoscere che Rossi non e' certamente piu' il pilota che conoscevamo,ma se qualcuno e' disposto a spendere il proprio denaro per farlo gareggiare e lui vuol continuare a farlo che problema c'e'? In un Paese in cui albergano il parassitismo e l'evasione fiscale vi preoccupate di Rossi? Ma per favore
  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    Bho cosa serve accanirsi così... se si riprende bene se smette bene é un pilota di mgp come altri 9 titoli diventano 0 ad ogni inizio stagione... se dobbiamo vivere di ricordi non avremo dei degni successori di Rossi ... basta anche col parlarne Rossi non é 8l motociclismo c'è Franky Becco ecc basta dai sembra voler lucrare giornalisticamente sul " vecchietto " ... non vi basta quello che vi ha già dato ...
Inserisci il tuo commento