GP di Gran Bretagna

MotoGP, GP di Gran Bretagna Silverstone FP1: Marquez davanti a tutti

- Marc Marquez cade nel finale, distrugge la moto, ma è il più veloce, davanti a un bravissimo Aleix Espargaro e a Fabio Quartararo. Italiani: ottavo Pecco Bagnaia, 11esimo Danilo Petrucci, 16esimo Valentino Rossi, 18esimo Enea Bastianini, 20esimo Luca Marini, 22esimo Lorenzo Savadori, in difficoltà fisica
MotoGP, GP di Gran Bretagna Silverstone FP1: Marquez davanti a tutti

Nuvole, freddo: ben venuti a Silverstone, dove per domenica è previsto il tutto esaurito. Marc Marquez va subito fortissimo, sembra perfettamente a suo agio su questa pista, guida benissimo e con grande efficacia: è costantemente il più veloce. Nel finale, però, a 1’57” dal termine della sessione, Marc perde il controllo della sua Honda alla curva 2 (gomma fredda?): il volo è spaventoso, la moto è distrutta, lui, fortunatamente, si rialza apparentemente senza grandi problemi.

La caduta costringe la race direction a esporre la bandiera rossa, per poi far ripartire la sessione dopo aver pulito la pista: la botta è stata forte, però la sensazione è quella di un Marquez tornato ad altissimi livelli. Speriamo non abbia subito conseguenze nella caduta. Le immagini sembrerebbero escludere complicazioni.

Grande Aprilia

Nessuno ha montato la gomma soffice nel finale; qualche pilota ha cambiato gomma, mettendo però sempre una media nuova. Al secondo posto, un ottimo Aleix Espargaro, molto carico, come si era già capito ieri: “Sono felicissimo dell’arrivo di Vinales, ho spinto molto perché venisse preso: ma per lui non sarà facile starmi davanti…” aveva scherzato, ma non troppo, ieri il pilota dell’Aprilia, che su questa pista ha tutte le possibilità di essere competitiva. Inevitabilmente in difficoltà Lorenzo Savadori, tonato in moto dopo essere stato operato al malleolo destro il 9 agosto.

Bene Quartararo, Dixon al debutto

Fabio Quartararo si conferma veloce, sempre molto attento a lavorare per la gara: non ha fatto il giro “matto”, ma ha dimostrato grande concretezza. Buon passo in avanti per Cal Crutchlow rispetto all’Austria: il collaudatore, qui sostituito di Vinales, è 12esimo, con un discreto ritmo. Fatica invece Valentino Rossi, 16esimo, mentre Jake Dixon ha effettuato 17giri, finendo 21esimo a 2”998 da Marquez: non ha sfigurato.

Ducati un po’ in difficoltà

Ottimo quarto posto per il “mio” Pol Espargaro: chissà che non trovi un po’ di fiducia con questa moto che rimane critica sull’anteriore (è caduto anche Alex Marquez, senza conseguenze), mentre le Ducati, come previsto, faticano un po’ su questa pista, anche se Jack Miller è quinto, con Pecco Bagnaia ottavo e Johann Zarco nono. Caduto Jorge Martin, 13esimo.

Mir indietro

La Suzuki è settima con un Alex Rins discretamente costante, mentre soffre con Joan Mir, solo 15esimo: il campione del mondo è al debutto in motoGP su questa pista. Qualche difficoltà ci può stare.

  • Guido Marrucci, San Miniato (PI)

    Ma il gommista dov'è quando ci sono queste temperature?
  • Claudione#74, Savona (SV)

    Grande Marc!!! Che girare! Ho rivisto il Marc dei vecchi tempi, in questa pista forse la RC213V è anche un pò più a suo agio. La brutta caduta nel finale denota però che Marc rischia ancora troppo... si sta ricucendo la moto addosso e deve prendere un pò le misure, però occhio!!!
Inserisci il tuo commento